Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Per la fortezza di Acquaviva Picena, un'opportunità: scoprire qualcosa in più del suo passato

Acquaviva Picena | Interessante collaborazione del Comune, con il dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna. Verrà realizzato un campo scuola triennale che mira a ricostruire le principali fasi evolutive della Fortezza.

di Adamo Campanelli

Uno scorcio della Fortezza di Acquaviva Picena

“Capire come erano gli acquavivani dai mattoni”.
Con delibera del 4 maggio scorso il Comune di Acquaviva Picena ha approvato un interessante progetto di carattere storico-archeologico, che metterà in luce la splendida Fortezza medioevale.
 
E’ l’assessore al turismo Andrea Infriccioli, che presenta il progetto. Un percorso didattico per la visita alla Fortezza, che consentirebbe attraverso l’ausilio di alcuni pannelli didattici, di effettuare la visita alla Fortezza fornendo un solido supporto di dati al visitatore che potrà così apprendere, attraverso testi, immagini  e ricostruzioni grafiche, la complessa storia del monumento (Introduzione ed enti promotori, inquadramento storico, geografico, architettura e funzione delle strutture).
 
La novità, in tutto questo è la realizzazione, per uno studio tecnico e approfondito, di un campo scuola del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna presso il Comune di Acquaviva Picena.

L’aspetto “tecnico” è affidato al dott. Enrico Giorni del dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna responsabile laboratorio di Rilievo delle Strutture Archeologiche, che parla di questa possibilità per Acquaviva e la storia dei Piceni con entusiasmo.
 
Giorni in Italia e all’estero è responsabile di diversi progetti, Phoinike (Albania Meridionale) Egitto, Perù, Pompei e nelle Marche Pesaro e Suasa (An). Proprio in quest’ultimo sito è stato rinvenuto un Municipio romanico e attraverso delle foto aeree che ne mostravano chiaramente la pianta un teatro.
 
La dott.sa Letizia Neroni, archeologa autrice della tesi “Storia di popolamento antico, sul territorio di Acquaviva” fa un escursus storico della Fortezza, e parla di attività industrialitica dei cacciatori paleolitici (ovvero di tutti quegli attrezzi necessari per cacciare).
 
Il dott. Baroncioni Andrea, Laureato in archeologia Medioevale a Ravenna, ha spiegato la tecnica utilizzata per i vari rilevamenti: l’archeologia degli elevati.
 
Questo tipo di tecnica, ha un approccio diverso a quella tradizionale, viene fatto uno studio sul “mattone”, analizzando i periodi storici attraversati dalla rocca (che ricordiamo ha subito una ricostruzione nel 1474), eventuali restauri, danneggiamenti, confronti con studio dei materiali.
 
Lo stage coinvolgerà 6 studenti e due coordinatori, ai quali si aggiungeranno altri 6 studenti acquavivani, che frequentano il corso presso l’università di Bologna.
 
La documentazione finale sarà depositata presso il Comune di Acquaviva che avrà cura di farne pervenire una copia alla Soprintendenza di Ascoli Piceno nella persona del dott. Giuliano De Marinis.
 
Alla fine del progetto i risultati raggiunti saranno presentati al pubblico nell’ambito di una giornata di Studi di cui si potrà prevedere la pubblicazione e in seguito per l’allestimento museale nell’ambito del medesimo edificio.
 
Sicuramente tutto ciò sarà di vantaggio agli studenti, che avranno un laboratorio didattico naturale, e al Comune di Acquaviva che potrà  usufruire del lavoro svolto.
    

28/05/2004





        
  



5+3=

Altri articoli di...

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Cultura e Spettacolo

31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
27/10/2022
53 anni di Macerata Jazz (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
20/10/2022
La Nuova Barberia Carloni apre un tris di spettacoli (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji