Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Te la dò io, la bancarella davanti al mio chalet!

San Benedetto del Tronto | Mazze da muratore. Sit in diurni e notturni. Polizia Municipale. Carabinieri. Denunce. Esposti. La saga bancarelle rilancia e raddoppia.

di Carmine Rozzi

La sig.ra Dina Di Girolamo in protesta.

La saga delle bancarelle non finisce anzi, rilancia e raddoppia. Il provvedimento “provvisorio” sembra fino ad ora aver scontentato tutti.  Ma lo scontento in certi casi si è tramutato addirittura in furia distruttrice. In questo periodo i primi esercenti avrebbero dovuto iniziare a montare le bancarelle sul tratto di Piazza Salvo D’Acquisto come concordato. Il condizionale è d’obbligo perché i residenti del luogo e gli esercenti hanno dissotterrato “l’ascia di guerra”. Nel caso specifico trattasi di mazza. E’ quella che la sig.Dina Di Girolamo si è portata appresso nell’assalto alla prima bancarella che ha timidamente provato ad installarsi.

La Di Girolamo, consorte del proprietario dello chalet “Malibù” che si trova a stretto ridosso della rotonda ieri, di ritorno dall’Ospedale “…..dove ho incontrato il Sindaco per caso e gli ho esternato la mia protesta e lui, per tutta risposta, mi ha detto che avrebbe voluto fare di più ma al momento era il massimo che si poteva ottenere.”, si ritrova con una bancarella quasi bella e pronta ed installata a ridosso del suo esercizio. Senza pensarci su due volte, si arma di mazza, entra nella bancarella con l’intenzione di sfasciare tutto. Ora, secondo legge, ci si può armare di mazza ma non si può entrare in casa d’altri senza chiedere permesso. Risultato ; intervento delle forze dell’ordine, sgombero della signora e possibile denuncia del proprietario della bancarella Marco Sorgi (nei riguardi della signora) per danni.

Finito qui ? Manco per sogno. Alle 18 ecco arrivare il sig. Maurizio Apostoli che, per assegnazione, deve sistemare la sua  di bancarella al posteggio nr.9. Ovvero nel bel mezzo della Rotonda. Ma qui seduta, questa volta placidamente, indovinate chi c’è ? La sig. Di Girolamo che conversa tranquillamente con un’amica. “… questo è suolo pubblico e come contribuente ne sto usufruendo, tutto qui “.

Arriva la Polizia Municipale, arrivano i Carabinieri, arriva la stampa locale, i residenti di zona, i curiosi, persino un cane randagio. E dell’Amministrazione ? Neanche l’ombra.
“Io non ho niente contro le bancarelle  - obbietta la Di Girolamo , solo dopo aver deposto la mazza -   ma qui bisogna lavorare tutti e se ci si copre la visuale dello chalet noi dobbiamo reagire”. A dire il vero la proprietà del Malibù, già un paio di mesi fa, in una delle innumerevoli riunioni tra le diverse parti aveva espresso chiaramente la sua posizione in materia. Verso le 19 il Sig. Apostoli smontava tutto e ripartiva. “ Io ero venuto qui per montare la bancarella e mi sono trovato davanti una cinquantina di persone ad osservarmi. Ricevendo qualche velata minaccia. E al posto indicato sedevano due signore. Non ci sto ad essere umiliato. Per cui vado via.”

Riassunto. Scontenti gli ambulanti, scontenti gli esercenti, e scontenti, se non in misura maggiore, i residenti. Come tiene a precisare il sig. Giacinto Urbanelli, ex membro del comitato di quartiere locale. “Non è stato sentito il parere dei residenti che hanno chiesto a gran voce di lasciare libero il Lungomare ai cittadini. Non al commercio spicciolo. Ho sentito che tutti i presidenti di Comitati di quartiere sono disposti ad una assemblea pubblica dove affrontare gli argomenti e trovare una soluzione più consona ed adatta per questo tipo di attività.”

Una soluzione più consona potrebbe essere Via dei Mille …… Ma Via dei mille non va bene agli esercenti ambulanti. Poi ci sarebbe il dislocamento sul lungomare….. Ma il Lungomare non va bene ai residenti. Per soluzione ci sarebbe la rotonda Salvo d’Acquisto. Ma la Rotonda non va bene agli esercenti di chalet residenti sul luogo. Per soluzione ci sarebbe……...To be continued !
Come dicono nei polpettoni americani alla fine di ogni puntata.

Inatanto bisogna dare atto alla Sig. Di Girolamo di essere una donna di parola. Aveva promesso che avrebbe continuato la sua protesta ad oltranza. Anche per tutta la notte. E, prendendola in parola, ci siamo recati a mezzanotte in Piazza Salvo d’Acquisto per controllare. E la Sig. era lì, seduta sulla sua sedia, avvolta un uno scialle, con un signore, forse parente, a farle compagnia.
“ Glie l’avevo detto, da qui non mi muovo. Ho sentito da fonte sicura che volevano tornare alle due di notte. Sono qui ad aspettarli”. E con queste premesse, la preannunciata riunione del quartiere Mare Sentina di questa sera alle ore 21 sarà da non perdere. 

17/06/2005





        
  



4+4=
A destra Maurizo Apostoli, e l'altro sig ? Un "body guard" ?
.....tuppe, tuppe marescià !.....
Dina Di Girolamo, ore 23'55 ; una donna di parola
Un portavoce dei residenti , il Sig.Giacinto Urbanelli

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

17/06/2020
“Cin Cin”: a tavola con i vini naturali (segue)
10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
21/12/2019
Autostrada, la situazione continua a degenerare (segue)
21/12/2019
La camminata in Sentina ha un doppio significato quest'anno (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
30/10/2019
Paese Alto, approvata la Ztl (segue)

San Benedetto

04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)