Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Venerdì Santo tra suggestione e storia

| OFFIDA - Venerdì la secolare processione.

di Alberto Premici

Venerdì prossimo avrà luogo la tradizionale processione del Cristo Morto che in Offida, così come in altri centri, ha orgini antiche. Ho assunto alcune informazioni sull'evento da Don Luciano Carducci  il quale, con la consueta cortese disponibilità, mi riferisce che tutto ha inizio dalla fondazione della Confraternita (o Compagnia) dei SS.Cuori di Gesù e Maria nell'anno 1770, per iniziativa di alcuni benemeriti locali intenzionati a rafforzare la devozione.

Per concretizzare l'iniziativa era indispensabile disporre di un luogo ove riunirsi in preghiera ed organizzare l'opera di apostolato. Pertanto si procedette all'acquisto della chiesa di "S.Giovanni in piazza" che apparteneva alla parrocchia di S.Nicolò.
Fissati i termini dell'accordo con il parroco Don Giovanni Battista Chiappini ed ottenute le debite autorizzazioni dall'Autorità Ecclesiastica, fu istituita la "Confraternita dei SS.Cuori di Gesù e Maria" che, fra i tanti obblighi dei Confratelli, prevedeva in modo specifico di "fare la processione con Il Cristo Morto nel venerdì Santo di ogni anno".

Nei primi tempi la processione veniva effettuata utilizzando una lettiga a mano la cui ultima versione risale al 1819.
Successivamente i Confratelli, constatato che tale lettiga non rispondeva più alla solennità della sua funzione, decisero di costruire un nuovo "carro ricco e nobile onde potervi portare in processione, con vero decoro e devozione" il simulacro del Cristo Morto. Affidarono quindi nel 1868 al Prof.Alcide Allevi di Offida l'incarico di redigere il progetto ed al Sig.Lorenzo Mancini di Ascoli Piceno la cura delle decorazioni.

Per l'esecuzione dei ricami in argento vi fu una vera gara tra cittadine benemerite offidane che, sotto la sapiente guida della Sig.ra Aloisa Donati, aiutarono le Monache Benedettine nel delicato e difficoltoso compito.
Dopo due anni il nuovo maestoso carro ("la bara" come ancora oggi viene chiamata) era pronto e fu inaugurato la sera del Venerdì Santo del 1870. Oggi è ancora sostanzialmente integro ed esempio mirabile del famoso artigianato offidano di un tempo, ancora presente in innumerevoli manufatti della cittadina.
La processione, sentita e molto suggestiva, ha ancora oggi una notevole partecipazione di fedeli e vede presenti autorità civili, militari e religiose cittadine, accompagnate dal corpo bandistico Città di Offida nel percorso tradizionale all'interno del centro storico.

16/04/2003





        
  



5+5=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji