Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Un'idea di scuola

San Benedetto del Tronto | Si è trattato sicuramente di un interessante fuori programma il lungo intervento del Senatore Miguel Gotor sulla riforma della Scuola, in agenda al Senato da lunedì prossimo, in coda all'incontro organizzato dal Club degli Incorreggibili Ottimisti

di Antonella Roncarolo

Silvestri, Gotor, Menzietti( Foto Cicchini)

Ma muoviamoci con ordine attraverso il lungo pomeriggio all'Hotel Progresso,  che ha visto in cattedra, oltre allo storico e politico Miguel Gotor, gli onorevoli Pietro Paolo Menzietti e Giuliano Silvestri e il segretario provinciale dei giovani del PD Alessio Ceci. Ha coordinato il dibattito Paolo Perazzoli.
Il tema dell'incontro era su due figure fondamentali della storia italiana Aldo Moro ed Enrico Berlinguer. Miguel Gotor è uno dei massimi esperti della figura di Aldo Moro e delle sue lettere durante il sequestro su cui Gotor ha scritto il saggio "Il memoriale della Repubblica".

La figura del Segretario del PCI Enrico Berlinguer rappresenta l'ultimo lavoro dello storico nel saggio pubblicato per Einaudi "La passione non è finita".
Tra ricordi, analisi politiche e soprattutto attualizzazione delle due figure di politici - "bisogna fare in modo che sia la storia la lente attraverso la quale vedere il loro operato e non il mito", ha sottolineato Gotor - il pomeriggio stava volgendo al termine tra l'interesse e le molte curiosità appagate del pubblico, quando, anche a causa della presenza di numerosi insegnanti all'incontro, non poteva essere evitata una domanda sul futuro della scuola alla luce della imminente approvazione al Senato del DDL "La Buona Scuola" e del fatto che Miguel Gotor, Senatore della Repubblica della minoranza del PD si è espresso spesso in questi ultimi tempi sul tema scuola, un settore strategico per il paese.

Miguel Gotor ha articolato una lunga e precisa risposta sulla questione dimostrando ancora una volta la sua professionalità e serietà in un campo non di facile approccio.
"Il primo passo è stato focalizzare meglio gli aspetti su cui intervenire", ha esordito il Senatore. "Noi siamo concentrati sostanzialmente su tre obiettivi: profilare meglio e in maniera più equilibrata la figura dei presidi, sciogliere il nodo delle assunzioni, allargando alle graduatorie di merito a partire dai Tfa, gli idonei del concorso del 2012 e quanti hanno svolto percorsi formativi e tirocini e che da anni lavorano nella scuola, rivedere il capitolo dei finanziamenti, in particolare i paragrafi relativi al bonus school e al sistema di detrazione per i cosiddetti diplomifici.

Sui finanziamenti, è opportuno mettere un limite alle donazioni che si possono fare ai singoli istituti e dare vita a un fondo di perequazione che distribuisca il 50% dei fondi raccolti a tutte le scuole.
Su questo punto Gotor ha dichiarato espressamente che sarà tra gli emendamenti proposti dal suo gruppo quello su cui si batterà, arrivando a trattare anche fino al 30% per il fondo di perequazione, "in modo da rispettare l'articolo 33 della Costituzione che prevede che tutti i cittadini abbiano gli stessi diritti di accesso alle Scuole Pubbliche".

"Inoltre, non si aiuta la qualificazione del corpo insegnante con un sistema di valutazione affidato solo ai soggetti interni al sistema e dunque soggetti a potenziali conflitti di interesse", ha continuato. Occorrerebbe piuttosto creare comitati di valutazione allargati all'esterno, come un'agenzia di valutazione, perché la scuola pubblica è di tutti in quanto è finanziata con la fiscalità generale".

Alla domanda se il DDL sarà approvato o bloccato dalla minoranza Dem del PD, il Senatore ha chiosato: "Cerchiamo di essere costruttivi e di fare un passo alla volta. Mi sembra che qualcosa stia cambiando. Al Senato c'è una reale disponibilità all'ascolto da parte della maggioranza e credo che ci sia la consapevolezza dell'enormità della posta in gioco".

13/06/2015





        
  



4+3=
Gotor (foto Cicchini)

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

05/12/2019
Annalisa Frontalini con la sua “Nota imperfetta” ospite a Roma a “Più libri più liberi” (segue)
05/12/2019
Sandra Petrignani presenterà i libri "Lessico Femminile"e "La persona giusta" (segue)
04/12/2019
Cinzia Carboni porta BATTI CINQUE PINOCCHIO anche a scuola (segue)
04/12/2019
Lunedì 9 dicembre si riaccendono le "fòchere" (segue)
30/11/2019
"Sabbia fine estate", il corto su San Benedetto in concorso ad un festival internazionale (segue)
29/11/2019
Paolo De Debbio presenterà il libro" Cosa rischiano i nostri figli" (segue)
25/11/2019
Carlo Crivelli e il suo polittico di Sant’Emidio (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)

Politica

04/12/2019
La Giunta vara misure a sostegno dei senza fissa dimora (segue)
04/12/2019
Riorganizzazione degli organici medici dei pronto soccorsi nelle Marche (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)
31/10/2019
San Benedetto cerca un dirigente ai lavori pubblici (segue)
30/10/2019
I ponti dell'A14 rimangono sequestrati, Piunti scrive alla procura di Avellino (segue)
15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)

San Benedetto

05/12/2019
Annalisa Frontalini con la sua “Nota imperfetta” ospite a Roma a “Più libri più liberi” (segue)
05/12/2019
Sandra Petrignani presenterà i libri "Lessico Femminile"e "La persona giusta" (segue)
04/12/2019
Cinzia Carboni porta BATTI CINQUE PINOCCHIO anche a scuola (segue)
04/12/2019
Lunedì 9 dicembre si riaccendono le "fòchere" (segue)
04/12/2019
La Giunta vara misure a sostegno dei senza fissa dimora (segue)
04/12/2019
Riorganizzazione degli organici medici dei pronto soccorsi nelle Marche (segue)
01/12/2019
La Samb viene raggiunta in pieno recupero: è solo pari a Imola! (segue)
30/11/2019
Riasfaltato la zona del Molo Sud (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji