Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

La voce di Barbara Cavaleri

San Benedetto del Tronto | Barbara Cavaleri "So rare"

di

Barbara Cavaleri

"So rare"

Barbara Cavaleri è certamente una delle voci più interessanti del panorama italiano frutto di una seria impostazione vocale grazie alla scuola del Conservatorio di Novara, sua città natale, e alla frequentazione di un coro gospel. Barbara D'Agostino (questo il suo nome all'anagrafe) ha pubblicato un sensazionale disco d'esordio ("Ad un passo dal sogno") nel 2008 con il grande aiuto alla produzione di Leziero Rescigno e di Lagash, eclettico musicista, nonché bassista dei Marlene Kuntz, e ideatore di bei progetti musicali in cui l'elettronica va a braccetto con la canzone. Meno affascinante è stato il lavoro successivo del 2008 ("Someone's speaking") nel quale l'artista ha scelto di cantare in lingua inglese, idioma che ormai le appartiene grazie al lungo soggiorno avuto a Londra.

Oggi, dopo 6 anni di assenza dalla scena discografica, Barbara Cavaleri fa il suo rientro a Milano e pubblica "So rare", un lavoro di dieci canzoni tutte composte da lei e tutte cantate nuovamente in inglese. Con le magnifiche aperture di "Desire" e "Holes" l'artista snocciola una padronanza non indifferente di voce e di microfono, segno di una maturazione che certamente lascerà un segno in futuro. Accantonata la collaborazione di Lagash, Barbara Cavaleri continua a lavorare con Leziero Rescigno il quale avviluppa il suono in architetture elettroniche producendo l'intero "So rare" che malauguratamente incespica spesso nell'uso un po' troppo indiscriminato della tecnica di sovrincisione di piste vocali, spersonalizzando brani già poco ricchi di inventiva. Nel brano "November" torna l'atmosfera iniziale di "Ad un passo dal sogno" ma tutto accade in un risveglio brusco e mal identificato. L'identificazione è di per sé il nocciolo della questione di "So rare". E' ben inquadrabile negli stilemi del pop in brani come "Just do it again" o "Rainbow" ma poi si perde strada facendo in brani come "Don't disappear", "Up" o "Home".

Anche nel brano che da il titolo all'album le buone premesse sono disattese dall'abito costruito addosso alla canzone troppo infarcito di suoni che riempiono d'abbondanza senza lasciare segni, ma "So rare" resta un disco interlocutorio che non possiede mai il dono dell'incisività come era successo agli esordi quando l'artista cantava Mina, Vanoni e Vinicius. Suggerisce idee ma le rimanda indietro come se tutto dovesse essere riscritto daccapo. Probabilmente un cambio radicale e una scrittura più ragionata farebbero del bene a Barbara Cavaleri.

Voto 6/10

04/04/2014





        
  



1+1=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)
16/09/2019
Progetto Ecoriviera del Rotary Club di San Benedetto (segue)
16/09/2019
PROGETTO CREW, analizzati rischi e opportunità di un contratto di area umida per la Sentina (segue)
16/09/2019
Tutto pronto per la quarta edizione del Premio internazionale La Palma d'oro. (segue)
15/09/2019
Le due chiese di Santa Maria della Neve (segue)
10/09/2019
Convegno ADP-UNIVPM - 11/14 settembre 2019 (segue)
08/09/2019
Tanti sguardi, un unico orizzonte: San Benedetto del Tronto (segue)
31/08/2019
ANTONIO FUSCO presenterà il libro "Alla fine del viaggio" (segue)

San Benedetto

19/09/2019
Fermana-Samb: al via la prevendita dei 700 tagliandi messi a disposizione. (segue)
18/09/2019
Samb-Modena in programma mercoledì 25 Settembre alle ore 18.30: al via la prevendita dei tagliandi (segue)
18/09/2019
Fermana-Samb:arbitrerà Luigi Carella di Bari (segue)
17/09/2019
SASSOFERRRATO GENGA - GROTTAMMARE 0 - 0 (segue)
16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)
16/09/2019
Progetto Ecoriviera del Rotary Club di San Benedetto (segue)
16/09/2019
PROGETTO CREW, analizzati rischi e opportunità di un contratto di area umida per la Sentina (segue)
16/09/2019
Tutto pronto per la quarta edizione del Premio internazionale La Palma d'oro. (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji