Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il suono di Sohn

San Benedetto del Tronto | Sohn "Tremors"

di

Sohn

"Tremors"

Immaginate un moderno elettronico Brian Eno mescolato con le sonorità di James Blake e del belga australiano Gotye e avrete subito il quadro della situazione per questo bell'esordio di Sohn, al secolo Christopher Taylor, londinese innamorato del beat elettronico e della scuola tedesca che da qualche anno ha scelto Vienna come città di residenza.

La copertina di questo esordio rimanda agli spazi ghiacciati di un mondo lontano come l'Islanda e in un certo qual modo tra i colori di questi suoni non è lontana quell'atmosfera cara ad Asgeir, Bjork, Sigur Ros e Olafur Arnalds. L'inizio di "Tremors" è un po' da gospel originale e lascerebbe pensare ad un diverso sviluppo dell'intero lavoro uscito per la prestigiosa 4AD ma il prosieguo del disco lascia intendere come la voce, per Sohn, non è altro che uno strumento da campionare e usare a corollario di un soundscape che mano a mano diventa sempre più peculiare. Dietro al cantante, all'autore e al musicista Sohn c'è un perfetto maestro di cerimonie da sala d'incisione, un esperto tecnico del suono che riesce a modificare, ricampionare, gestire tutto il lavoro con una banco mix di prim'ordine. "Tremors", al di là dei tecnicismi è ricco di emozioni e di colori che fuoriescono da un buio che a tratti sembra esistenziale e mai solo artificiale. La voce è spesso un "Bloodflows", come recita il titolo di un brano, un continuo movimento di vita, una luce per emergere, segno dell'artista che cerca di non essere ingabbiato dai suoi marchingegni elettronici. I crescendo sono spesso esaltanti, come nel caso di "Ransom notes" e molto coinvolgenti come in un moderno prog e l'uso spesso ossessivo dell'eco e della ripetitività non è altro che una rete, una tela di ragno che avvolge e si appiccica sulla pelle senza però mai soffocare.

Sohn non disdegna certe atmosfere di classicismo o decadentismo che vengono opportunamente rivestite di effetti umoristici mai invadenti grazie a linee melodiche che non passano mai in secondo piano. E' in definitiva una bella lotta tra il poeta melodico e il tecnico che "sporca" il suono con i suoi artifizi. E non ci sono mai vincitori. Quello che emerge è un sapiente amalgama e un perfetto bilanciamento delle parti. La visione "nordica" di molte composizioni non è scevra da un senso di forte spiritualità evidenziato da un tappeto sonoro creato dall'organo e dalle tastiere. Le pulsioni elettroniche vibrano dall'inizio alla fine e danno al lavoro di Sohn una bella magia che, ascolto dopo ascolto, cattura anche il più distratto e traduce un forte senso di magia, segno evidente che dietro l'esperto tecnico del suono, esiste l'uomo e l'autore di spessore.

Voto 8/10

21/04/2014





        
  



2+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)
16/09/2019
Progetto Ecoriviera del Rotary Club di San Benedetto (segue)
16/09/2019
PROGETTO CREW, analizzati rischi e opportunità di un contratto di area umida per la Sentina (segue)
16/09/2019
Tutto pronto per la quarta edizione del Premio internazionale La Palma d'oro. (segue)
15/09/2019
Le due chiese di Santa Maria della Neve (segue)
10/09/2019
Convegno ADP-UNIVPM - 11/14 settembre 2019 (segue)
08/09/2019
Tanti sguardi, un unico orizzonte: San Benedetto del Tronto (segue)
31/08/2019
ANTONIO FUSCO presenterà il libro "Alla fine del viaggio" (segue)

San Benedetto

19/09/2019
Fermana-Samb: al via la prevendita dei 700 tagliandi messi a disposizione. (segue)
18/09/2019
Samb-Modena in programma mercoledì 25 Settembre alle ore 18.30: al via la prevendita dei tagliandi (segue)
18/09/2019
Fermana-Samb:arbitrerà Luigi Carella di Bari (segue)
17/09/2019
SASSOFERRRATO GENGA - GROTTAMMARE 0 - 0 (segue)
16/09/2019
Primo giorno di scuola all'Asilo Merlini (segue)
16/09/2019
Progetto Ecoriviera del Rotary Club di San Benedetto (segue)
16/09/2019
PROGETTO CREW, analizzati rischi e opportunità di un contratto di area umida per la Sentina (segue)
16/09/2019
Tutto pronto per la quarta edizione del Premio internazionale La Palma d'oro. (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji