Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Scompare una spiaggia ma non importa a nessuno

Grottammare | Mariani:"Non cominciamo a dare colpa al mare, poiché non è vero, ma se dobbiamo cercare un colpevole, possiamo affermare che la responsabilità è delle istituzioni".

di Grottammare Futura

La spiaggia erosa

LA NOTIZIA
E' scomparsa la spiaggia a nord, sulla pista ciclabile al confine con Cupra Marittima, da via Lame al fosso dell'Acqua Rossa.

Non cominciamo a dare colpa al mare, poiché non è vero, ma se dobbiamo cercare un colpevole, possiamo affermare che la responsabilità è delle istituzioni.
Su questo plurale coinvolgo i comuni di Grottammare Cupra Marittima e la regione Marche.
Perché questa responsabilità cumulativa?
In primis la regione Marche, che da anni ha delegato i comuni a proteggere le coste, come se le onde considerassero i confini di ogni comune costiero. Sono lontani gli anni ottanta quando la regione incaricava la società Acquater a progettare l'intera difesa della costa da Gabicce a Porto D'Ascoli oltretutto con buoni risultati.

IL FATTO
L'anno scorso, il comune di Cupra Marittima, ha rinforzato le sue scogliere fino al confine di Grottammare, comportando come era prevedibile, l'erosione della spiaggia libera a sud, poiché nel tratto limitrofo, la spiaggia era protetta da scogliere, che accusavano gli anni ed erano in fase di insabbiamento.
Durante l'inverno il mare ha trovato un varco agevole ed ha spinto la sabbia verso il litorale di Cupra Marittima. Ora al primo sole di primavera ci accorgiamo della scomparsa di un tratto di spiaggia.
Notiamo che nessun allarme è stato attivato, perché in quel tratto non ci sono infrastrutture in concessione. Eppure ci deve essere la massima attenzione, per continuare a dare la possibilità ai cittadini, di usufruire senza costi della spiaggia e del mare, di un tratto di mare più bello del nostro comune, raggiungibile in bici e con la possibilità di usufruirne liberamente.

LA NOSTRA POSIZIONE

Grottammare Futura, di nuovo pone l'attenzione su questi argomenti, evidenziando lo scollegamento delle istituzioni che mostrano tutte le proprie debolezze.
Torniamo a riaffermare la tutela del "Nostro Territorio come Nostro Patrimonio".
E' necessario che si attivi un confronto continuo, su qualsiasi iniziativa che riguardi il bene comune, in questo caso il mare e la spiaggia, un valore assoluto su cui basiamo la nostra economia dell'immediato futuro, cioè la stagione estiva, prossima ventura, già alle porte.

02/04/2013





        
  



5+4=
La spiaggia erosa

Altri articoli di...

Politica

19/02/2018
Terrani sulla vetrina del PD imbrattata sparando con un'arma paintball. (segue)
13/02/2018
«AMMINISTRAZIONE CHE NAVIGA A VISTA E ININFLUENTE SULLE SCELTE DI AMBITO, INERZIA SUI RIFIUTI» (segue)
12/02/2018
Samb-Mestre:info biglietti. (segue)
12/02/2018
Anche Monteprandone tra i candidati per il nuovo ospedale del Piceno (segue)
12/02/2018
Prosegue il percorso "Cantiere programma" (segue)
04/02/2018
"Ospedale Mazzoni ed Ospedale Madonna del Soccorso: facciamoli funzionare aumentando i contenuti" (segue)
26/01/2018
Nuovo ospedale del Piceno (segue)
25/01/2018
Dop Oliva Ascolana, gli allevatori entrano nel Consorzio: decreto del Ministero (segue)

San Benedetto

22/02/2018
In Art domenica 25 febbraio con Valeria Di Felice, Claudio Filippini e Giovanna Famulari (segue)
21/02/2018
Santarcangelo-Samb:arbitrerà Giovanni Ayroldi di Molfetta (segue)
21/02/2018
Santarcangelo-Samb: info biglietti. (segue)
20/02/2018
Illuminazione parco "Nuttate de lune" sul sito di grande azienda (segue)
20/02/2018
Marcello Veneziani presenterà il libro "Imperdonabili" (segue)
19/02/2018
La Diavoli Verde Rosa in prima linea nel sostegno alle famiglie per la pratica sportiva dei minori (segue)
19/02/2018
Grottammare viaggia con i regionali d'Italia (segue)
19/02/2018
Cittadinanzattiva:"Più Sanità meno politica" (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino