Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Le Marche terra di presepi

San Benedetto del Tronto | La nostra regione ospita un circuito di presepi creati da un folto numero di artisti che, ispirandosi alla nostra secolare tradizione cristiana, ha voluto far rivivere la magia della notte santa.

di Elvira Apone

la locandina

Un folto numero di artisti, capeggiato da Iginio Catini, ha ricreato, con entusiasmo, impegno e passione, la magica atmosfera della notte santa attraverso un'ampia serie di presepi che copre l'intera regione. Dai presepi tradizionali a quelli meccanizzati, dai presepi artigianali a quelli multimediali, tutti ripercorrono con dovizia di particolari e con estrema cura dei dettagli la straordinaria avventura della nascita di Cristo che, scegliendo di nascere in mezzo agli umili, è venuto sulla terra a portare un messaggio di amore e di solidarietà.

Ed è proprio creando un circuito di rappresentazioni sacre che, da nord a sud, da est a ovest, abbraccia tutta la nostra regione, che questo messaggio sembra acquistare una valenza ancora più forte e pregnante, sembra ricordarci, in modo chiaro e definitivo, l'importanza della nascita di Cristo nella nostra società, sempre più lontana dai valori primordiali di pace e fratellanza tra gli uomini. È un magnifico e appassionante viaggio questo, un viaggio attraverso riproduzioni in cui spesso l'innovazione si affianca alla tradizione, in cui tecnica, creatività e originalità si mescolano, si intersecano e si sovrappongono offrendo spettacoli spesso insoliti, sorprendenti ed emozionanti, che riescono ancora a parlare al cuore della gente. Da Falconara ad Osimo per poi scendere nell'entroterra maceratese a Cingoli, Gagliole, Loro Piceno, San Ginesio, Treia, Recanati, Corridonia, Macerata, Civitanova Alta e tornare sulla costa a Civitanova Marche,Porto Potenza Picena, Porto Sant'Elpidio e Cupra Marittima e di nuovo inoltrarsi tra Fermo, Sant'Elpidio a mare, Montegranaro, Montegiorgio, Rapagnano, Ascoli Piceno, Force, Palmiano, Venarotta e Acquaviva Picena. Un percorso immaginifico di grande bellezza che riscrive una storia millenaria in cui Cristo, povero tra i poveri, è sceso sulla terra per liberarla, con la sua luce, dalle tenebre. Ed è proprio questa luce che, nella lucentezza dell'acqua dei ruscelli che scorrono tra il verde muschio che circonda le piccole case arroccate sulle colline, nel fulgore della stella cometa che attraversa il cielo ormai buio, nel chiarore delle piccole botteghe artigiane, e soprattutto nel tenue riverbero proveniente dalla capanna, si svela ogni volta come se fosse la prima e ci parla ogni volta con parole nuove.

Un itinerario sacro denso di temi e contenuti, una stimolante osmosi di idee, spunti e riflessioni, un invito a guardare oltre i confini del nostro mondo per rivivere la magia della notte santa.

 

28/12/2019





        
  



5+2=

Altri articoli di...

Fuori provincia

14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji