Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Cisi e Fondazione Carisap uniti per l'integrazione

Ascoli Piceno | Presentati due progetti volti a diffondere la multiculturalità

di Anna Laura Biagini

La locandina

Il CISI, Centro per l'Integrazione e gli Studi interculturali, un'associazione di promozione sociale nata per valorizzare la multiculturalità e avvicinare i cittadini alle tematiche dell'immigrazione, ha presentato due iniziative in collaborazione con la Fondazione Carisap, volte alla formazione e all'arricchimento culturale della comunità.

Il primo progetto, CISI.amo è un intervento presentato per offrire dare ai giovani del territorio una conoscenza mirata alla realizzazione di prodotti culturali di alto spessore, tramite l'uso della multimedialità e di internet. Coinvolgerò i cosiddetti "nativi digitali", cioè tutti i ragazzi cresciuti nell'era della digitalizzazione.
Il gruppo di corsisti beneficiari del progetto, scelti tra studenti delle scuole secondarie di secondo grado e università, sarà invitato a realizzare eventi, cortometraggi, piece teatrali, documentari, sketch-comedy, e più in generale materiale originale e di buon livello tecnico, che verranno poi promossi tramite il web. Il corso prevederà una parte teorica e una parte pratica afferenti a varie materie, tra cui teorie e tecniche della narrazione, grafica, sceneggiatura, drammaturgia, recitazione, fotografia e cinematografia, scenografia e illuminotecnica, questo per fornire un panorama completo ai partecipanti, sostenendo le diversi attitudini di ognuno.
L'iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio della Regione Marche, verrà realizzata con la collaborazione delle associazioni Laboratorio Minimo Teatro e respirArte.
Il primo corso di teorie e tecniche della narrazione inizierà mercoledì 21 marzo alle ore 18:30, mentre il corso/laboratorio di grafica inizierà giovedì 22 marzo alle ore 20:30 ed avranno cadenza bisettimanale. Le lezioni si terranno tutte presso la sala Polivalente del condominio sito in corso di Sotto 10 ad Ascoli Piceno.

Il secondo progetto "Mamma, ti presento la scuola!" è un intervento incentrato sull'integrazione linguistica e sull'in-formazione scolastica, che parte dall'esigenza di rendere le mamme degli alunni stranieri del territorio maggiormente partecipi nella vita scolastica e sociale dei propri figli. Attraverso incontri di socializzazione, il rafforzamento delle competenze linguistiche e attività formative, il progetto darà una reale opportunità di integrazione ai beneficiari. L'iniziativa prenderà il via a marzo, si interromperà nei mesi estivi, per poi proseguire a settembre.
Dopo le attività formative è prevista l'apertura "di uno sportello informativo per l'accoglienza e l'assistenza di famiglie immigrate, nella cui gestione entreranno anche le mamme apprendenti, che erogherà servizi pratici di base e aiuterà i genitori nel confronto scuola-famiglia" specificano i dirigenti del CISI. "Grazie alla presenza dell'Istituto Scolastico Comprensivo Statale di Folignano, il progetto va a inserirsi all'interno di una dinamica di integrazione più ampia, che primariamente interessa gli alunni, attraverso i quali possono essere coinvolti i genitori.
Il Comune di Folignano darà attuabilità al progetto, sulla base dei dati relativi alle risorse e alle residenze straniere di prima o di recente immigrazione, infatti, aiuterà a tracciare un quadro sociale abbastanza esaustivo delle famiglie sulle quali si vuole intervenire e permetterà di promuovere l'iniziativa in tutto il territorio interessato in maniera mirata ma condivisa, consentirà inoltre lo svolgimento dei corsi all'interno di aule non scolastiche, ma molto vicine alle loro sedi.
Un'altra presenza imprescindibile, a garanzia di qualità del servizio offerto, sarà il CVM, Comunità Volontari per il Mondo, già impegnato nella realizzazione di progetti simili, che organizzerà l'intervento di mediazione linguistico-culturale, e supervisionerà l'intero svolgersi dei percorsi.
L'Ambito territoriale XXII, infine, integrerà gli interventi concernenti l'informazione scolastica e verificherà e controllerà l'effettiva validità della proposta, valutando l'ipotesi di una sua riproducibilità all'interno del proprio territorio di competenza.
L'iniziativa vuole valorizzare le mamme coinvolte come intermediarie per quel che riguarda il principio del dialogo scuola-famiglia e renderle risorsa fondamentale e ponte per l'accoglienza e l'integrazione dei nuclei familiari immigrati nel loro totale, inserendole all'interno di una rete di relazioni e confronto con le comunità locali che promuova riflessioni sull'imprescindibile valore sociale delle politiche di accoglienza".


Per informazioni e iscrizioni visitate il sito www.cisi.ap.it, inviare una mail a info@cisi.ap.it, telefonate ai 


Per informazioni e iscrizioni visitare il sito www.cisiamo.net, inviate una mail a info@cisi.ap.it, telefonate ai numeri 0736/661006 - 3771278232.

19/03/2012





        
  



4+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji