Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Viale Secondo Moretti: il “caso” della sostituzione di oleandri e lecci con palme “washingtonia”

San Benedetto del Tronto | Malumori tra i passanti. Il parere negativo dell’Assam rispetto a “interventi radicali”. L’assessore Poli: “stesso arredo rispetto alla zona riqualificata”

di Giovanni Desideri

Lavori in corso stamattina in viale Secondo Moretti: non solo nel tratto in fase di riqualificazione, ma anche in quello compreso tra viale Gramsci e via Curzi, dove alcuni lecci (specie protetta) e alcuni oleandri sono stati rimossi o spostati. Gli esemplari morti sono stati tagliati. Quelli rimossi verranno piantati altrove. Il risultato finale, come già nel tratto verso il ponte della ferrovia, sarà l’alternanza tra oleandri e palme, specie “washingtonia filifera”. L’intervento dovrebbe concludersi in una decina di giorni e realizzare una prospettiva uniforme per tutto il tratto di viale Moretti da via Curzi al sottopassaggio ferroviario, come afferma l’assessore ai lavori pubblici Poli.
 
Il lavoro degli operai ha incuriosito molti passanti, come spesso accade. E non sono mancati i commenti negativi all’operazione, specie per quanto riguarda il taglio delle piante “morte”. Alcuni dei tronchi tagliati non avevano infatti un aspetto così malandato.
 
Il sindaco Martinelli aveva emesso venerdì 6 maggio un’ordinanza per l’abbattimento di cinque lecci. Ma il servizio fito-sanitario della Regione Marche (l’Assam) aveva fornito una nota al Comune, il 14 maggio 2004, nella quale, come si legge nell’ordinanza stessa, “indicava che le piante avevano seccumi diffusi dovuti a funghi radicali e che, visto lo stato di avanzamento dei deperimenti, sconsigliava interventi radicali”. Nonostante questo i lecci sono stati tagliati: “sono a fine ciclo vegetativo – prosegue l’ordinanza – per cui le radici ormai asfittiche hanno pochissima presa nel terreno, pertanto con un apparato radicale precario potrebbero cadere in caso di vento forte”.

09/05/2005





        
  



3+4=
una delle piante tagliate

Altri articoli di...

Politica

02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
22/10/2022
Via libera alla variante al Piano Particolareggiato di Recupero del Centro Storico (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
21/10/2022
Grandi e medi investimenti, chiesto il triplo delle agevolazioni disponibili (segue)
19/10/2022
Al via il progetto sulla sicurezza urbana e sulla legalità (segue)
13/10/2022
Festival dello sviluppo sostenibile (segue)

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji