Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Nel mondo di Mark Oliver Everett

| Eels "The cautionary tales of Mark Oliver Everett"

di

Eels

"The cautionary tales of Mark Oliver Everett"

E' una bella immagine quella che arriva dal titolo importante di questa ennesima produzione della band alternativa degli Eels, formazione della Virginia guidata dall'introverso Mark Oliver Everett. Dopo essersi nascosto per anni dietro sigle e pseudonimi ("E" o "Mr. E.") oggi esce allo scoperto col suo nome per ammonire il mondo che lo circonda e la grande schiera dei suoi fans con i racconti pieni di verità e amarezza della sua vita travagliata. Figlio di un importante fisico come Hugh Everett III, il cui cadavere fu scoperto proprio da Mark all'età di 19 anni e con una sorella tossicodipendente e suicida, l'artista ha dato vita agli Eels producendo una decina di lavori in quasi venti anni di attività.

In quasi vent'anni Everett è passato dal rock al grunge, dall'hip hop al blues elettrico traducendo le forti emozioni della sua esistenza nelle più svariate forme musicali. Con questo splendido lavoro (nella confezione deluxe è un doppio disco con sei brani di live acustico) gli Eels entrano in una dimensione cantautorale nella quale ogni brano mette a nudo il personaggio Mark Everett e il suo mondo interiore, a iniziare dagli universi paralleli di suo padre ("Parallels") per passare alle riflessioni esistenziali e alla ricerca della strada principale della sua vita. La sua bellissima voce rauca rimanda direttamente ai colori del classico Randy Newman (superbe le esecuzioni di "Where i'm going" o "Gentleman's choice" ma non è da meno in "Answers") ma anche alle introspezioni di Tom Waits ("Dead reckoning", "Millicent don't blame yourself"). Everett confessa gli errori della sua vita ("Mistakes of my youth") e cerca risposte nella musica. Potrebbe essere uno scrittore con i toni di Foster Wallace nel cercare gli antidoti alla solitudine cosciente che raramente è disperazione.

La musica e la canzone sono la sua medicina ed egli riesce ad avvolgerla con una sottesa melodia da grande talento del pop. A volte Everett sa vestire le sue parole con avvolgenti orchestrazioni à la Michel Legrand (vedi la superlativa "Lonely lockdown hurricane") tanto la sua vena melodica è ricca e colorata. I suoi amici musicisti (Derek Brown, Mike Sawitzke, The Chet) lo assecondano ed entrano magicamente nel suo mondo. E' un disco compatto e con una lunga linea d'ombra "The cautionary tales", fatto di rivelazione e di confessione a cuore aperto, di perfette composizioni e di amara consapevolezza. Come nel magnifico documentario della BBC "Parallel worlds, parallel lives", Mark Oliver Everett si mette a nudo con un disco di canzoni superlative.

Voto 9/10

03/05/2014





        
  



3+1=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

15/10/2019
Allena la tua mente! Generali dà il via ai corsi di scacchi per le famiglie (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
11/10/2019
"Less Plastic More Future" Iniziativa organizzata dal Rotary Club di San Benedetto (segue)
30/09/2019
Una nuova pubblicazione per la Di Felice edizioni: “Epicrisi” di Ashraf Fayadh (segue)
30/09/2019
Assegnata la Palma d'Oro sambenedettese (segue)
29/09/2019
Riprende la stagione culturale di BlowUp (segue)
16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)

San Benedetto

17/10/2019
Samb-Virtus Verona: arbitrerà Mario Saia Di Palermo. (segue)
17/10/2019
Padova-Samb: al via la prevendita dei tagliandi. (segue)
15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
15/10/2019
Fermato un pregiudicato di 44 anni residente a Martinsicuro (segue)
14/10/2019
Samb:sbancato il Manuzzi! (segue)
13/10/2019
GROTTAMMARE - ATLETICO ALMA 0 - 0 (segue)
12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji