Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Tagli Province, decisioni antipolitiche prese senza spiegare criteri e obiettivi

Grottammare | Perché smantellare enti vicini al territorio e non gli assessorati regionali che costano molto di più e che finiscono per fare l'esclusivo interesse del territorio che circonda il palazzo?

di Filippo Olivieri

Filippo Olivieri

Non si è mai risolto alcun problema mettendo i bastoni tra le ruote di un'auto in corsa. Si creano soltanto disagi. Enormi disagi.

Tra le tante iniziative che questo Governo avrebbe potuto e dovuto prendere la scelta è caduta sulla più populista delle soluzioni: anziché toccare i propri inutili e costosissimi privilegi, i palazzi romani hanno deciso che era più comodo fare bella figura tagliando la testa a qualche politico di provincia. Vista da Roma, la cosa, probabilmente ha senso.

Vista da qui assolutamente no. Ribadisco quanto detto nei giorni scorsi insieme al collega e amico Pasqualino Piunti sia sulla stampa che al cospetto del segretario del Pdl Angelino Alfano: se il problema, per i nostri parsimoniosi governanti, sono le spese, allora rinuncio al mio stipendio di assessore e lo stesso dovrebbero fare tutti i miei colleghi delle altre province italiane. Li abbiamo invitati a farlo e rinnoviamo quest'invito. La mia paura non è quella di perdere la poltrona, ma quella di non riuscire a portare a termine il lavoro che mi è stato affidato dalla cittadinanza. E tutto per una decisione presa da un Governo non eletto che, per paradosso, sembra aver deciso di cavalcare il vento dell'antipolitica per mantenersi saldamente al comando del Paese.

Lo dico con amarezza perché ci troviamo di fronte ad un gruppo di lavoro che avrebbe dovuto rimettere il Paese sulla retta via, magari prendendo decisioni impopolari, ma con criterio. Si sono presentati come novelli cincinnati pronti a garantire equilibrio ed equità. Ma il Paese, purtroppo, sta assistendo ad altro. Siamo governati da un gruppo dirigente che non prende decisioni, le impone e basta, senza spiegarne i criteri né annunciare gli obiettivi. Mi viene in mente una parola che fa paura e che non voglio neppure nominare. Mi chiedo allora che senso abbia tutto ciò.

Mi chiedo perché smantellare le giunte di enti che, dopo i comuni, sono quelli più vicini al territorio e non i vari assessorati regionali che costano molto di più e che - e le Marche sono un esempio lampante - finiscono per fare l'esclusivo interesse del territorio che circonda il palazzo. Chi, sano di mente, potrebbe negare che il Piceno venga puntualmente e pesantemente trascurato dalla nostra Regione? Mi chiedo perché queste sforbiciate, queste "teste da far saltare" non le abbiano cercate prima nella Capitale e poi nel resto d'Italia dove ci sono strutture che cercano davvero di far funzionare qualcosa e assessori, piccoli amministratori di provincia visti da Roma, che magari sono costretti a fare la guerra alle Ferrovie proprio perché la Regione ha pensato soltanto al proprio orticello lasciando allo sbando il resto del territorio.

E allora mi viene in mente che, forse, quei piccoli amministratori di provincia sono semplicemente le uniche figure sacrificabili per salvare la faccia e cavalcare il vento dell'antipolitica. Ci sono precedenti nella storia. Tutti preoccupanti.

16/11/2012





        
  



1+1=

Altri articoli di...

Politica

08/12/2019
VIA LIBERA AL PIANO PER LA DIFESA DELLA COSTA (segue)
04/12/2019
La Giunta vara misure a sostegno dei senza fissa dimora (segue)
04/12/2019
Riorganizzazione degli organici medici dei pronto soccorsi nelle Marche (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)
31/10/2019
San Benedetto cerca un dirigente ai lavori pubblici (segue)
30/10/2019
I ponti dell'A14 rimangono sequestrati, Piunti scrive alla procura di Avellino (segue)
15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)

Ascoli Piceno

08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
25/11/2019
Carlo Crivelli e il suo polittico di Sant’Emidio (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)
01/11/2019
Santa Maria della Rocca: una sorpresa che ogni volta si rinnova (segue)
27/10/2019
Il Colli perde la gara con molti rimpianti. (segue)
15/10/2019
Allena la tua mente! Generali dà il via ai corsi di scacchi per le famiglie (segue)

San Benedetto

08/12/2019
Il racconto di Giorgia Amatucci nell'antologia 'È solo paura'. (segue)
08/12/2019
GROTTAMMARE - FORSEMPRONESE 1-2 (segue)
07/12/2019
Un Centobuchi trasformato si aggiudica il derby del piceno contro un forte Monticelli. (segue)
05/12/2019
Annalisa Frontalini con la sua “Nota imperfetta” ospite a Roma a “Più libri più liberi” (segue)
05/12/2019
Sandra Petrignani presenterà i libri "Lessico Femminile"e "La persona giusta" (segue)
04/12/2019
Cinzia Carboni porta BATTI CINQUE PINOCCHIO anche a scuola (segue)
04/12/2019
Lunedì 9 dicembre si riaccendono le "fòchere" (segue)
04/12/2019
La Giunta vara misure a sostegno dei senza fissa dimora (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji