Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

San Benedetto Tennis Cup: Giustino unico italiano rimasto in gara

San Benedetto del Tronto | Vanni sconfitto dal colombiano Galan Riveros. Dall'altra parte del tabellone derby spagnolo fra Gutierrez-Ferrol e Taberner.

di Lorenzo Picardi

Lorenzo Giustino

La giornata di venerdì ci ha consegnato le semifinali di questa edizione della San Benedetto Tennis Cup. Se da una parte alcuni dei quarti hanno avuto dei risultati che non hanno rispettato le gerarchie imposte dal tabellone e dalla classifica mondiale, dall'altro si può affermare che non ci sono state sostanziali sorprese, essendo andati avanti quei giocatori che hanno mostrato il gioco migliore nel corso del torneo. Andiamo con ordine.
Il primo incontro in programma è stato quello fra il croato Ante Pavic e la testa di serie numero due del torneo Carlos Taberner. La vittoria di quest'ultimo sembrava scontata e, nonostante il balcanico abbia creato più di un grattacapo all'avversario, lo spagnolo è sembrato sempre in controllo. In apertura Taberner, grazie alla generosità di Pavic, metteva a segno il primo break della partita ma, quasi per contraccambiare il gentile omaggio del croato, restituiva dopo poco il servizio con un game non proprio impeccabile. Pavic, conscio della maggiore solidità dell'iberico, ha cercato di prendere in mano lo scambio e di verticalizzare quando possibile, facendosi apprezzare per alcune discese a rete di pregevole fattura. Tuttavia nel momento topico del set, sul 4-4, ha commesso alcuni di quegli errori che per poco non gli erano costati l'ottavo contro Gimeno-Traver ma che ieri non avrebbe dovuto concedere ad un avversario più consistente come il giovane spagnolo, che ha chiuso il primo parziale con il punteggio di 6-4. Nel secondo set, stante il medesimo canovaccio tecnico-tattico, l'andamento è stato più lineare, con Taberner che si è limitato ad amministrare il vantaggio accumulato nel quinto gioco. L'iberico si aggiudicava anche questo parziale per 6-4, agguantando la seconda semifinale consecutiva alla San Benedetto Tennis Cup (l'anno scorsa persa da Djere). Dopo un primo turno scoppiettante, Taberner è sembrato vivacchiare sugli errori degli avversari e non ha mai dato l'impressione di giocare al massimo delle sue possibilità, circostanza che dovrà verificarsi se vorrà portare a casa il torneo. Ad attenderlo in semifinale il "giustiziere di italiani" Gutierrez-Ferrol, il cui 6-1 6-0 inflitto ad un provato Matteo Viola (terzo italiano sconfitto dallo spagnolo dopo Gaio e Quinzi) sembra un monito lanciato a Taberner.
A difendere i colori italiani è rimasto solamente l'ottimo Lorenzo Giustino ammirato questa settimana, vincitore contro Andrea Arnaboldi nell'atteso derby di giornata. La partita ha riproposto fedelmente quello che è stato il percorso dei due giocatori: Arnaboldi è stato brillante ma fin troppo falloso mentre Giustino è stato solido ma al tempo stesso incisivo, cercando di non lasciare l'offensiva all'avversario, sicuramente più propenso ad attaccare piuttosto che a difendersi. Dopo un inizio in cui i due italiani si sono gentilmente concessi break e controbreak, la partita è sembrata da subito nelle mani di Giustino, che aveva molti meno problemi a portare a casa i propri turni di servizio rispetto ad Arnaboldi, che nel corso di tutta la partita ha annullato un alto numero di palle break. Il match è stato gradevole ed ha proposto alcuni scambi di un certo livello, ma alla fine il 6-3 6-4 in favore di Giustino certifica la superiorità di quest'ultimo sul suo avversario.
Ad attenderlo c'è il giocatore che forse ha maggiormente impressionato nel corso della settimana, sfoggiando un tennis potente ma allo stesso affidabile: il colombiano Galan Riveros. A farne le spese, purtroppo, è stato il nostro Luca Vanni, che ha comunque disputato un buon torneo ma ha ceduto ad un avversario simile, ma migliore sotto alcuni aspetti quali il rovescio e la mobilità. Proprio queste sono state le chiavi della vittoria di Galan Riveros: nonostante il gioco del sudamericano si basi principalmente su servizio e dritto, due colpi molto potenti, la capacità di non indietreggiare col rovescio è stata fondamentale per non lasciare che Vanni comandasse con il dritto come nei turni precedenti. Nel primo set l'italiano ha pagato un break subìto con troppa leggerezza ad inizio partita, svantaggio mai recuperato e che ha permesso a Galan Riveros di portare a casa il primo parziale per 6-3; nel secondo invece la partita è stata molto più combattuta, con entrambi i giocatori che hanno avuto la possibilità di strappare il servizio senza però riuscirci. Giunti al tiebreak, Galan è riuscito a giocare meglio un paio di punti importanti, in particolare il penultimo, nel quale una strenua difesa ha indotto all'errore Vanni.
Il match di Giustino, dunque, si prospetta tutt'altro che semplice. L'italiano scenderà in campo sul Centrale non prima delle 21.00, mentre il derby spagnolo fra Taberner e Gutierrez-Ferrol andrà in scena prima, alle 19.30 sempre sul Campo Centrale. Alle 17.30, invece, finale di doppio fra le prime due teste di serie del torneo: la giovane coppia tutta italiana composta da Vavassori e Ocleppo contro i numeri due del seeding, Sergio Galdo e Federico Zeballos.

21/07/2018





        
  



5+3=

Altri articoli di...

San Benedetto

13/12/2018
La Di Felice Edizioni è alla rassegna Editoria Abruzzese (segue)
13/12/2018
Natale con l'Autore. Elena Polidori presenta il libro "Amatrice non c'è più. Ma c'è ancora" (segue)
13/12/2018
Presentazione del libro di Fabrizio Di Marzio La politica e il contratto" (segue)
12/12/2018
Convegno " Il doping tra illusione e realtà" (segue)
12/12/2018
Novembre "mese dell'infanzia e dell'adolescenza" 2018 (segue)
12/12/2018
L'IPSSCSS ‘Nicola Ciccarelli' di Cupra Marittima consegna i diplomi agli studenti del corso OSS (segue)
11/12/2018
Con le ali ai piedi al primo incontro della nuova edizione di In Art (segue)
10/12/2018
"Crescere con la musica" (segue)

Sport

09/12/2018
Samb:la vittoria della sofferenza! (segue)
02/12/2018
PORTO RECANATI - GROTTAMMARE 1 - 3 (segue)
02/12/2018
Samb: prima gioia in trasferta! Sbancata, in rimonta, Verona grazie ad una doppietta di Rapisarda. (segue)
26/11/2018
Cinque buoni motivi per partecipare alla Granfondo San Benedetto del Tronto (segue)
25/11/2018
Samb: con la Triestina finisce 0-0 (segue)
25/11/2018
GROTTAMMARE - FORSEMPRONESE 1 - 2 (segue)
21/11/2018
Fedeli scrive di nuovo ai tifosi:" Basta con le multe. Con quei soldi un progetto benefico". (segue)
21/11/2018
Samb-Triestina: arbitrerà Luigi Carrella di Bari. (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino