Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'Ascoli non si ferma più: battuto il Lecce 1-0.

| ASCOLI PICENO - Un gol di Caracciolo nel primo tempo regala all'Ascoli un'altra vittoria che sancisce definitivamente la salvezza bianconera. Al triplice fischio mini invasione di campo dei tifosi bianconeri.

di Peppe Ercoli

ASCOLI - LECCE  1-0 (1-0)

ASCOLI (4-4-1-1): Cejas; Tentoni, Barzagli, Zini,Savini; Stella (dal 18' s.t. Lavecchia), Montesanto, Caracciolo (dal 24' s.t. Aronica), La Vista (dal 3's.t. Fontana); Brienza; Bruno. A disp.(Maurantonio, Tangorra, Mendil, Bonfiglio).
LECCE (4-3-3): Rossi, Cirillo (dal 33' s.t. Bojinov),Silvestri, Stovini, Tonetto; Giacomazzi, Piangerelli,
Donadel (dal 26' s.t. Ladesma); Camorani, Chevanton,Vucinic (dal 18' s.t. Di Vicino). (Poleksic, Colonnello, Bovo, Abruzzese). All. D. Rossi
ARBITRO: Palanca di Roma
RETE: Caracciolo al 39' p.t.
ANGOLI: 4-3 per l'Ascoli.
RECUPERO: 3' e 5'.
AMMONITI: Savini, Montesanto, Di Vicino, Bruno, Aronica, Lavecchia,
SPETTATORI: 9.000 circa pee un incasso di 85.564,81 euro.


Brutto passo falso del Lecce che perde per uno a zero ad Ascoli e vede complicarsi la corsa verso la serie A, anche se dietro si è mosso poco. Il gol diCaracciolo vale invece per i bianconeri la certezza di una salvezza festeggiata dai tifosi di casa con una pacifica invasione di campo al termine della gara.

Nell'Ascoli si rivede Fontana dopo un lungo infortunio, ma va inizialmente in panchina;squalificato Cristiano, Pillon dà spazio a Montesanto confermando a sinistra Savini e, a destra, in posizione avanzata, Stella. Ancora assente l'infortunato Di Venanzio. Dall'altra parte Rossirecupera Camorani; scontata la squalifica, di nuovo disponibili Stovini e Abruzzese. In attacco c'è iltridente guidato dal bomber Chevanton.

Il primo brivido lo corre l'Ascoli al 4' con Cejas che si supera deviando un colpo di testa di Silvestri su cross di Tonetto.
I giallorossi sembrano più determinati a cercare la via della rete anche perché fra le due squadre sono loro ad aver più bisogno dipunti vista l'ormai tranquilla posizione di classifica dei padroni di casa. Al 21' ci prova Chevanton con un sinistro che finisce sul fondo. Fa caldo al Del Duca e le squadre ne risentono, tanto che il ritmo non è alto e le occasioni da gol latitano.

In compenso l'arbitro Palanca è costretto ad intervenire spesso per sanzionare interventi fallosi da una parte e dall'altra.
Al 29' un'incertezza giallorossa innesca il contropiede bianconero che si conclude con un tiro di Montesanto che Rossi respinge come può, poi la difesa libera. Al 39' l'Ascoli va a sorpresa in vantaggio: calcio d'angolo di Brienza, palla sul primo palo, si accende una mischia e il batti e ribatti è risolto da Caracciolo che appostato nell'area piccola insacca per l'1-0 a favore dei padroni di casa:
nell'occasione, non esente da responsabilità la difesa leccese.
La reazione degli uomini di Delio Rossi è nervosa e si concretizza con un paio di tiri senza troppe pretese, prima del fischio di Palanca che manda le squadre negli spogliatoi per l'intervallo.

Si riparte con le stesse formazioni scese in campo inizialmente, anche se già al 3' Pillon manda in campo Fontana e richiama La Vista. All'8 Ascoli vicino al raddoppio con un destro secco di Stella che supera Generoso Rossi ma è ricacciato fuori da Donadel appostato sul palo.Finalmente si sveglia il Lecce che al 14' colleziona una palla gol con Chevanton il cuitiro sottomisura trova Cejas pronto alla difficile parata in angolo. Il portiere argentino si ripete due minuti dopo opponendosi ad un fendente di Cirillo dal limite. Entrano nell'Ascoli Lavecchia per Stella ed Aronica per Caracciolo; Delio Rossi inserisce Di Vicino per Vucinic e Ladesma per Donadel. Il tema della gara non cambia: il Lecce cerca il pari disordinatamente e l'Ascoli agisce in contropiede.

DiVicino cade in area ascolana e cerca il rigore, ma rimedia solo un'ammonizione per simulazione. E' l'Ascoli invece ad andare vicinissomo al raddoppio nel primo dei cinque minuti di recupero concessi da Palanca: Brienza che da buona posizione scocca un sinistro che termina di poco al lato. Non succede più nulla e l'Ascoli può incamerare tre preziosi punti: sconfitta che può invece essere pericolosa per il Lecce che vede il cammino verso la B più difficile.

10/05/2003





        
  



5+2=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
17/12/2019
Prefettura:"Festività natalizie, Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
25/11/2019
Carlo Crivelli e il suo polittico di Sant’Emidio (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)

Sport

04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
04/10/2020
Maxi Lopez e Nocciolini regalano la prima vittoria stagionale alla Samb! (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
05/01/2020
GROTTAMMARE - SASSOFERRATO G. 1 - 0 (segue)
05/01/2020
Un Porto D'Ascoli super vince e convince contro il Marina con 4 reti (segue)
04/01/2020
Un buon Centobuchi cede ai colpi precisi della Civitanovese. (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji