Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Isabelle Boulay canta Serge Reggiani

San Benedetto del Tronto | Isabelle Boulay "Merci Serge Reggiani"

di

Isabelle Boulay

"Merci Serge Reggiani"

In omaggio alla diciannovesima edizione per Festival Léo Ferré di San Benedetto del Tronto ecco un'uscita francese di questi giorni che rende gloria alla canzone d'oltralpe più classica in nome di uno dei grandi come Serge Reggiani in quel bellissimo connubio che ha legato da sempre Italia e Francia. Isabelle Boulay è una cantante del Quebec canadese di madrelingua francese che dichiara: "Se fossi stato un uomo avrei avuto certamente le sembianze di Serge Reggiani". A lui infatti è dedicato questo lavoro (il decimo della carriera di Isabelle Boulay) pensato e meditato per mesi che ha radici profonde nell'infanzia della ragazza Isabelle che, giovanissima, ha scoperto queste canzoni.

Non ci sono guizzi né colpi di genio in questo lavoro che possiede però la grande forza della dignità e rispetta tutti i canoni classici dell'interpretazione. Curiosamente il disco si apre con la bellissima "Ma solitude", composta da Georges Moustaki (Mustacchi e Reggiani in fondo non erano che due italiani!) nel 1969 e cantata anche da Reggiani (dal vivo i due l'hanno anche cantata insieme). La Boulay la interpreta pensando a "Je ne regrette rien" di Edith Piaf e sa essere molto convincente. C'è Moustaki anche in "Ma liberté", bel manifesto ripreso con forza identificatrice da Reggiani e Isabelle si cala nello spirito di un bel diritto rivendicato a forza. Ci sono canzoni meravigliose in questo omaggio, da "L'absence" a "Ma fille" (che la stessa Isabelle aveva interpretato sulla scena a fianco di Reggiani), da "La vieux couple" (uno dei più classici esempi di canzone à texte francese) a "Si tu me payes un verre" (con i riflessi di Michel Legrand), dalla perfetta "T'as l'air d'une chanson" all'illuminante "Le déjeuner de soleil" passando dall'"americana "Les amours sans importance" che dimostra quanta vicinanza abbiano molte canzoni d'autore in ogni angolo del mondo (ma anche "De quelles Amériques" segue le stesse orme).

"Quanta esigenza di tenerezza -dice la Boulay- esiste nelle canzoni di Serge" e la cantante insegue quelle orme come ha fatto in passato per tante canzoni francesi sulle orme di Maxime Le Forestier ma anche americane da Etta James a Lee Hazlewood passando per il muro del suono di Phil Spector, le atmosfere di Daniel Lanois, suo connazionale, quelle del designer acustico Benjamin Biolay e le belle emozioni di Jean-Louis Murat. Una carriera all'insegna delle emozioni dell'amore di cui Isabelle Boulay si nutre giorno dopo giorno e oggi ancora con il ricordo di Serge Reggiani.

Voto 7,5/10

07/06/2014





        
  



5+4=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
19/11/2019
Doppio appuntamento per “Sentimentál” di Roberto Michilli (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
13/11/2019
Roberto Michilli presenta il 16 novembre a Campli “Sentimentál” (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)

San Benedetto

19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
17/11/2019
CASTELFIDARDO - GROTTAMMARE 0 - 1 (segue)
17/11/2019
L'eccellenza accademica italiana fa tappa a Grottammare Alta (segue)
16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
La Samb torna alla vittoria: Di Massimo e Frediani fanno tornare il sorriso. (segue)
10/11/2019
GROTTAMMARE - VALDICHIENTI 1 - 0 (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji