Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il Dark Lounge dei 9 In Common

San Benedetto del Tronto | 9 In Common "Au revoir Paris"

di

9 In Common

"Au revoir Paris"

Dietro le quinte dei 9 In Common c'è la mente di un geniale jazzista francese come Alex Tassel che nasce artisticamente pianista ma diviene negli anni un eccellente trombettista nonché arrangiatore e compositore con diploma del Conservatotio di Rouen, Dal 2000 in avanti Tassel ha pensato bene di lavorare in concerto con vari DJ set (in primis con Dj Cam) e di collaborare con l'ambiente franco inglese di hip hop. Il suo valore di strumentista è stato apprezzato da una folta schiera di artisti con i quali ha collaborato sia dal vivo che in sala d'incisione (tra gli altri Manu Katché, Marcus Miller, Keziah Jones, Archie Shepp, Guru, David Murray e i nostri Flavio Boltro, Antonio Faraò, Giovanni Mirabassi).

L'incontro di Tassell con l'ingegnere del suono e produttore di musica elettronica, Yann Lebreuilly ha dato vita alla formazione dei 9 In Common i quali, con "Au revoir Paris" ripropongono l'impatto emotivo del loro esordio di due anni fa, quel "Abstract reality" che aveva destato molta curiosità e interesse ricevendo critiche molto positive. Oggi il suono è ampiamente maturato e l'ascolto di "Au revoir Paris" fa immergere in una serie di suggestive atmosfere notturne in cui il lavoro dell'elettronica crea un soundscape di notevole livello sul quale intervengono i singoli strumenti e i gorgheggi di della brava vocalist ricampionati per l'occasione. Gli appassionati del suono elettronico della serie St.Germain des Près o Ibiza Sound si ritroveranno alla perfezione in questa magia di suoni d'autore che sanno andare ben oltre il deejaying più abituale. E' un suono dark quello di "Au revoir Paris", fatto di un lounge pieno di chiaroscuri, di un mescolamento di elettrojazz che riflette il Miles Davis soggiogato dal viso di Jeanne Moreau in "Ascenseur pour l'échafaud" nel trip hop di Bristol e di Tricky con lampi à la Freddie Hubbard e tessiture à la Modern Jazz Quartet sulle quali si intersecano un pianismo secco in stile Sakamoto ("Midnight is the hour") e sassofoni interplanetari che sanno giocare (magia della tecnica) con lo scratching e lo spoken word.

Un miscuglio di generi che rappresenta la cifra identificativa dei 9 In Common che sanno regalare un tappeto sonoro davvero magico e sorprendente (almeno all'ascolto, perché poi certe operazioni, dal vivo, si sgonfiano e si appiattiscono terribilmente). Non ci sono titoli o brani che sovrastano gli altri. Tutto è cornice. Tutto è colore. Tutto è gioco sonoro ammaliante che si adatta al migliore chillout di una sera d'estate. Come fumo che avvolge una lampada blu. Come siero che si spande nell'acqua limpida.

Voto 8/10

24/06/2014





        
  



5+4=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

15/10/2019
Allena la tua mente! Generali dà il via ai corsi di scacchi per le famiglie (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
11/10/2019
"Less Plastic More Future" Iniziativa organizzata dal Rotary Club di San Benedetto (segue)
30/09/2019
Una nuova pubblicazione per la Di Felice edizioni: “Epicrisi” di Ashraf Fayadh (segue)
30/09/2019
Assegnata la Palma d'Oro sambenedettese (segue)
29/09/2019
Riprende la stagione culturale di BlowUp (segue)
16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)

San Benedetto

17/10/2019
Samb-Virtus Verona: arbitrerà Mario Saia Di Palermo. (segue)
17/10/2019
Padova-Samb: al via la prevendita dei tagliandi. (segue)
15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
15/10/2019
Fermato un pregiudicato di 44 anni residente a Martinsicuro (segue)
14/10/2019
Samb:sbancato il Manuzzi! (segue)
13/10/2019
GROTTAMMARE - ATLETICO ALMA 0 - 0 (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji