Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Juliette Greco chante Brel

Massignano | Juliette Gréco si riaffaccia sul palcoscenico della canzone re/inventando Brel in una cornice viennese degli inizi del XX° secolo, come in un virtuale salotto di Alban Berg.

di Paolo De Bernardin

Juliette Greco

Dall'alto della sua infinita classe che ha lasciato il segno nella società intellettuale e in quella dello spettacolo francese dell'intero Novecento, Juliette Gréco si riaffaccia sul palcoscenico della canzone re/inventando Brel in una cornice viennese degli inizi del XX° secolo, come in un virtuale salotto di Alban Berg.

Alla veneranda età di quasi 87 anni la Signora scopre le carte con l'assenza di pudore che il tempo ha saputo donarle. Dichiara di aver amato il Grand Jacques e di poterlo oggi rivelare senza paura. Più che cantare, declama col piglio di una straordinaria attrice di teatro "traverser le present en s' excusant déjà d'etre pas plus loin" (attraversare il presente scusandosi di non essere un po' più in là, da "Les vieux") e con l'aiuto di suo marito, Gérard Jouannest, già braccio destro di Brel nonché superbo arrangiatore e pianista di questo progetto, confeziona cinquanta minuti di pura magia nella quale la fine dell'esistenza appare come il profumo d'essenza di una sera d'estate.

Sono dodici canzoni, come nella tradizione del vinile, che ripercorrono la storia di uno degli autori/chanteurs più alti della canzone europea, rivisitati come nessuno aveva mai fatto prima e fuori dalla scontata banale melassa di troppe riletture. L'urlo di "J'arrive" (ah quella sensazione della fine che torna a ciclo continuo e che gioiello di perfezione formale da vero capolavoro!) oppure il sussurro rauco di "Ne me quitte pas" o l'immersione totale nel porto di "Amsterdam", intensa come una preghiera di Sakamoto e sulle corde incerte di una voce mai stanca e disperata, vanno a braccetto con l'aria di valse musette parigino di "Fils de".

E da una stanza e dal violoncello à la César Franck, l'ultima luce entra dalla finestra dell'addio con "La chanson des vieux amants". Qui l'attrice prende il sopravvento e squarcia come un uragano(oraaaaage/meeeeerrrveilleux) ogni nota della canzone sull'onda opaca di ogni parola del grande Jacques...."c'è voluto del talento per esser vecchi e non adulti"

Voto 10/10

02/12/2013





        
  



3+1=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
19/11/2019
Doppio appuntamento per “Sentimentál” di Roberto Michilli (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
13/11/2019
Roberto Michilli presenta il 16 novembre a Campli “Sentimentál” (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)

San Benedetto

19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
17/11/2019
CASTELFIDARDO - GROTTAMMARE 0 - 1 (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
La Samb torna alla vittoria: Di Massimo e Frediani fanno tornare il sorriso. (segue)
10/11/2019
GROTTAMMARE - VALDICHIENTI 1 - 0 (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji