Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Iran: una svolta o l’inizio del declino?

San Benedetto del Tronto | Gli esuli che pensano al ritorno. Intervista con Farhad.

di Martina Oddi

Bandiera iraniana

Dopo la politica progressista degli anni '80, l'Iran è stato ostaggio di dure scelte frutto dell'islamismo più spinto. Oscurantista dittatura dell'Islam, con Khomeini fino Ahmadinejad, passando per Khamenei, la suprema guida spirituale a tutt'oggi. L'apertura moderata del paese viene accolta dall'Onu come un segnale di distensione. Così non la pensano gli Israeliani, che si candidano al ruolo di leadership dell'area, e a cui il nucleare di Teheran non piace.

Che sia per produrre energia gli Israeliani non ci credono, e hanno imposto agli Usa una seria riflessione. Eliminare il pericolo dell'atomica condiziona il veto della pace con i Palestinesi, tanto a cuore agli Usa per frenare l'escalation di violenza e terrore armato dalla Jihad. L'apertura al dialogo del 28 settembre segna una svolta epocale, o è solo un bluff?
Lo chiediamo a Farhad, studente emigrato a Londra dalle terre dell'Eufrate.

Sei fuggito dalla tua terra o è stata una scelta?
Non riesco a dire se è stata una scelta per me di andare fuori dell'Iran o l'esigenza di correre lontano dal mio paese. Posso dire che è stata una decisione presa per disperazione da mio padre. Ho lasciato l'Iran quando avevo 17 anni diretto in Turchia per avviare la mia università lì. Motivo di mio padre (si può dire che si tratta di una motivazione stereotipata in molti genitori della classe medio-alta di mentalità aperta in Iran) è stato quello di fornire a me una formazione accettata a livello mondiale e soprattutto al di fuori dell'Iran. Inoltre, ha insistito e mi ha fatto scegliere un ramo di ingegneria che egli ha pensato ponesse il minimo rischio per quanto riguarda il mio futuro, Ingegneria Elettrica. Così sono rimasto sette anni a Istanbul, in Turchia. Ho cercato di ottenere un posto di lavoro, ma pur avendo una fiorente economia, ottenere un visto di lavoro in Turchia non è una cosa facile. Quindi, il mio visto in Turchia è scaduto e ho dovuto andare da qualche altra parte. A proposito, per gli uomini iraniani, c' è un servizio militare obbligatorio di 20 mesi. Uscire dall'Iran prima che avessi 18 anni firmando da studente presso l'ambasciata iraniana a Istanbul, mi ha permesso di tornare in Iran due volte l'anno. Tuttavia, dopo che la mia borsa di studio è finita, tornare in Iran significava compiere il mio servizio militare, per poi poter uscire dal paese nuovo. Per farla breve, non ho potuto tornare in Iran e non ha avuto alcun visto per soggiornare in Turchia. Ecco come sono arrivato in Inghilterra . Sto cercando di far capire che fare delle scelte per noi è molto teorico. Le decisioni della mia vita sono state fatte considerando quello che la mia famiglia voleva da me, la situazione politica in Iran e l'opportunità di studiare o intraprendere una carriera meno rischiosa. Queste scelte non erano scelte in bianco e nero. Non ho mai fatto una scelta basata su quello che voglio e che mi piace.
 

Ti manca il tuo paese?
Anche in questo caso si tratta di una questione delicata quindi vorrei spiegarlo nel mio modo. Sono passati nove anni nei quali ho vissuto al di fuori dell'Iran. Così i sentimenti e legami che ho con l'Iran stanno scomparendo con il tempo. Posso spiegarlo con un esempio. E ' come avere un amico molto vicino nella tua classe di liceo. Utilizzi tutto il tempo insieme a lui, ma poi si sceglie strade diverse per la vita e per molto tempo non ci si incontra più. Si perde la cronologia reciproca dopo un pò. Quindi il rapporto cambia da un'amicizia intensa a una semplice, a causa della lontananza. Ho sentito la mancanza dell'Iran nella mia vita per tutto il tempo in Inghilterra. E 'stata una grande parte del mio passato, ma mi sento di definire mancante come un atto emotivo. Non ho avuto a che fare con un sacco di cose e persone, che e che hanno definito la mia identità in Iran per un tempo molto lungo. Ciò significa che si sono indeboliti i rapporti con il mio paese e la mia gente.

Ti aspettavi questa svolta moderata del governo iraniano?
Sì. Forse dal punto di vista occidentale, l'attuale governo iraniano sta dimostrando un ritratto forte e indipendente, ma con tutte le sanzioni, gli sconvolgimenti politici e l'instabilità, la svolta era una conseguenza inevitabile. Molte persone sono state soppresse e limitate nella loro libertà a causa di vari motivi, durante e dopo il 20 ° secolo (anche nell'era prima rivoluzione islamica). Ma poiché l'Iran è un paese pieno di risorse, fino a questi ultimi anni (dopo Ahmadinejad ha eletto per la seconda volta) l'effetto intollerabile delle sanzioni si mostrava con alte inflazioni e scarsità di materiali vitali. Quindi pensavo sempre che o il governo iraniano stesse per diventare un governo solitario nel mondo (come la Corea del Nord) o che cerchasse di diventare di un regime moderato. In base a molti fattori, pensavo sempre che un governo moderato sarebbe stato operativo dopo il regime conservatore di Ahmadinejad.

Secondo te cosa significa?
Per dare un significato devo dirti un pò di storia di trattative nucleari. Durante Mohammad Khatami (presidente iraniano prima di Ahmadinejad che era anche un leader moderato come l'attuale presidente Rouhani), l'Iran ha aiutato l'esercito americano con informazioni vitali sulla battaglia con talebani e offerto il suo aiuto nella guerra in Iraq, in cambio dell'eliminazione di alcune delle sanzioni che esistono dopo la rivoluzione islamica. Quindi, stando che le relazioni tra l'Iran e gli Stati Uniti stavano migliorando, il leader moderato Mohammad Khatami stava cercando di terminare i negoziati sul nucleare con gli Stati Uniti attraverso gli ambasciatori europei. Poi l'amministrazione Bush non ha accettato i termini e Condoleezza Rice ha dichiarato che il governo americano stava valutando tutte le opzioni per l'Iran ( il che significa che il rapporto di Iran e Stati Uniti non era buono come quello durante il regime di Khatami). La forte relazione tra l'Arabia Saudita e Israele e l'America fa degli Stati Uniti il paese più ostile verso il governo iraniano. In altre parole, l'Iran come nemico è molto più redditizio per US piuttosto che come amico. Così l'Iran ha dovuto reagire nel modo più duro per raggiungere i suoi obiettivi di energia nucleare e resistere a tutte le avvertenze e le sanzioni, continuando con i programmi di arricchimento dell'uranio. Il governo moderato significa che l'Iran non è riuscito a stabilire una sana economia con il governo ostile e conservatore di Ahmadinejad, spinto in un angolo con le sanzioni . D'altra parte, il governo iraniano vuole sedersi con il governo degli Stati Uniti per affrontare il tema dell'energia nucleare, ma questa volta l'Iran ha fatto progressi sul programma nucleare che non possono essere annullati.
 

Ti fidi di questi nuovi buoni intenti?
Non mi devo fidare delle loro buone intenzioni. È il mondo della politica e dopo un lungo periodo di tempo posso facilmente dire che la questione di fiducia è nulla, soprattutto in politica in Medio Oriente. Entrambe le parti hanno bisogno l'uno dell'altro per qualcosa e questa è l'unica ragione dei loro negoziati. L'Iran ha bisogno degli Stati Uniti e ad ovest di allentare le sanzioni, per migliorare la sua economia. Grazie ai paesi occidentali, l'Iran ha bisogno di calmare la situazione estrema del Medio Oriente (Siria, Iraq, Afghanistan e anche la Libia e l'Egitto). Se dopo Obama i democratici vincono di nuovo le elezioni, è probabile che il rapporto tra Iran e Stati Uniti andrà sempre meglio.

Hai voglia di tornare nella tua terra, per viverci?
Se tornerò o no è un grosso punto di domanda anche per me. Sono passati quasi 18 mesi che ho cominciato a vivere nel Regno Unito e ancora non sento di appartenere a questo posto. Inoltre, come ho detto prima sto avendo problemi a sostenere i miei sentimenti e le relazioni con il mio paese, gli amici e anche con la mia famiglia. Se mi poni la domanda se io penso che le azioni del governo attuale sono abbastanza per me per tornare indietro, la mia risposta sarebbe assolutamente no. Beh, forse il governo iraniano sta diventando sempre più moderato, ma per una società prospera vi è una necessità di un meccanismo di governo sano che è l'opposto di una dittatura. Ottimisticamente parlando, ora mi considero come un viaggiatore che ha la possibilità di vedere molto e incontrare con un sacco di culture. Il mondo è colorato e divertente, ma so che un giorno io dovrò tornare a essere parte delle persone che mi hanno sostenuto incondizionatamente tutta la mia vita. Se posso, aiutare il mio popolo e, infine, contribuire allo sviluppo del mio paese.

Mentre i signori del Middle East si annusano per capire chi prevarrà sul gruppo e nuovi equilibri si impongono sulla via della Road Map, l'Iran propone un trattato di non proliferazione dell'atomica, ma i suoi interlocutori sono scettici. Usare il nucleare per fini non bellici è un buon proposito, ma tra il dire e il fare poi ci passa un mare in tempesta. In attesa della conferenza di pace per la Siria, in agenda a novembre, ancora si combatte nella lunga e impervia Primavera Araba. L'Iran, dove tutto iniziò nel 2009 con un gruppo di studenti, non dimentica la sua vocazione alla libertà, per chi è restato. Ma anche per chi è partito e sogna di tornare.

24/10/2013





        
  



5+3=

Altri articoli di...

Politica

12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
29/09/2019
Il gazebo di Italia Viva in centro per lo ius culturae (segue)
13/08/2019
"Concorso regionale per medici di pronto soccorso eseguito ma tardano le chiamate di assunzione" (segue)
09/08/2019
Pellei sull'Affido Familiare "Pretestuoso, strumentale e vergognoso". (segue)
31/07/2019
Orgoglio civico"Sanità alle prossime elezioni regionali del 2020-fermatevi se potete!!" (segue)
08/07/2019
Il Comune era presente, con il suo Ufficio Politiche Comunitarie, a Zara (segue)
30/06/2019
Orgoglio civico:"Quale futuro per la Pediatria del Madonna del Soccorso?" (segue)
26/06/2019
Firmato un protocollo con la città polacca di Nysa (segue)

Fuori provincia

23/08/2019
La fine per gli Amici del Teatro Fermano (segue)
17/08/2019
Il 20 agosto a Roccaraso Valeria Di Felice presenta “Il battente della felicità” (segue)
14/07/2019
Cabaret amoremio! sta per entrare nel vivo (segue)
29/06/2019
OPERAZIONE "RAIL ACTION DAY-ACTIVE SHIELD" NELLE MARCHE, L'UMBRIA E L'ABRUZZO (segue)
13/06/2019
Indagine della Guardia di Finanza sulle macerie Post-Sisma 2016 (segue)
03/06/2019
28ª Campagna "Mare Sicuro" pronto l'equipaggio della Guardia Costiera (segue)
03/06/2019
PIOGGIA DI RECORD PER LA COLLECTION ATLETICA SAMBENEDETTESE (segue)
14/05/2019
SAN BENEDETTO DEL TRONTO ED IL PICENO PROTAGONISTI AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji