Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il Comune di Teramo blocca la Straferro costruzioni srl sulla costruzione del nuovo teatro

Monteprandone | L'azienda di Monteprandone, che si era aggiudicata il project financing per la messa in opera della struttura, ha appreso la notizia dagli organi di informazione e comunica che agirà per vie legali

Monteprandone, centro storico(archivio)

Il Comune di Teramo ha bloccato l'aggiudicazione a favore della Straferro Costruzioni srl del project financing per il nuovo teatro della città. Questo sarebbe avvenuto sulla base di un'informativa ricevuta dalla Prefettura di Teramo di cui si ignora del tutto il contenuto.

L'azienda di costruzioni di Monteprandone esprime il suo assoluto stupore per il provvedimento adottato dall'Amministrazione comunale teramana. "Avevamo completato giovedi scorso la consegna della documentazione amministrativa necessaria all'aggiudicazione del project financing e stavamo ultimando la revisione del piano economico finanziario prodromica alla stipula della convenzione con il Comune" fa sapere il gruppo tramite una  nota stampa.

Straferro opera da oltre cinquant'anni nell'ambito di contratti per la realizzazione di opere pubbliche e ha cantieri aperti con enti pubblici in molte regioni italiane. Anche a Teramo, essa ha partecipato alla costruzione del parcheggio di Piazza Dante e da alcuni anni ha investito risorse molto importanti nel progetto del nuovo teatro allo scopo di realizzare un opera di alto profilo qualitativo. Del resto, tale progetto rappresenta il più significativo intervento urbanistico nella città di Teramo, utile a rilanciare anche l'economia cittadina.

Ora l'azienda agirà per vie legali in modo da tutelare la propria immagine e per ottenere la stipula della convenzione per la realizzazione del nuovo teatro.

27/01/2012





        
  



4+3=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

20/04/2014
No al numero chiuso (segue)
18/04/2014
Venezuela: terra lontana, terra di lotta (segue)
18/04/2014
L'ospedale Mazzoni inizia i lavori di nel reparto di Pediatria (segue)
18/04/2014
Carmela Paissan, la maestra centenaria (segue)
17/04/2014
Famiglia Liberati (segue)
17/04/2014
Scuola: piace la settimana corta (segue)
17/04/2014
"La Proposta di una “Sentina Accessibile” sta diventando una realtà" (segue)
17/04/2014
Gioco d’azzardo patologico: la Regione Marche mette in campo “Greta” (segue)

Ascoli Piceno

20/04/2014
No al numero chiuso (segue)
18/04/2014
"Note di Solidarietà". L’8 maggio al Teatro delle Energie (segue)
18/04/2014
Gli incontri di Italia Nostra. Lorenzo Lotto nelle Marche (segue)
18/04/2014
L'ospedale Mazzoni inizia i lavori di nel reparto di Pediatria (segue)
17/04/2014
Missione EKATERINBURG - Consuntivo (segue)
17/04/2014
Francesco Gaspari alla Presidenza della Sezione Costruttori Edili della Confindustria Ascoli Piceno (segue)
17/04/2014
Intervento Celani su vicenda Bilancio Comune San Benedetto del Tronto (segue)
17/04/2014
"La Proposta di una “Sentina Accessibile” sta diventando una realtà" (segue)

Teramo e provincia

15/04/2014
Ricostituito il Consiglio Direttivo del Corpo Volontari Protezione Civile Corropoli Onlus (segue)
12/04/2014
Domenica di festa alla Cantina Monti; il 13 aprile dalle 9 alle 19.30 (segue)
12/04/2014
Sabato 12 aprile festa del Crazy-Nights al Nada Mas (segue)
09/04/2014
Venerdì 11 aprile Pout pourri di pizze con il lievito madre alla pizzeria Il Duomo di Atri (segue)
09/04/2014
Inizio dei lavori per il progetto di riqualificazione degli spazi urbani in Val Vibrata (segue)
09/04/2014
Venerdì 11 aprile nuova tappa per Degustando & Decantando al ristorante Vecchia Lampada (segue)
09/04/2014
Proroga di tre anni al contratto di lavoro di 7 dipendenti a tempo determinato (segue)
07/04/2014
Zenobi & Monti. In scena il baccalà interpretato dalla chef Patrizia Corradetti (segue)

Mina in un Mondo Marcio

Mondo Marcio "Nella bocca della tigre"

Paolo De Bernardin

Venezuela: terra lontana, terra di lotta

guerriglia urbana
Quando la politica dello scacchiere diventa fede dispensata alla massa e manipola il destino degli uomini.

Martina Oddi