Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il Comune di Teramo blocca la Straferro costruzioni srl sulla costruzione del nuovo teatro

Monteprandone | L'azienda di Monteprandone, che si era aggiudicata il project financing per la messa in opera della struttura, ha appreso la notizia dagli organi di informazione e comunica che agirà per vie legali

Monteprandone, centro storico(archivio)

Il Comune di Teramo ha bloccato l'aggiudicazione a favore della Straferro Costruzioni srl del project financing per il nuovo teatro della città. Questo sarebbe avvenuto sulla base di un'informativa ricevuta dalla Prefettura di Teramo di cui si ignora del tutto il contenuto.

L'azienda di costruzioni di Monteprandone esprime il suo assoluto stupore per il provvedimento adottato dall'Amministrazione comunale teramana. "Avevamo completato giovedi scorso la consegna della documentazione amministrativa necessaria all'aggiudicazione del project financing e stavamo ultimando la revisione del piano economico finanziario prodromica alla stipula della convenzione con il Comune" fa sapere il gruppo tramite una  nota stampa.

Straferro opera da oltre cinquant'anni nell'ambito di contratti per la realizzazione di opere pubbliche e ha cantieri aperti con enti pubblici in molte regioni italiane. Anche a Teramo, essa ha partecipato alla costruzione del parcheggio di Piazza Dante e da alcuni anni ha investito risorse molto importanti nel progetto del nuovo teatro allo scopo di realizzare un opera di alto profilo qualitativo. Del resto, tale progetto rappresenta il più significativo intervento urbanistico nella città di Teramo, utile a rilanciare anche l'economia cittadina.

Ora l'azienda agirà per vie legali in modo da tutelare la propria immagine e per ottenere la stipula della convenzione per la realizzazione del nuovo teatro.

27/01/2012





        
  



5+4=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

19/09/2014
Quando il gioco d’azzardo diventa una patologia (segue)
19/09/2014
In Comune il nuovo comandante NORM dei Carabinieri (segue)
19/09/2014
Assemblea distrettuale Inner Wheel a San Benedetto del Tronto (segue)
17/09/2014
Mobilitazione ai tempi di Internet (segue)
17/09/2014
Casa di appuntamento in via Ferrucci a Porto d'Ascoli (segue)
15/09/2014
Approvati i criteri per la concessione dei contributi ai centri antiviolenza e case di accoglienza (segue)
15/09/2014
Lavori: avviato il cantiere ex Ospedale (segue)
15/09/2014
Settembre: mese mondiale dedicato all'anziano (segue)

Ascoli Piceno

19/09/2014
Un ambiente di lavoro particolare per riunire i presidenti di Confindustria marche (segue)
17/09/2014
Festival musicale ad Ascoli Piceno (segue)
17/09/2014
V° edizione del “Premio Fedeltà al Lavoro e al Progresso Economico” e “Imprese Storiche d’Italia” (segue)
15/09/2014
“Desaga Solisten Chamber Orchestra” debutta in Italia proprio ad Ascoli (segue)
15/09/2014
Lavori: avviato il cantiere ex Ospedale (segue)
15/09/2014
Settembre: mese mondiale dedicato all'anziano (segue)
15/09/2014
Prestito d'onore: tanti giovani all'incontro della Confcommercio (segue)
14/09/2014
Lanni chiude la porta e l'Ascoli rimane in vetta. (segue)

Teramo e provincia

13/09/2014
Premio Impresa Rosa d'Abruzzo. Il 12 settembre scade il termine per l'iscrizione (segue)
13/09/2014
Cominciano i lavori sul ponte di Bisenti. Chiusura al traffico dal 15 settembre (segue)
31/08/2014
Nuovo trionfo di Corropoli al Palio Nazionale delle Botti (segue)
30/08/2014
Completamento del sistema di piste ciclabili sulla costa (segue)
30/08/2014
Il 30 e il 31 agosto si ride con la rassegna "Comici si nasce" (segue)
28/08/2014
Migliaia i pellegrini hanno partecipato alla conclusione della XXXIV Tendopoli (segue)
28/08/2014
Dal 27 al 31 agosto seconda edizione di "Voci nei Vicoli" (segue)
18/08/2014
"Ultima Roccaforte della Risata" lunedì 18 agosto. Presentano Angelo Carestia e Manuela Cermignani (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

Mobilitazione ai tempi di Internet

Con il passare degli anni la mobilitazione è mutata radicalmente di senso, cambio evidente non solo dallo spostamento delle proteste dalle piazze fisiche a quelle virtuali, ma dall'inesorabile impoverimento dei contenuti delle rivendicazioni