Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Incontro con Padre Alex Zanotelli organizzato dall'Associazione Famiglia Sociale

Monte Urano | Due incontri di estremo interesse in collaborazione con il CSV, l'Ambito Sociale 20 e l'Associazione Mondo Minore.

di Alberto Premici

L'Associazione Famiglia Sociale ha portato a termine il percorso formativo "CI VUOLE TUTTA UNA CITTA' PER FAR CRESCERE UN BAMBINO", parte integrante del Progetto CSV Marche "Famiglie Accoglienti 2004". A conclusione del progetto l'associqazione propone due eventi molto importanti:

il 22 dicembre alle ore 21,15 presso il Teatro Arlecchinio di Monte Urano, CONVEGNO INCONTRO CON PADRE ALEX ZANOTELLI, sul tema: "NEL NOSTRO TEMPO GLI ADULTI SONO CHIAMATI A DARE RISPOSTE";

il 13 gennaio 2005 alle ore 21,15 presso l'Auditorium del Comune di Sant'Elpidio a Mare, incontro con le famiglie affidatarie "LA DIMENSOIONE DELL'ACCOGLIENZA E' UN BUON MODO DI VIVERE". L'incontro segnerà la fine del progetto e traccerà e linee per la > > continuità dello stesso.

Alex Zanotelli è un missionario Comboniano. Direttore di Nigrizia dal 1978 imposta la linea editoriale in questo modo: “Essere al servizio dell’Africa come ‘voce dei senza voce’, per una critica radicale al sistema politico-economico del Nord del mondo che crea al Sud sempre nuova miseria e distrugge i valori africani”. Per quasi dieci anni Zanotelli affronta i temi del commercio delle armi, della cooperazione affaristica e lottizzata e dell’apartheid sudafricano.

È tra i fondatori del movimento “Beati i costruttori di pace”. Nel 1978, in seguito a precise pressioni politiche la scia la direzione di Nigrizia e fino al 2001 svolge il suo lavoro di missionario a Korogocho, la baraccopoli costruita attorno alla gigantesca discarica di Nairobi, capitale del Kenia. Lì ha dato vita a piccole comunità cristiane ma anche ad una cooperativa che si occupa di recupero dei rifiuti; ha propiziato la nascita di “Udada”, comunità di ex prostitute e si è battuto per le riforme che riguardano la distribuzione della terra.

Nel 2001 torna in Italia e oggi vive nella comunità Crescere Insieme che si trova nel quartiere Sanità di Napoli, uno dei simboli del degrado sociale del nostro paese. Come a Korogocho, ha un obiettivo di fondo: “Aiutare la gente a rialzarsi, a riconquistare fiducia”.È a causa della sua vasta esperienza ai limiti dell’umanità che lo accogliamo a Monte Urano per chiedergli una testimonianza e rafforzare il concetto che oggi, nel nostro territorio così come a Napoli o a Korogocho Gli adulti sono chiamati a dare risposte a chi fa più fatica, attraverso “la nonviolenza attiva che non è pacifismo ma molto di più. Noi siamo chiamati a costruire un sistema nonviolento, la civiltà della tenerezza”.

16/12/2004





        
  



1+3=

Altri articoli di...

Fermo

06/04/2007
An: "Vinceremo al primo turno" (segue)
06/04/2007
Fermana: festa insieme al Comune per la Promozione (segue)
06/04/2007
Concerto di Pasqua con il Trio Sabin (segue)
06/04/2007
Blitz del Corpo forestale: sequestrato anche il canile di Capodarco (segue)
06/04/2007
Parte il dizionario della cucina marchigiana (segue)
06/04/2007
Basket: l'Elsamec si rovina la festa (segue)
06/04/2007
Acquista la casa all'asta e la proprietaria si vendica avvelenandole le piante (segue)
05/04/2007
Due arresti per le rapine alle tabaccherie: ma i due sono già in carcere (segue)

Cultura e Spettacolo

28/04/2011
“BRUNO LAUZI – Questo piccolo grande uomo" (segue)
24/04/2011
“Bruno Lauzi – Questo piccolo grande uomo” (segue)
15/04/2011
Un cinema non solo da “vedere”: al via la rassegna “La posta in gioco” (segue)
04/04/2011
Stagione teatrale: “FABIO RICCI…CANTA ZERO” (segue)
28/03/2011
“La mia provincia": un premio alle classi vincitrici del concorso di disegno (segue)
25/03/2011
Ultimo appuntamento con i Teatri D’Inverno (segue)
25/03/2011
PATTY PRAVO TOUR 2011 (segue)
23/03/2011
150 Anni dell'unità d'Italia (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji