Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

“Amarcord Pinguino”: il tempo con la meglio gioventù non è tiranno

San Benedetto del Tronto | Mercoledì 9 giugno presso lo chalet Pinguino si è tenuto, un lungo viaggio attraverso le immagini ed i protagonisti dei 51 anni di storia, che hanno reso lo chalet, un indimenticabile amarcord di famiglia.

I protagonisti di "Amarcord Pinguino"

“Ricordi immagini nella mente, fotografie che mai nessuno ha scattato. Sono ricordi belli che ci riempiono il cuore dando respiro alla nostra anima quando la vita di tutti i giorni sembra togliercelo. I cammini delle persone sono tanti, le strade s’intrecciano, si sfiorano e purtroppo si perdono, ma si ritrovano.

Così come questa sera ci siamo ritrovati grazie a voi, a Dorica, Franco, Fabrizio, in questo incontro magico e speciale da conservare dentro ognuno di noi. Grazie per  aver fatto e continuare a far parte della nostra vita da 51 anni.

Gli amici del Pinguino”.

E’ passato mezzo secolo, eppure sembra soltanto ieri, quando Umberto e Santina si apprestavano all’Arte, divenuta nel tempo grazie ai figli Dorica, Franco e Fabrizio, “vizio di famiglia”.

Tanti amici, tanti ricordi per “Amarcord Pinguino”, la serata dedicata alle vicende, alle persone e soprattutto ai flashback, di 51 anni di storia dello chalet. Gli amici di sempre, i figli, i nuovi habituè, insieme per festeggiare il “Pinguino” , il primo chalet di Porto d’Ascoli, che ha accolto nel tempo la “meglio gioventù”, oggi padri e madri, amici, famiglie e soprattutto storie, nate ed intrecciate in riva al mare come cornice unica di momenti indimenticabili. Il primo bacio, i primi sguardi, gli innamoramenti, tanti episodi rivissuti insieme per una notte, attraverso le immagini d’epoca.

Memorie di bambini nati e cresciuti a ridosso del “Pinguino”, che un tempo giocavano e si appassionavano alla famiglia Bizzarri. Uomini e donne,  ma soprattutto amici che proseguono nella consuetudine di trascorrere l’estate all’ombra dello chalet perché il Pinguino è, grazie al lavoro  della Famiglia Bizzarri diventato nel tempo, una tradizione di famiglia o meglio un “vizio” di famiglia consolidato dalle persone che lo hanno vissuto.

Il Pinguino ha attraversato gli anni mantenendo intatta la sua unicità, fatta di professionalità  e tanta passione, passione per le persone,  passione per il mare ed i luoghi che lo hanno visto nascere, cresce e modificarsi. Il Pinguino ha seguito e spesso anticipato i tempi, lasciando inalterato, l’amore e la professionalità che sempre hanno reso prezioso, il lavoro della famiglia Bizzarri.

Pinguino Amarcord è la storia di una famiglia, di un amore per le persone fatto di attenzione e professionalità, cresciuto nel tempo e impresso oggi nel sorriso di tutti i protagonisti.

Un’istantanea in bianco e nero, che giorno dopo giorno non scolorisce alla luce del sole estivo, ma acquisisce sfumature sempre nuove, come immagine di quello che è stato, che è, e soprattutto di quello che sarà. Un racconto di famiglia commovente, per l’unicità dei rapporti interpersonali che hanno contribuito a scriverne la lunga storia. Il primo Cittadino Giovanni Gaspari, da sempre amico di famiglia, ricorda ancora la professionalità, la cura dell’allargata famiglia Bizzarri e ci racconta episodi fatti di amicizia e solidarietà, come quando la mareggiata del 70’,  non lasciò nient’altro che il marciapiede agli chalet  di Porto d’Ascoli. Nonostante tutto gli allora ragazzi, infischiandose della spiaggia perduta continuarono ad alimentare con la loro presenza la passione per il loro personalissimo “Pinguino”. Continuarono a giocare, bivaccare, saltellare in quei pochi centimetri di spiaggia in compagnia di Dorica, Franco e Fabrizio, gli amici di allora e gli amici di sempre.

Il tempo non è stato tiranno con la “meglio gioventù”, oggi come ieri la passione anima i protagonisti di una saga famigliare lunga 51 anni. La meglio gioventù strizza l’occhiolino al tempo che passa, consapevole di ancora essere lì, in riva al mare, di essere ancora bambini,  gli stessi nonostante tutto che insieme sono cresciuti portandosi dietro un pezzo unico ed indimenticabile di storia.

Amarcord Pinguino è stato organizzato dalla Famiglia Bizzarri in collaborazione con il Cocalo’s Club nell’ambito del loro rapporto di partenariato.

10/06/2010





        
  



1+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

18/10/2017
Più di 1200 persone nelle Giornate FAI d'Autunno alla scoperta di tre residenze giuliesi (segue)
17/10/2017
Si rinnova il sodalizio tra professionisti del mestiere e studenti geometri alle prime armi (segue)
16/10/2017
Povertà e sovraindebitamento delle famiglie: lunedì 16 ottobre se ne parla all'hotel Calabresi (segue)
11/10/2017
Al ristorante Il Piacere del Cibo si festeggia il 525° Anniversario della scoperta del nuovo mondo (segue)
07/10/2017
Al via a Grottammare il laboratorio di teatro danza “Di Pari Passo” (segue)
05/10/2017
I legumi, le proteine dei poveri venerdì 6 ottobre al ristorante Il Piacere del Cibo (segue)
02/10/2017
Stagione teatrale 2017-2018 al via il 14 ottobre (segue)
02/10/2017
L'impresa del Capitano Giulio Laureati presentata all'IPSIA "A. Guastaferro" (segue)

San Benedetto

18/10/2017
Polizia arresta extracomunitario per aver assalito connazionale con una bottiglia di vetro rotta (segue)
17/10/2017
Si rinnova il sodalizio tra professionisti del mestiere e studenti geometri alle prime armi (segue)
17/10/2017
Polizia denuncia F.A. autore del furto presso la ditta Termoidraulica "La Fenice" (segue)
17/10/2017
Grande successo per la festa del Patrono (segue)
16/10/2017
Gubbio-Samb:arbitrerà Andreini di Forlì. (segue)
16/10/2017
Povertà e sovraindebitamento delle famiglie: lunedì 16 ottobre se ne parla all'hotel Calabresi (segue)
15/10/2017
Renate-Samb 1-1: fanno tutto i rossoblù che rimangono in testa alla classifica insieme al Pordenone. (segue)
14/10/2017
PORTO D'ASCOLI - GROTTAMMARE 3 - 1 (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino