Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Festa della Liberazione, Spacca a Castel di Lama per la consegna della Costituzione ai ragazzi

Castel di Lama | "I valori della Resistenza vanno conquistati ogni giorno. Lavorando sulla solidità della persona, sulla scuola e sull'educazione questo è possibile".

Spacca e Rossini

"Ho voluto celebrare il 25 aprile a Castel di Lama perché l'amministrazione comunale ha scelto di commemorare questa giornata consegnando una copia della Costituzione ai ragazzi delle scuole. Un atto di grande concretezza che supera ogni retorica. E' il senso di questa giornata perché, come ricordava spesso Papa Giovanni Paolo II, la pace va conquistata giorno per giorno, non è mai definitiva. Lo stesso vale per gli altri valori, la libertà, la giustizia, la solidarietà, la democrazia, che appartengono alla grande tradizione della Resistenza e della lotta di Liberazione dal nazifascismo. Affinché essi siano riaffermati e non rimangano lettera morta, perché non siano semplicemente una bandiera da sventolare in giornate come questa ma siano vissuti ogni giorno, è necessario che vengano collegati alla realtà e alla vita di una comunità. Questo può essere fatto attraverso i giovani e la conoscenza della nostra Costituzione che declina e afferma con chiarezza tali valori". Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, partecipando oggi a Castel di Lama, con il sindaco Patrizia Rossini, alla cerimonia per il 25 aprile.

Spacca ha ricordato che la Regione è impegnata a sostenere, come previsto da un'apposita legge regionale (la n. 15 del 25 giugno 2013), tutte le iniziative che puntano a mantenere in vita, rinnovare, approfondire e divulgare il patrimonio culturale, storico, ambientale e politico della Resistenza.

"Quest'anno il 25 aprile - ha sottolineato - assume un significato particolare. In queste giornate le Marche ospitano numerose personalità delle associazioni antifasciste dei Paesi che fanno parte della Macroregione adriatico ionica. La loro testimonianza, come quella del presidente della Federazione internazionale dei combattenti per la Resistenza, il professor Vilmos Hanti aggredito recentemente da nazifascisti, dimostra che i valori di democrazia e pace non sono acquisiti per sempre, ma vanno conquistati ogni giorno attraverso la solidità della nostra persona. Un valore che ha caratterizzato tutti coloro che hanno combattuto per la Liberazione. Persone che sapevano discernere il bene dal male, la verità dalla menzogna, la giustizia dall'ingiustizia. Che sono arrivate a sacrificare la propria vita per affermare quei valori da cui sarebbe nata la nostra democrazia, che ha consentito a tutti noi di vivere una stagione incredibile di crescita, benessere, sicurezza".

 

25/04/2014





        
  



1+5=

Altri articoli di...

Politica

16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)
31/10/2019
San Benedetto cerca un dirigente ai lavori pubblici (segue)
30/10/2019
I ponti dell'A14 rimangono sequestrati, Piunti scrive alla procura di Avellino (segue)
15/10/2019
Lettera inviata questa mattina da UGL ai vertici aziendali AV5 e Regionale Marche (segue)
12/10/2019
Orgoglio civico:"Prossime Regionali nelle Marche: sanità non come mucca da mungere" (segue)
29/09/2019
Il gazebo di Italia Viva in centro per lo ius culturae (segue)
13/08/2019
"Concorso regionale per medici di pronto soccorso eseguito ma tardano le chiamate di assunzione" (segue)

Ascoli Piceno

19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)
01/11/2019
Santa Maria della Rocca: una sorpresa che ogni volta si rinnova (segue)
27/10/2019
Il Colli perde la gara con molti rimpianti. (segue)
15/10/2019
Allena la tua mente! Generali dà il via ai corsi di scacchi per le famiglie (segue)
15/10/2019
Emesso un DASPO nei confronti di ultras ascolano in occasione dell'incontro Ascoli Calcio-Pescara. (segue)
29/09/2019
Per il Colli era importante vincere e così è stato nel nuovo campionato d'eccellenza. (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji