Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Suor Eugenia Bonetti, una testimonianza forte e che scuote le coscienze

San Benedetto del Tronto | Una sala gremita ha accolto la responsabile dell’Ufficio tratta, Donne e Minori dell’Usmi, per il primo incontro sul tema dello sfruttamento della prostituzione.

Suor Eugenia Bonetti

Una sala gremita e calorosa ha accolto suor Eugenia Bonetti, domenica 29 aprile alle 17,30 presso l'auditorium di San Benedetto del Tronto.
L'incontro è stato il primo appuntamento per festeggiare il trentennale del Settimanale Diocesano l'Ancora.

Appena giunta, Suor Eugenia ha ricevuto in dono un bellissimo quadro del noto artista Grottammarese, Patrizio Moscardelli, dove vi era raffigurata Maria Maddalena, che grazie a Gesù, riuscì a spezzare le sue catene.

L'incontro è stato introdotto da Mimmo Minuto della libreria la Bibliofila, Pietro Pompei direttore dell'Ancora e da Simone Incicco, Capo Redattore dell'Ancora.
Suor Eugenia durante il suo intervento ha presentato il suo ultimo libro "Spezzare le catene" che tratta la tematica della prostituzione.

Tante le testimonianze portate dalla responsabile dell'Ufficio tratta donne e minori dell'Usmi (Unione Superiore Maggiori d'Italia), da Maria a Isoke, a Maris, donne che sono state tratte con l'inganno lontane dal loro paese di origine e sono state costrette dopo minacce, violenze carnali e psicologiche a prostituirsi e a vendersi sulla strada senza avere alcuna assistenza sociale.
Queste donne per lo stato non hanno identità, non hanno diritti di protezione da parte della legge e, in caso di sfruttamento, di abuso fisico, di vessazioni psicologiche o economiche non possono intraprendere alcuna azione legale. Sono esseri umani invisibili.

Le donne non sono lì per libera scelta, ma perché schiave e sono i nostri ragazzi, uomini, mariti e padri che cercano queste donne sui marciapiedi, nei night club o negli appartamenti.
Grazie all'impegno di tante suore e di tanti laici, sono state salvate dallo sfruttamento e dalla strada in questi anni oltre 6.000 donne che sono state inserite nella società.

Alla fine del suo intervento, tante sono state le domande da parte del pubblico.
La prima a prendere la parola è stata una mamma preoccupata del fatto che sempre più, anche a San Benedetto del Tronto delle giovani adolescenti per pochi euro, nelle scuole si vendano ai propri compagni.
Suor Eugenia ha risposto che un compito importantissimo è affidato ai genitori, agli insegnanti, agli educatori che devono trasmettere il significato della dignità e del rispetto del corpo, alle giovani generazioni.

È intervenuto poi il responsabile dell'associazione "On the road" che ha fatto presente come nelle nostre zone, sia vastissimo la piaga dello sfruttamento della prostituzione e come la Riviera (Martinsicuro, San Benedetto del Tronto, Grottammare) sia piena di case di appuntamenti.

L'ultimo intervento è stato quello di Don Federico che ha testimoniato come a Villa Rosa (frazione di Martinsicuro) tantissime prostitute soffrano con disagio e con voglia di riscatto la loro posizione sociale.
Suor Eugenia è rimasta contenta dell'incontro e ha ringraziato il settimanale Diocesano l'Ancora per aver avuto il coraggio di trattare questa tematica, perché la maggior parte della società civile, preferisce voltare faccia e far finta che queste donne non esistano.

Il prossimo incontro sarà con il vescovo Domenico Mogavero che tratterà il tema dell'immigrazione e si terrà presso l'auditorium comunale di San Benedetto del Tronto, venerdì 18 maggio alle ore 21.15.
Il vescovo di Mazara del Vallo verrà presentato dal vescovo Gervasio Gestori

30/04/2012





        
  



1+2=

Altri articoli di...

San Benedetto

27/07/2016
Jazz and Gourmet: in concerto il Giacinto Cistola Trio (segue)
27/07/2016
Un’ordinanza per affrontare l’emergenza rifiuti al Porto (segue)
27/07/2016
“Sorrisi nel deserto” al 32° Cabaret, amoremio! (segue)
27/07/2016
"Insieme" di Menicozzi e Orlandi: la mostra di una coppia nella vita e nell'arte. (segue)
27/07/2016
Ad agosto, la Fiorentina in Riviera con “Viola Days” (segue)
27/07/2016
Venerdì 29 luglio, alle ore 21,15 sulla Banchina Malfizia “Le Corali in Concerto” (segue)
27/07/2016
Capriotti: “Cosa vuole fare l'Amministrazione per eliminare o attenuare il degrado della Città?" (segue)
27/07/2016
Il Circolo Nautico Sambenedettese si tinge di Noir, con Giulio Perrone e Alessio Dimartino. (segue)

Cultura e Spettacolo

27/07/2016
Jazz and Gourmet: in concerto il Giacinto Cistola Trio (segue)
27/07/2016
“Sorrisi nel deserto” al 32° Cabaret, amoremio! (segue)
27/07/2016
"Insieme" di Menicozzi e Orlandi: la mostra di una coppia nella vita e nell'arte. (segue)
27/07/2016
Martinsicuro, tutto pronto per la settima edizione del Martinbook festival (segue)
27/07/2016
Venerdì 29 luglio, alle ore 21,15 sulla Banchina Malfizia “Le Corali in Concerto” (segue)
27/07/2016
Il Circolo Nautico Sambenedettese si tinge di Noir, con Giulio Perrone e Alessio Dimartino. (segue)
27/07/2016
Il cabarettista Maurizio Santilli all'Americo (segue)
26/07/2016
Intervista a Simona Samarelli (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus


Io e Caino