Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Un’occasione da non perdere per San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto | Viene ripristinato il Giudice di Pace a San Benedetto.

di Avv.Silvio Venieri

Silvio Venieri

Il comma 1 bis dell’art. 2 della Legge n. 11 del 27/2/2015 (cosiddetto “decreto milleproroghe”), approvata definitivamente dal Senato, prevede il differimento al 30 luglio 2015 del termine entro il quale gli enti locali interessati, anche consorziati tra loro, possono richiedere il ripristino degli uffici del giudice di pace soppressi, con competenza sui relativi territori, anche tramite eventuale accorpamento.

La circoscrizione dell’Ufficio del Giudice di Pace di San Benedetto, prima del suo accorpamento in quello di Ascoli Piceno, ricomprendeva, oltre il comune capofila, quelli di Acquaviva Picena, di Monsampolo del Tronto e di Monteprandone.

A suo tempo le Amministrazioni comunali interessate non avevano inteso avviare il percorso indicato dall’art. 3 del decreto legislativo n. 156 del 7/9/2012, che prevedeva la possibilità di richiedere, da parte degli enti locali interessati, anche consorziati tra loro, il mantenimento degli uffici dei giudici di pace proposti per la soppressione, che avrebbe sicuramente garantito la permanenza sul nostro territorio dell’ufficio giudiziario in rassegna.

Successivamente veniva inoltrata una petizione sottoscritta da 187 avvocati ai capigruppo del Consiglio Comunale e agli assessori dell’amministrazione comunale di San Benedetto, nonché ai sindaci di quest’ultimo comune e dei comuni di Acquaviva Picena, Monsampolo del Tronto e Monteprandone, con la quale si chiedeva che il Consiglio Comunale di San Benedetto del Tronto esprimesse chiaramente la propria volontà in merito alla presenza sul territorio dell’Ufficio del Giudice di Pace e, in caso positivo, si adoperasse fattivamente per la conservazione dello stesso ai sensi dell’art. 2, comma 2°, d.lgs. n. 156/2012 (“Con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Giustizia, sentiti il Consiglio Giudiziario e i comuni interessati, possono essere istituite sedi distaccate”).

Nonostante il lungo tempo trascorso dall’epoca del deposito dell’istanza, dicembre 2013, ad oggi nessuna forza politica, nessun esponente poltico, nessun sindaco dei vari comuni ha inteso adoperarsi per l’istituzione della sede distaccata di San Benedetto dell’Ufficio del Giudice di Pace di Ascoli Piceno.

Eppure non può sfuggire l’importanza che il mantenimento della struttura giudiziaria assume per il nostro territorio. Si deve considerare che ai giudici di pace, vista la linea di tendenza perdurante ed omogenea della normazione in materia, verranno presumibilmente attribuite competenze sempre più ampie come ultimo ed unico baluardo della Giustizia “istituzionale” di prossimità al Cittadino.

Ben evidenti i vantaggi, anche di natura economica, per la cittadinanza di S.Benedetto del Tronto e per l’Amministrazione Comunale derivanti dalla presenza sul nostro territorio del Giudice di Pace, le cui attuali competenze influiscono proprio sui costi della macchina amministrativa e incidono profondamente sulla giustizia c.d. minore ma di grande importanza per i comuni “mortali” (basti pensare ai sinistri stradali, alle opposizioni ai verbali e quant’altro vede quotidinamente impegnati cittadini e, soprattutto, funzionari comunali e Vigili Urbani, nelle testimonianze).

Sotto il profilo economico, il terziario collegato alla burocrazia ed ai servizi statali e locali ha una importanza diretta e mediata nel contesto del tessuto economico e sociale che non può essere disconosciuta. Al contrario, la totale assenza di ogni presidio giudiziario comporterebbe costi aggiuntivi per quasi 70.000 cittadini ed una incidenza negativa sui professionisti, non intendendosi certo per tali i soli avvocati che, a ben pensare, sono quelli che trarrebbero il beneficio minore dal ripristino del Giudice di Pace, in materia di organizzazione della propria attività.

La sede dell’ufficio potrebbe essere individuata nell’ambito dell’ex palazzo di giustizia di piazza Dalla Chiesa, negli stessi ambienti oggi destinati all’archivio giudiziario per la conservazione dei fascicoli della ex sezione distaccata del Tribunale: si trasferiscano gli stessi presso la sede centrale del Tribunale di Ascoli Piceno, come già dal settembre 2013 doveva essere fatto per preciso disposto normativo, e si liberino i locali per l’esercizio di una funzione giurisdizionale attiva !

Nelle sole Marche, grazie all’iniziativa delle amministrazioni comunali, ben sette località hanno mantenuto gli uffici dei Giudici di Pace (Fabriano, Jesi, Senigallia, Fano, San Severino Marche, Cagli, Macerata Feltria); si intende relegare San Benedetto in una posizione di retroguardia ? Gli amministratori pubblici vogliono assumersi la responsabilità di passare alla storia come coloro che hanno contribuito con la loro inerzia alla scomparsa di un presidio di giustizia presente a San Benedetto, senza soluzione di continuità, fin dal lontano 1865 ?
I cittadini attendono risposte chiare.

04/03/2015





        
  



1+2=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

14/02/2019
Attività di prevenzione antidroga al "Giardino Colucci" : intervento della Guardia di Finanza (segue)
11/02/2019
Unificati i servizi di prevenzione delle dipendenze (segue)
11/02/2019
Borse di studio per studenti delle superiori (segue)
11/02/2019
Auguri a Dea Cappella per i suoi 100 anni (segue)
10/02/2019
Inaugurata la mostra fotografica Frammenti di Storia il 9 febbraio presso la Prefettura di Ascoli (segue)
07/02/2019
Al Palasport "La Pace è servita!": il Meeting della Pace 2019 dell'ACR (segue)
07/02/2019
Senza tregua l'attività di repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti della Polizia di Stato (segue)
04/02/2019
Partono dal "neo" gruppo le attività dei reparti territoriali nell'intera provincia (segue)

San Benedetto

17/02/2019
Samb-Fano: solo noia! (segue)
16/02/2019
Un Centobuchi rinato, ma nulla può ad un Atl. Ascoli superiore. (segue)
15/02/2019
Martedì 19 febbraio si parte per un “Viaggio alla Terra di Mezzo” (segue)
15/02/2019
Un punto importante per il Grottammare a Chiaravalle (segue)
14/02/2019
Paola Barbato presenta il libro “Io so chi sei". Conversa con la Scrittrice Eliana Enne. (segue)
14/02/2019
Simone Tempia e Gianluca Marinangeli domenica 17 febbraio per il quarto appuntamento di In Art (segue)
14/02/2019
Marco Candidi per il ciclo I Venerdi dell'Asilo Merlini presenterà il libro "Dal Dio Luna all'Islam" (segue)
13/02/2019
Grande coinvolgimento al terzo incontro di In Art con Fabio Stassi e Javier Girotto in trio (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino