Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

La replica dell'impresa ERICA sulla cabina in Via Puglia

San Benedetto del Tronto | Cronistoria dei fatti, smentite le false dichiarazioni ed ammonimento per il futuro: "ulteriori dichiarazioni mendaci o inesatte saranno perseguite nei termini di legge"

di Mattoni Giuseppe e Mattoni Massimo*

Essendo stati chiamati in causa sulla questione della cabina elettrica di via Puglia, tenteremo di fare chiarezza, evitando i toni della rissa politica.
 
Convinti che si dà autorità ed autorevolezza ai propri argomenti con professionalità e competenza e non con accuse infondate, provederemo ad illustrare lo stato dei fatti, smentendo così le accuse che ingiustamente vengono mosse nei nostri confronti.
 
In primo luogo in riferimento alle dichiarazioni del Sindaco Martinelli apparse su ilQuotidiano.it in data 20 ottobre 2004, rappresentiamo che assolutamente non ci sono state strumentalizzazioni dell’impresa nei confronti dei genitori e del comitato di quartiere, non avendo l’impresa stessa nessun potere nei riguardi dei soggetti sopra menzionati.
 
In secondo luogo, riguardo alle opere di urbanizzazione, sottolineamo con determinazione che l’impresa ha versato interamente all’amministrazione comunale gli oneri di urbanizzazione. Questo fa si che la fornitura di tutti i servizi sono di competenza dell’amministrazione che ha riscosso gli oneri. 
 
In particolare l’importo versato è stato di 270 milioni così ripartiti: £ 92.716.451 per opere di urbanizzazione primaria, £ 69.969.306 per opere di urbanizzazione secondaria e £ 107.473.147 quale contributo commisurato al costo di costruzione. La realizzazione della cabina elettrica è a tutti gli effetti un’opera di urbanizzazione primaria ai sensi dell’art. 4 della legge 847 del 29 settembre 1964.
 
D’altro canto come gia sottolineato dall’ex Sindaco Perazzoli “ una cabina dell’enel non viene mai realizzata a beneficio di un singolo edificio”. Nonostante tutto, benché non fosse di nostra competenza ci siamo adoperati per lenire il disagio causato dal protrarsi dell’inadempienza dell’amministrazione. In primo luogo fornendo già da diversi anni corrente all’intero condominio.
 
A tale proposito cogliamo l’occasione per smentire categoricamente l’errata affermazione riportata dal il quotidiano.it che asseriva che l’interruzione provvisoria dell’energia elettrica era conseguenza della mancata approvazione della realizzazione di un altro progetto. L’interruzione si era resa necessaria in quanto il condominio, credendo a quanto sostenuto dagli amministratori, ci riteneva  responsabili della situazione e pertanto non ci rimborsava quanto dovuto per l’erogazione dell’energia.
 
Dopo un chiarimento ed il saldo delle somme da noi anticipate si è ripresa la fornitura.
In secondo luogo abbiamo proposto di inserire la realizzazione della cabina in un altro intervento, per cercare di venire incontro alle difficoltà degli amministratori nel reperire un’area idonea. Ma anche in questo caso l’amministrazione non è riuscita a dare seguito a quanto concordato.
 
Si coglie altresì l’occasione per rispondere ai quesiti mossi dall’opposizione riguardanti l’intervento di sistemazione esterna. A tale proposito rappresentiamo che la quota del marciapiede e l’allineamento del fabbricato sono stati depositati presso l’ufficio urbanistica e concordati con l’ufficio lavori pubblici, e fu il dirigente che in un sopralluogo ci prescrisse le quote del marciapiede oggi realizzato. Il dislivello che si nota sul marciapiede di via Puglia probabilmente è dovuto al fatto che nei programmi della vecchia amministrazione era prevista la sistemazione globale della via riguardante entrambi i lati della strada, ed il rimodellamento del profilo stradale per arrivare in piano in corrispondenza dell’intersezione con la statale 16.
 
Se oggi l’amministrazione sta procedendo alla sistemazione della sola parte a sud e i criteri di intervento sono cambiati, con la conseguente mancata corrispondenza tra l’andamento altimetrico del piano stradale e quello del marciapiede questo non può essere addebitabile all’impresa.
 
Nella progettazione dell’opera fu discusso con l’amministrazione l’eventuale realizzazione delle opere di arredo urbano e di sistemazione, naturalmente da realizzare a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Questa eventualità fu scartata dagli amministratori perché l’intervento su via Puglia e via Silvio Pellico era complesso e doveva comprendere anche il rifacimento delle opere fognarie. Per questo motivo come prima menzionato le opere di urbanizzazione sono state completamente monetizzate. L’intervento sulla fogna di via Puglia che raccoglie acque bianche e nere è più che mai necessario in quanto essa è ridotta un colabrodo, si tappa facilmente e l’ostruzione fa si che le acque putride ruscellino fra la proprietà del condominio Mattoni e la scuola Materna. Problema analogo si ha su via Silvio Pellico dove i tombini ostruiti non ricevono l’acqua piovana facendola defluire lungo la sede stradale.
 
Per ultimo teniamo a difendere la qualità dell’intervento che può essere criticato solo da chi non ricorda lo stato in cui versava l’isolato. Inoltre teniamo a precisare che l’impresa ha ceduto a titolo gratuito numerosi posti macchina su via Puglia, oltre  allo spazio per predisporre la fermata degli autobus lungo la statale, e realizzato una piazza lasciata ad uso pubblico, questo nella volontà di collaborare con le amministrazioni, quando ce ne viene data la possibilità, nella riqualificazione urbana a sostegno della qualità della vita.
 
Per finire teniamo a precisare che le affermazioni che ci hanno visti interessati recano danno all’immagine dell’impresa e se ci dovessero essere ulteriori dichiarazioni mendaci o inesatte, esse saranno perseguite nei termini di legge.
 
*Impresa E.RI.CA.
B.go G. Leopardi 53 - Offida

24/10/2004





        
  



1+5=

Altri articoli di...

San Benedetto

18/02/2019
Samb-Ternana: indetta la giornata rossoblu. (segue)
18/02/2019
Vittoria importante per il Grottammare (segue)
17/02/2019
Samb-Fano: solo noia! (segue)
16/02/2019
Un Centobuchi rinato, ma nulla può ad un Atl. Ascoli superiore. (segue)
15/02/2019
Martedì 19 febbraio si parte per un “Viaggio alla Terra di Mezzo” (segue)
15/02/2019
Un punto importante per il Grottammare a Chiaravalle (segue)
14/02/2019
Paola Barbato presenta il libro “Io so chi sei". Conversa con la Scrittrice Eliana Enne. (segue)
14/02/2019
Simone Tempia e Gianluca Marinangeli domenica 17 febbraio per il quarto appuntamento di In Art (segue)

Cronaca e Attualità

14/02/2019
Attività di prevenzione antidroga al "Giardino Colucci" : intervento della Guardia di Finanza (segue)
11/02/2019
Unificati i servizi di prevenzione delle dipendenze (segue)
11/02/2019
Borse di studio per studenti delle superiori (segue)
11/02/2019
Auguri a Dea Cappella per i suoi 100 anni (segue)
10/02/2019
Inaugurata la mostra fotografica Frammenti di Storia il 9 febbraio presso la Prefettura di Ascoli (segue)
07/02/2019
Al Palasport "La Pace è servita!": il Meeting della Pace 2019 dell'ACR (segue)
07/02/2019
Senza tregua l'attività di repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti della Polizia di Stato (segue)
04/02/2019
Partono dal "neo" gruppo le attività dei reparti territoriali nell'intera provincia (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino