Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

I doni più gettonati a San Valentino

| Nelle Marche gli innamorati rimangono fedeli alla tradizione

di Luigina Pezzoli

Per la festa degli innamorati il must rimane la tradizione. Gioielli, cena fuori, discoteca, intimo e fiori sono questi i doni più gettonati per la festa di San Valentino. Un regalo dai 15 agli oltre 100 euro, con una media di circa 40. Gli innamorati amano celebrare il 14 febbraio scambiandosi doni tradizionali, ma da quest’anno il classico bouquet di fiori, prerogativa degli acquirenti dell’ultimo minuto, ha una variazione si trasforma in bouquet di frutta e verdura. Il trend rimane invariato per quanto riguarda la spesa per gioielli, molti dei quali sono già stati acquistati in questi giorni, e la cena fuori a base di cibi afrodisiaci. Il lieve diminuzione è la discoteca con feste per single, mentre le giovani coppie amano donarsi biglietti augurali e pupazzi in cartoleria. Ovviamente i capi di biancheria intima restano tra i regali più acquistati dagli uomini per meravigliare la propria partner.
Nella regione Marche sono 3.337 le imprese interessate a soddisfare le esigenze degli innamorati. Entrando nel dettaglio si evince che sono oltre 2 mila i ristoranti coinvolti, mentre per quanto riguarda il commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti sono 524. Scende a 336 i punti vendita di orologi, articoli di gioielleria ed argenteria, il commercio al dettaglio di articoli da regalo e per fumatori è pari a 139, fanalino di coda sono le pasticcerie, dolciumi e confetteria con 92 punti vendita. Lo studio emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano i cui dati sono stati rielaborati dall’Agenzia giornalistica Dalla A alla V. Rispetto ai settori coinvolti nella regione Marche la variazione tra l’anno 2005 e l’anno 2006 che si registra è in linea con la tendenza nazionale, ovvero il 2,8 %.

Tra i capoluoghi marchigiani, il maggior numero degli esercizi interessati per gli acquisti della Festa degli Innamorati sono nella provincia di Ascoli con 939 settori coinvolti, mentre in Ancona sono poco più di 900, Pesaro con 750, ultima in classifica Macerata con 734. Gli ascolani amano trascorrere il giorno di San Valentino di fronte una buona tavola, tra i 939 settori coinvolti nel capoluogo ben 642 riguarda la ristorazione con la somministrazione, sono 144 i punti vendita di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti, le oreficerie sono 102, i punti vendita di articoli da regalo e per fumatori è di 27. Le pasticcerie nell’ascolano sono 24. Complessivamente nella provincia di Ascoli tra il 2005 e il 2006 c’è stata una variazione, per quanto riguarda i settori coinvolti, pari al 4,9% in più.

12/02/2007





        
  



1+4=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji