Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il corso “Tecnico dell’Accoglienza: Maestro di Cerimonia”

Ascoli Piceno | Mandozzi: “progettare, ideare e realizzare per dare risposte di qualità al territorio piceno”

di Federico Biondi

Presso la sala giunta l’amministrazione provinciale ha presentato il primo corso di “Tecnico dell’Accoglienza: Maestro di Cerimonia”. Il corso ha come obiettivo la formazione di figure professionali capaci di utilizzare gli strumenti e le conoscenze efficaci all’esatta applicazione dei diversi cerimoniali e delle regole che determinano il successo della corretta accoglienza.
 
Il corso nato dall’esigenza di ripristinare la figura professionale la cui esperienza ed il cui operato era considerata di notevole importanza già secoli fa, basti pensare che nel Rinascimento il banchetto a tema era molto in voga, esso generalmente si rifaceva alla tradizione classica Greca e Latina.
 
Quindi una figura professionale qualificata nel coordinamento e la regia di feste e banchetti e cerimonie d’eccezione. Saranno ammessi un numero di 15 allievi diplomati di cui 10 donne e 400 saranno le ore di lezione ripartite in 200 teorico-pratiche e 200 di stage presso un’azienda.
 
Gli allievi studieranno la “Storia della Gastronomia”, “Cerimoniale, “Organizzazione degli Eventi”, “Arte del Servire”, “Storia della musica da Cerimonia”, “Decorazione con Frutta e Fiori”, “La Gastronomia e la Convivialità nella Storia dell’Arte”, “Storia del Costume e dell’Apparecchiamento” e “Scenografia ed Illuminotecnica”.
 
Le domande per accedere al corso “Tecnico dell’Accoglienza: Maestro di Cerimonia” dovranno essere presentate entro e non oltre il 16 maggio 2005, presso il Centro Locale per la Formazione di Via Kennedy ad Ascoli Piceno.
 
Nel caso le domande di ammissione fossero superiori ai posti disponibili, il giorno 23 maggio 2005 alle ore nove di mattina ci sarà una selezione. Un test psico-attitudinale e di cultura generale integrato dal colloquio.
 
Sono ammessi al corso i giovani e gli adulti che abbiano superato i 18 anni di età, che non hanno conseguito un test di specializzazione negli ultimi 3 anni, che abbiano un titolo di studio nel settore turistico alberghiero (Diploma di Laurea o di Scuola media Superiore) e che conoscano la lingua francese o inglese a livello intermedio.
 
Il corso si concluderà, per coloro che hanno frequentato almeno il 75% delle ore di lezione del corso, con un esame finale per l’accertamento della professionalità acquisita davanti ad una commissione nominata dalla Provincia di Ascoli Piceno.
 
A tutti coloro che superano l’esame finale con esito positivo verrà rilasciato l’attestato di specializzazione valido ai sensi della Legge 21/12/78 n° 845 articolo 14.

09/05/2005





        
  



5+3=

Altri articoli di...

Politica

02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
22/10/2022
Via libera alla variante al Piano Particolareggiato di Recupero del Centro Storico (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
21/10/2022
Grandi e medi investimenti, chiesto il triplo delle agevolazioni disponibili (segue)
19/10/2022
Al via il progetto sulla sicurezza urbana e sulla legalità (segue)
13/10/2022
Festival dello sviluppo sostenibile (segue)

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji