Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Hubilita, uno spazio di coworking per promuovere l'occupazione giovanile nel territorio Piceno

San Benedetto del Tronto | È stato presentato oggi presso la Bottega del Terzo Settore di Ascoli Piceno il progetto Hubilita, realizzato dalla cooperativa sociale Tangram insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno.

Hubilita

Hubilita è il primo spazio di coworking e di coworking caffè di San Benedetto del Tronto. Nel centro di Porto d'Ascoli, nei pressi della Stazione ferroviaria, a 500 mt dalla Facoltà di Economia dell'Università Politecnica delle Marche, vicino allo svincolo autostradale, Hubilita è un central business, capace di rispondere alle esigenze di giovani, professionisti e piccole start-up che leggono nella condivisione e contaminazione il potenziale di crescita professionale.

Il coworking, ispirato ai migliori modelli europei, mette a disposizione desk, uffici, sale riunioni, area eventi, zone relax e spazi informali. Il coworking caffè, che propone non solo breakfast ma anche light food, vuole candidarsi ad essere un salotto culturale dove incontrarsi, organizzare riunioni, partecipare ad eventi, mostre, presentazioni, concerti o semplicemente fermarsi, lavorare, leggere, studiare o fare due chiacchiere.

I due servizi, collegati ed interconnessi, offrono un mix generativo di opportunità. Hubilita, promuove nuovi modelli di business e di lavoro, a vocazione sociale, coerenti con le nuove tendenze della sharing economy e dell'economia collaborativa. Un servizio relazionale, creativo, collaborativo, ibrido, un generatore di condivisione, collaborazione, contaminazione, cultura e sviluppo.

Il progetto, ideato dalla Tangram Società Cooperativa Sociale e realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, mette al centro i giovani del territorio, offrendo non solo opportunità lavorative a disoccupati, inoccupati e a soggetti svantaggiati, ma sostenendo contestualmente l'autoimprenditorialità e lo sviluppo delle tante idee innovative di cui i nostri giovani sono portatori.
Hubilita mette al centro i giovani, per abilitarli e renderli artefici di nuovi modelli e nuove imprenditorialità.

L'apertura di "Hubilita" sarà preceduta da azioni di scouting ed engagement mirate al coinvolgimento attivo di giovani, professionisti ed imprese del territorio. A maggio 2018 verranno attivati i laboratori per il trasferimento di conoscenze e competenze necessarie alla costruzione di una impresa sociale ad un gruppo di 60 giovani selezionati.

Tre di loro saranno selezionati per entrare a far parte del team di Hubilita. A giugno 2018 sarà il momento del coinvolgimento delle imprese, con particolare riferimento alle start-up. Verranno, pertanto, scelti 3 team imprenditoriali che potranno abitare lo spazio ed avere una pluralità di vantaggi e servizi gratuiti per lo sviluppo del proprio progetto.

A settembre 2018 saranno, invece, coinvolti giovani professionisti, i cosiddetti freelance, attraverso un bando concorso teso a selezionare 10 futuri coworkers che potranno usufruire di vantaggi esclusivi.

Il progetto ha un'alta valenza innovativa per il territorio perché intende generare, accanto al valore economico anche valore sociale rintracciabile in tre aspetti principali: la possibilità per i 3 giovani disoccupati di entrare nel team di Hubilita, l'inserimento lavorativo di ulteriori 2 giovani in situazione di svantaggio e la creazione di reti che fungeranno da moltiplicatori delle opportunità lavorative e da catalizzatori della comunità.

Il progetto intende produrre un Cambiamento che parte innanzitutto dalla diffusione nel territorio di un diverso approccio alle modalità lavorative ed alle relazioni sociali. Svilupperà nuove possibilità di lavoro non più legate alle forme tradizionali, ma strutturate per obiettivi e progetti, flessibili ed aperte all'apporto di idee provenienti da differenti figure e professionalità. Inoltre creerà reti sociali all'interno delle quali generare idee innovative in risposta ai bisogni sociali.

Il network di progetto vede il coinvolgimento di importanti realtà territoriali e nazionali che qualificano la proposta e contribuiscono a garantirne il successo. La Scuola di Architettura e Design dell'Università di Camerino, il Dipartimento di Management dell'Università Politecnica delle Marche, la Cooperativa Eos di San Benedetto del Tronto, L'Associazione I Girasoli di Acquaviva Picena e Slow Food San Benedetto del Tronto/Valdaso, rappresentano i partner territoriali ai quali si aggiungono l'associazione Staisinergico, che gestisce coworking in provincia di Lecce, ed Aiccon, il Centro di ricerca sull'economia sociale dell'Università di Bologna, che si occuperà della valutazione e misurazione d'impatto.

13/03/2018





        
  



4+1=

Altri articoli di...

San Benedetto

23/06/2018
Presentata la ricerca sui 66 caduti della 1° G.M (segue)
23/06/2018
Nel Paese del Gusto dal 22 al 24 giugno Festa della Lonza e della sframicata di salsiccia (segue)
23/06/2018
Sensi, per non perdere di vista il senso autentico della Sagra Giubilare (segue)
23/06/2018
Ecco i vincitori del 13° Premio Sgattoni (segue)
23/06/2018
Francesco Lamazza è il nuovo direttore sportivo della Samb. (segue)
23/06/2018
"Un Castello DiVino e Sapori" dal 21 al 24 giugno nel centro storico (segue)
23/06/2018
Samb:in panchina arriva Magi (segue)
22/06/2018
A Offida la settima edizione di Hors Lits (segue)

Cultura e Spettacolo

23/06/2018
Cultura in piazza ed eccellenze del territorio, Monteprandone presenta “Piceno d’Autore". (segue)
23/06/2018
Nel Paese del Gusto dal 22 al 24 giugno Festa della Lonza e della sframicata di salsiccia (segue)
23/06/2018
Sensi, per non perdere di vista il senso autentico della Sagra Giubilare (segue)
23/06/2018
Ecco i vincitori del 13° Premio Sgattoni (segue)
23/06/2018
"Un Castello DiVino e Sapori" dal 21 al 24 giugno nel centro storico (segue)
22/06/2018
A Offida la settima edizione di Hors Lits (segue)
20/06/2018
Al via la 37° edizione degli “Incontri con l’Autore”. (segue)
20/06/2018
Sardegna L'Isola del Vino all'Enoteca Comunale (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino