Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Riduzione delle emissioni inquinanti. E’ operativo il 'Progetto Metano'

| ANCONA - Amagliani invita i comuni ad aderire alla convenzione nazionale. Sono disponibili contributi per l’acquisto di mezzi per autotrazione alimentati a metano e incentivi per realizzare impianti di distribuzione.

“Progetto Metano” è operativo. L’accordo di programma, siglato da Ministero dell’Ambiente, Fiat e Unione petrolifera, per realizzare un piano nazionale di diffusione e sviluppo dell’utilizzo del metano per autotrazione, mette a disposizione contributi e incentivi sia per l’acquisto di veicoli commerciali, sia per la realizzazione di impianti di distribuzione del gas. Sono previsti  fino a 6500 euro per i veicoli destinati al trasporto merci e fino a 150 mila euro per la realizzazione di impianti di distribuzione.
 
Come si ricorderà, con un provvedimento del dicembre scorso,  l’assessorato regionale all’Ambiente aveva individuato i Comuni che,  per le loro caratteristiche territoriali, antropiche, infrastrutturali e produttive presentavano maggiori problemi di inquinamento atmosferico e, pertanto erano stati, pertanto,  invitati a prendere provvedimenti per la riduzione e il contenimento delle emissioni inquinanti.
 
 “ Il Progetto Metano è senza dubbio  un’opportunità da cogliere, spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani. “ “ Per questo abbiamo inviato una lettera ai Comuni interessati dal provvedimento di zonizzazione regionale per la riduzione delle polveri sottili,  per sensibilizzarli e invitarli ad aderire alla convenzione nazionale così da mettere in grado gli operatori commerciali di usufruire degli incentivi. “ I fondi – prosegue Amagliani- sono infatti a disposizione di  tassisti, commercianti, artigiani che operano nelle aree interessate e  vogliono sostituire i loro veicoli o realizzare impianti di distribuzione del metano”.
 
 I Comuni, senza alcun onere, potranno dare la loro adesione formale comunicandola al Comune di Torino capofila del Progetto Metano, dandone comunicazione all’assessorato  all’Ambiente della Regione Marche.
 
In particolare, i fondi disponibili prevedono contributi da scontare all’atto dell’acquisto del veicoli fino  a 2500 euro per le autovetture e da 1.500 a 6.500 , a seconda della classe di dimensione,  per i veicoli destinati al trasporto merci. Inoltre sono previsti incentivi per gli operatori privati  che intendono realizzare un impianto di distribuzione da 100 mila a 150 mila euro.
 
Oltre ai 28 comuni marchigiani già individuati dal provvedimento sulla limitazione e blocco del traffico veicolare ( vedi elenco) , i comuni di Montemarciano e Pedaso hanno aderito spontaneamente all’adozione delle misure contenitive.  In tal senso l’assessorato regionale sta predisponendo le modifiche per includere tali comuni nel provvedimento zonizzazione in modo da consentire anche a Montemarciano e Pedaso di poter accedere agli incentivi economici previsti dal “Progetto Metano”.
 
Ulteriori informazioni sul Progetto Metano sono reperibili sul sito web dedicato www.comune.torino.it/progettometano.
 
In allegato l’elenco dei comuni interessati.

30/08/2004





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Fuori provincia

14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji