Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Core risponde a Sestri sul dissesto stradale a Porto d'Ascoli

San Benedetto del Tronto | Il Presidente del Comitato di quartiere di Porto d’Ascoli Centro interviene dopo essere stato chiamato in causa dall'Assessore ai lavori pubblici.

di Elio Core

la Piazza Cristo Re - Porto d'Ascoli Centro

Nella qualità di Presidente del Comitato di quartiere di Porto D'Ascoli Centro intervengo nuovamente sul dissesto in cui versano le strade e le vie del centro di Porto D'Ascoli e non solo, perché chiamato in causa direttamente dal titolare dei lavori pubblici.

Rispondo nel seguente modo: sono i cittadini del quartiere che, protestando mediante e-mail ed incontri personali, giornalmente segnalano le difficoltà che incontrano nel transitare con veicoli, moto, bici e persino a piedi, lungo i marciapiedi facendo emergere questo enorme disagio sociale. Il rischio quotidiano è quello di cadere a causa della presenza di buche e di mattonelle rotte o divelte che non consentono il normale transito e non solo, lamentele arrivano anche dai diversamente abili che incontrano notevoli ostacoli architettonici che impediscono loro di muoversi liberamente per il nostro quartiere. Occorre fare lo slalom per transitare nelle vie della nostra città tra buche profonde come crateri e rattoppi ovunque che proiettano un enorme degrado.

Sono gli stessi cittadini che hanno raccolto le firme per segnalare lo stato di degrado delle vie della nostra città. Non vedere e considerare queste lamentele significa ignorare la voce della gente, di tutti coloro che giornalmente si recano a lavoro, che pagano le tasse e che dunque vorrebbero una città funzionante, pulita, ordinata; di certo non una città ove sul ciglio della strada sono presenti cumuli di immondizie, ratti, insetti e manti stradali sconnessi e rovinati, ma una città in cui il turista si ferma a fotografare le bellezze che la caratterizzano da sempre.

Un triste spettacolo questo che non può essere ignorato e/o tollerato da nessuno tantomeno da un amministratore di una città importante come San Benedetto, denominata città "Riviera delle Palme".
Credo che questa penosa situazione debba essere posta in un contesto di priorità assoluta tra le priorità di questa città affinché al seguito di una analisi accurata venga individuata una soluzione definitiva.

Tutto ciò premesso dovrà di certo essere affrontato con la medesima importanza relativa alla sistemazione del sottopasso di Via Mare, teatro in passato di due accadimenti luttuosi e numerosi incidenti stradali, che ancora ad oggi creano non pochi disagi e che purtroppo non hanno trovato soluzione, come del resto la realizzazione della bretella collinare ancora non realizzata che impedisce di far divenire la nostra città una città futuristica, ordinata, programmata.

Quale cittadino non vorrebbe una città in cui il forte inquinamento presente e di cui non si conoscono nemmeno i monitoraggi delle polveri sottili PM 10,venga ridotto sensibilmente? Una città monitorata giornalmente con verifiche e controlli in cui i fenomeni di allagamento che tanti danni hanno arrecato ai cittadini cessino? Credo che tutti desiderino questo!

Dunque, sulle base di queste considerazioni e di quanto espresso in premessa, occorre con urgenza provvedere all'asfalto delle vie e delle strade dell'intero territorio comunale, provvedere al rifacimento della segnaletica in alcun punti totalmente assente, sistemare marciapiedi dissestati e realizzare quelli mancanti, manutentare le buche, evitare continui allagamenti, monitorare e ridurre il forte inquinamento, costruire la bretella collinare, sistemare il sottopasso di via Mare, portare a termine il sottopasso di Via Pasubio.

Queste sono le priorità al momento in questa città, il resto sono solo chiacchiere e sterile polemiche che non interessano ai cittadini; non risolverle, questo sarebbe puro disfattismo!

08/10/2013





        
  



4+5=

Altri articoli di...

Politica

12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
29/09/2019
Il gazebo di Italia Viva in centro per lo ius culturae (segue)
13/08/2019
"Concorso regionale per medici di pronto soccorso eseguito ma tardano le chiamate di assunzione" (segue)
09/08/2019
Pellei sull'Affido Familiare "Pretestuoso, strumentale e vergognoso". (segue)
31/07/2019
Orgoglio civico"Sanità alle prossime elezioni regionali del 2020-fermatevi se potete!!" (segue)
08/07/2019
Il Comune era presente, con il suo Ufficio Politiche Comunitarie, a Zara (segue)
30/06/2019
Orgoglio civico:"Quale futuro per la Pediatria del Madonna del Soccorso?" (segue)
26/06/2019
Firmato un protocollo con la città polacca di Nysa (segue)

San Benedetto

12/10/2019
Consegnati i riconoscimenti del Gran Pavese Rossoblu (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
12/10/2019
Il liberty nelle Marche: un vero e proprio stile di vita (segue)
12/10/2019
Controlli a tappeto della Polizia Stradale su alcool, droga e irregolarità dei mezzi pesanti (segue)
11/10/2019
"Less Plastic More Future" Iniziativa organizzata dal Rotary Club di San Benedetto (segue)
09/10/2019
Cesena-Samb: arbitrerà Andrea Colombo di Como (segue)
09/10/2019
Cesena-Samb: al via la prevendita dei tagliandi (segue)
06/10/2019
GROTTAMMARE - URBANIA 2 - 2 (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji