Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

La Lega Pro se non fa tendenza, poco ci manca

San Benedetto del Tronto | L'Hellas ha la più alta media spettatori della Lega Pro, ma anche in Romagna c'è grande seguito. Cremonese con quattromila presenze a partita.

di Guido Favelli

La nuova Lega Pro tiene botta alla voce spettatori, in barba alla crisi economica. Considerato il restyling della vecchia serie C messo in atto dal presidente Macalli, il portafoglio sempre più vuoto dei tifosi a causa della grave crisi economica e le molte trasferte vietate dall'Osservatorio per motivi di ordine pubblico, negli stadi della terza serie è stata scongiurata la fuga.

Certamente, non bisogna fare salti di gioia, ma si vivacchia. La tendenza non è così distante dalla stagione scorsa e neppure mettendo a confronto le statistiche degli ultimi cinque anni. Al termine del girone di andata, dopo 17 gare, sommando i due gironi di Prima Divisione, la media generale degli spettatori si attesta intorno ai 2.450 a partita.

La flessione, tuttavia, è quasi impercettibile visto che nello scorso campionato la media generale era stata di 2.721 spettatori per gara. A fare la voce grossa è il girone settentrionale grazie a realtà importanti e popolose: Verona su tutte (10.534 spettatori comprendendo anche i biglietti omaggio), lo stesso pubblico, per fare un paragone di Parma e Bari nella serie cadetta. Nel girone meridionale domina il Foggia con quasi 4mila presenze fisse sugli spalti dello "Zaccheria".

Seguono a ruota Perugia ( 3.868), Ternana ( 3.140), Cavese (2.601) e Juve Stabia (2.590). Il trend del girone, tuttavia, è negativo: una perdita media di quasi 700 spettatori rispetto alla passata stagione. Più pieni gli stadi della Seconda Divisione in particolar modo nel girone C (1.502). Il dato complessivo è senza dubbio "gonfiato" dal pubblico straripante di Cosenza (oltre 5mila) e Catanzaro (quasi 2.500) che insieme sfiorano quasi le 8mila presenze. Cifre da capogiro con il record di presenze raggiunto nella sfida Cosenza - Catanzaro, che ha visto una cornice di pubblico al "San Vito" di oltre 12mila spettatori.

Dunque da un'attenta analisi dei dati degli spettatori che hanno affollato gli stadi nel girone d'andata, si può chiaramente dedurre che la terza serie richiama attenzione e in alcuni casi senza paura di confronti con le categorie superiori.

I casi di Verona, Cesena e Cosenza fanno scuola. Ma non ci sono solamente le big a suffragare la bontà di un sistema. Basti infatti pensare, da un lato, alle tante realtà che, in virtù della grande tradizione, anche in Lega Pro riescono a mantenere l'affetto dei propri tifosi (Foggia, Perugia, ma anche Cremonese e Padova) e dall'altro al tifo di chi i grandi palcoscenici vuole tornare a calcare dopo anni di assenza come Ternana, Cavese, Spal e Catanzaro.

06/01/2009





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Sport

19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
05/01/2020
GROTTAMMARE - SASSOFERRATO G. 1 - 0 (segue)
05/01/2020
Un Porto D'Ascoli super vince e convince contro il Marina con 4 reti (segue)
04/01/2020
Un buon Centobuchi cede ai colpi precisi della Civitanovese. (segue)
28/12/2019
Grottammare Calcio chiude l'andata (segue)
22/12/2019
GROTTAMMARE - AZZURRA COLLI 0 - 0 (segue)
08/12/2019
GROTTAMMARE - FORSEMPRONESE 1-2 (segue)

San Benedetto

19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
10/01/2020
Simone Incicco nuovo tesoriere nazionale della Federazione Italiana Settimanali Cattolici. (segue)
08/01/2020
Conferenza pubblica 10 gennaio - progetto europeo “Lasciamo scegliere le donne!” (segue)
06/01/2020
Liceo Rosetti: lettura e apertura al mondo della cultura Un viaggio controcorrente (segue)
06/01/2020
ISTITUITO IL LICEO MUSICALE E TANTI INDIRIZZI STIMOLANO LA CRESCITA CULTURALE E UMANA DEI GIOVANI (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji