Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'Ascoli vince in casa col Bari ed è terzo in classifica. 3-1

Ascoli Piceno | Doppia espulsione per i portieri del Bari e prima doppietta stagionale per Bucchi

di Federica Poli

Ascoli (4-4-2): Maurantonio; Martinelli (28’st De Martis), Cudini, Brevi, Modesto; Capparella (1’st Fini), Monticciolo, Cristiano (42’st Belingheri), Antonelli; Bucchi, Colacone. A disposizione: Coppola, Ghidini, Lauro, Eliakwu. All.: Silva.
Bari (4-4-2): Gillet; Doudou, Sibilano, Bianconi, Bellavista; La Vista (25’st Di Bitonto), Gazzi (37’st Goretti), Carrus, Scaglia; Santoruvo (14’st Pagana), Motta. A disposizione: Micolucci, Romanelli, La Fortezza, Anaclerio. All.: Carboni.
Arbitro: Rocchi di Firenze.
Reti: 1’ Motta, 21’st Bucchi, 26’st Colacone (rig.), 40’st Bucchi (rig.).
Ammoniti: Colacone, Carrus, Monticciolo, Bellavista.
Espulsi: Gillet al 24’st e Di Bitonto al 38’st, entrambi per fallo da ultimo uomo.
Recupero: 3’ + 3’.


Pronti via: gol del Bari di Motta al secondo minuto.

Un Ascoli all’impasse e permette alla squadra di Carboni di amministrare il vantaggio per tutto il primo tempo.

I bianconeri schierati in campo sono gli stessi della scorsa gara con il rientro di Capitan Cristiano al centrocampo e, a destra, Capparella al posto di Fini. Eppure gli undici di Silva stentano a inquadrare la porta.

La Vista, ex di riguardo, si produce in diverse sortite in area avversaria mal contrastato da un Modesto veramente in difficoltà. La fascia destra è, evidentemente, la più sofferente e occorre correre ai ripari.

Ad eccezione di un colpo di testa di Cristian Bucchi l’Ascoli nulla produce per i primi quarantacinque minuti.

Al secondo tempo l’ingresso di Michele Fini sulla fascia destra al posto di un Capparella  in ombra, concede ai marchigiani un po’ di respiro e da lui partono i primi assalti alla porta di Gillet.

Al 21’ Antonelli crossa dalla sinistra, Colacone non raccoglie, ma è lesto Bucchi a infilare in rete. Parità.

Appena pochi minuti e il portiere biancorosso atterra in area l’imprendibile Cristian bianconero e l’arbitro Rocchi decide per l’espulsione e rigore trasformato da Colacone. Ascoli in vantaggio e Bari in dieci.

I galletti  affondano con DouDou che tenta di beffare Maurantonio che smanaccia e sfila via la palla dal sette.

Al 39’ il portiere nuovo entrato Di Bitonto, ex bianconero, compie lo stesso errore di Gillet ed atterra in area Colacone. La storia si ripete: di nuovo Rocchi decreta espulsione dell’estremo e concede il rigore alla squadra di casa. Trasforma Bucchi.

Con in porta Scaglia l’Ascoli non spinge più il piede sull’acceleratore. La vittoria è ormai al sicuro.

La classifica fa respirare aria di Paradiso.

Siamo ancora a Ottobre e questo non è un particolare da dimenticare.

24/10/2004





        
  



5+4=

Altri articoli di...

Sport

04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
05/01/2020
GROTTAMMARE - SASSOFERRATO G. 1 - 0 (segue)
05/01/2020
Un Porto D'Ascoli super vince e convince contro il Marina con 4 reti (segue)
04/01/2020
Un buon Centobuchi cede ai colpi precisi della Civitanovese. (segue)

Ascoli Piceno

10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
17/12/2019
Prefettura:"Festività natalizie, Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
25/11/2019
Carlo Crivelli e il suo polittico di Sant’Emidio (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji