Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

“Non abbattete quegli oleandri: possono fruttare 100 mila euro!”

San Benedetto del Tronto | Il consigliere regionale dei Verdi Pietro D’Angelo contesta il sacrificio di 70 oleandri per la riqualificazione di 700 metri di lungomare

di Giovanni Desideri

Perdita del valore ornamentale e di sonanti 100 mila euro (circa): il consigliere regionale dei Verdi Pietro D’Angelo accusa l’amministrazione comunale di San Benedetto (“i nuovi barbari”, dice) per il sacrificio di circa 70 oleandri nel tratto di lungomare attualmente in fase di riqualificazione (700 metri dalla rotonda di via Mare all’altezza di via Donizetti), dei quali ha fatto stimare il valore, non solo “affettivo”.

Dice D’Angelo: “ho fatto sopralluoghi con esperti locali, che sono i primi produttori europei di oleandri, nelle due zone in cui si stanno svolgendo lavori di riqualificazione: il lungomare e viale Secondo Moretti. Mi è stato detto che gli oleandri del centro, già abbattuti, avevano un valore “inestimabile”, dovuto alla loro età. Una valutazione che sul mercato poteva salire di molto rispetto ai mille/duemila euro per ognuno degli oleandri del lungomare. Questi ultimi possono ancora essere salvati. Per la questione degli oleandri del centro, invece, mi sono già rivolto alla Forestale, che sta verificando la regolarità della procedura.”

“Una ditta in particolare – spiega D’Angelo – è disponibile ad acquistare gli oleandri del lungomare, prelevandoli essa stessa con uno speciale escavatore di cui è dotata, che non li danneggerebbe. Recuperate le spese di questa operazione, la ditta pagherebbe al Comune la differenza, che proporrei di destinare a borse di studio per tesi di laurea sul valore ornamentale della macchia mediterranea, da regalare poi ai componenti della giunta comunale! Sono sorpreso dalla mancanza di sensibilità dell’amministrazione e dei responsabili degli uffici comunali, che hanno previsto il sacrificio puro e semplice degli oleandri, simbolo di San Benedetto non meno delle palme.”

08/10/2004





        
  



4+1=

Altri articoli di...

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Politica

02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
22/10/2022
Via libera alla variante al Piano Particolareggiato di Recupero del Centro Storico (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
21/10/2022
Grandi e medi investimenti, chiesto il triplo delle agevolazioni disponibili (segue)
19/10/2022
Al via il progetto sulla sicurezza urbana e sulla legalità (segue)
13/10/2022
Festival dello sviluppo sostenibile (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji