Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Domani chiude Adolfo De Carolis xilografo

Montefiore dell'Aso | L’attività prosegue a giugno con un importante convegno sulle donazioni artistiche

di Giamaica Brilli

Martedì primo maggio chiude la mostra "Adolfo De Carolis xilografo" allestita presso il Polo Museale di San Francesco a Montefiore dell'Aso. In questi giorni, fino a martedì, sarà possibile visitare la mostra ed il Polo Museale dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30.

Nel percorso espositivo è possibile ammirare 128 matrici lignee di varie dimensioni donate dalla famiglia degli eredi di Donella De Carolis (prima figlia di Adolfo) all'Amministrazione Comunale di Montefiore dell'Aso. Sono sei le sezioni della mostra: De Carolis e la xilografia, Le xilografie, gli affetti, De Carolis e il suo tempo, L'Eroica e la xilografia delle riviste: L'illustrazione libraria, D'Annunzio, Pascoli, i poeti greci, Le matrici.

L'evento è organizzato dal comune di Montefiore dell'Aso in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, la Provincia di Ascoli Piceno, il Comune di San Benedetto del Tronto, il Comune di Carpi, la distilleria Varnelli, Progetto Zenone, l'Associazione Culturale Agheiro e vede il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Marche.

L'occasione della mostra è nata dalla XV edizione della prestigiosa biennale di xilografia di Carpi dedicata appunto a De Carolis. Per Montefiore dell'Aso l'evento ha l'obiettivo di proseguire il percorso di valorizzazione del Maestro nell'arte incisoria.

Anche se l'esposizione chiuderà il primo maggio, non si concluderanno invece le iniziative legate all'evento. Sabato 16 giugno si terrà infatti l'importante convegno nazionale "... io ho quel che ho donato...Un collezionismo illuminato: il patrimonio privato al servizio della comunità", sul tema delle donazioni.

 

Prenotazioni, visite guidate, appuntamenti speciali per scuole e gruppi: 0734.938743 agheiro@gmail.com

30/04/2012





        
  



3+4=

Altri articoli di...

San Benedetto

31/08/2016
Grande successo per la gara di canna da riva organizzata dalla Apsd San Benedetto (segue)
31/08/2016
Terremoto, continuano le consegne: ad Arquata arrivano pane e pasta fresca e ombrelli (segue)
31/08/2016
Alla scoperta delle farfalle notturne della Sentina (segue)
31/08/2016
Il Fermo Pesca prosegue, ma il Mercato Ittico riapre il 6 settembre (segue)
30/08/2016
Antonella Baiocchi si racconta (segue)
30/08/2016
Ufficiale: Ferrario è un giocatore della Samb. (segue)
30/08/2016
La Collection Atletica Sambenedettese in evidenza al Memorial Leonardi (segue)
30/08/2016
Arché Live, come diventare “cittadini solidali” (segue)

Cultura e Spettacolo

31/08/2016
Alla scoperta delle farfalle notturne della Sentina (segue)
30/08/2016
Antonella Baiocchi si racconta (segue)
30/08/2016
La mostra “Cola dell’Amatrice – L’Indimenticabile” partirà da Ascoli Piceno a Dicembre (segue)
30/08/2016
Arché Live, come diventare “cittadini solidali” (segue)
29/08/2016
Utes, dal primo di settembre aperte le iscrizioni ai corsi dell’Anno Accademico 2016/2017 (segue)
26/08/2016
Bob Angel in Concerto alla Palazzina Azzurra (segue)
25/08/2016
Arriva a San Benedetto la quarta tappa del R-Evolution Summer Festival 2016 (segue)
25/08/2016
Terremoto, eventi culturali dedicati alle vittime (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus


Io e Caino