Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il Treviso non avrà stimoli perciò dovremo approfittarne

Ascoli Piceno | Igor Budan, attaccante bianconero, è convinto che se l'Ascoli giocherà come sa non avrà problemi a vincere la partita

di Mauro Giorgi


Dopo la deludente prestazione offerta contro il Cagliari e le conseguenti contestazioni del dopo partita, l’Ascoli si appresta ad affrontare un Treviso oramai retrocesso e privo di stimoli. Nonostante sulla carta si tratti di un incontro scontato, i bianconeri non si fidano e predicano calma e concentrazione. “Affronteremo la partita con la giusta mentalità perché vogliamo vincere assolutamente – ha asserito l’attaccante Igor Budan – A Treviso intendiamo chiudere una volta per tutte il discorso salvezza”.

Cosa temete della compagine di mister Bortoluzzi? “Sinceramente niente perché se giochiamo da Ascoli non credo ci possano creare problemi. Affronteremo una squadra già retrocessa che non avrà stimoli perciò dovremo approfittarne. Lo scorso anno anche io mi trovai nella stessa situazione dei miei colleghi del Treviso. Con l’Atalanta già in serie B affrontai un Siena assetato di punti e perdemmo meritatamente”.

Come si sente? “Direi bene. Ho avuto un po’ di problemi alla caviglia ma per fortuna ora va meglio”.

Dopo un avvio brillante il suo rendimento è sceso. Come mai? “Ad agosto non ho svolto la preparazione mentre a gennaio e a febbraio mi sono allenato da solo per cui è normale che ci sia stato questo calo fisico. Ora, però, mi sento bene e sto recuperando pian piano la forma migliore”.

Mancano tre partite alla fine del campionato è la posizione contrattuale di Budan è ancora tutta da vedere. Dove giocherà il prossimo anno? “Questo non lo so. Dovrete dirlo al Palermo e all’Atalanta che detengono la metà del mio cartellino”.

Se potesse scegliere, rimarrebbe all’Ascoli? “Certamente. Se sono venuto qui a gennaio vuol dire che questa piazza mi piace”.


NOTIZIARIO


E’ finita 10-1 per l'Ascoli l'amichevole giocata oggi con la Colonnellese, formazione dilettanti Abruzzo. Sugli scudi Bjelanovic autore di una tripletta; doppietta per Quagliarella e un gol a testa l'hanno segnato Budan, Giampà, Paci, Ferrante e Cariello. Alla partitella non ha preso parte Parola che ha svolto solo giri di campo per un leggero affaticamento: il centrocampista è comunque recuperabile. Assenti anche Zotti e Bonetto che stanno smaltendo i rispettivi infortuni, oltre a Cordova, Della Morte e Adani che si allenano con il preparatore atletico Peresutti in un altro campo di gioco.

27/04/2006





        
  



2+1=

Altri articoli di...

Sport

17/02/2019
Samb-Fano: solo noia! (segue)
16/02/2019
Il Colli supera la Sangiorgese per 3 reti, ma non è stato così facile. (segue)
16/02/2019
Un Centobuchi rinato, ma nulla può ad un Atl. Ascoli superiore. (segue)
15/02/2019
Un punto importante per il Grottammare a Chiaravalle (segue)
11/02/2019
Le Frecce Orange volano agli Italiani a suon di record regionale!! (segue)
10/02/2019
Samb: scivolone in casa con Ravenna! (segue)
04/02/2019
Grottammare, tre punti importanti (segue)
03/02/2019
Samb: a Monza la beffa arriva nel recupero! (segue)

Ascoli Piceno

16/02/2019
Il Colli supera la Sangiorgese per 3 reti, ma non è stato così facile. (segue)
14/02/2019
Attività di prevenzione antidroga al "Giardino Colucci" : intervento della Guardia di Finanza (segue)
10/02/2019
Inaugurata la mostra fotografica Frammenti di Storia il 9 febbraio presso la Prefettura di Ascoli (segue)
08/02/2019
Aspettando Fermento Marchigiano ...con amore il suino (segue)
04/02/2019
Partono dal "neo" gruppo le attività dei reparti territoriali nell'intera provincia (segue)
03/02/2019
"FRAMMENTI di STORIA L'Italia attraverso le impronte, le immagini della Polizia Scientifica" (segue)
02/02/2019
Con una rete di Nardini il Colli batte la Futura 96 dopo una gara giocata male. (segue)
18/01/2019
"Tullio Pericoli. Forme del Paesaggio. 1970-2018" (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino