Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Grande gesto di generosità della famiglia Gandelli

Offida | Hanno concesso l'espianto degli organi dello sfortunato ciclista.

di Alberto Premici

La famiglia di Giuseppe Gandelli, lo sfortunato ciclista offidano che ha perso la vita a seguto di una brutta caduta, ha compiuto un grande gesto di generosità ed altruismo acconsentendo all'espianto di reni, fegato, cuore e cornee del congiunto.

Dopo un lungo intervento durato tutta la notte al quale hanno partecipato anche chirurghi degli ospedali di Ancona ed Ascoli, gli organi sono stati inviati a Padova, Pavia e Fabriano dove saranno reimpiantati su pazienti in attesa che probabilmente torneranno ad una vita normale.

31/08/2003





        
  



5+1=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji