Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Occhi a mandorla, bellezza europea

| Provata la medio piccola coreana

di Bruno Allevi

HYUNDAI I20

ASCOLI PICENO – La Hyundai continua il suo rinnovamento gamma, presentando sul mercato italiano la versione restyling della I20. La nuova serie della compatta coreana è disponibile con 2 motori a benzina (1200 da 85 cv o 1400 da 100 cv) e due motori Turbodiesel Common Rail CRDI (1100 da 75 cv e 1400 da 90 cv), negli allestimenti Classic, Blue Drive, Sound Edition, Comfort. Esternamente la nuova I20 si è ammodernata nelle linee e nelle forme per rendersi più adatta a soddisfare i gusti europei in fatto di vetture, e vetture compatte nello specifico. A cambiare in questo facelift è stato sopratutto il frontale dove campeggia il nuovo family feeling della casa coreana: gruppi ottici stretti, mascherina sottile, fari fendinebbia triangolari con luci diurne a led integrate, grande presa d'aria frontale inglobante l'alloggiamento della targa. Posteriormente a essere modificati sono stati i gruppi ottici e sono comparsi, integrati nel paraurti, due catarifrangenti. Accomodandosi a bordo della medio-piccola orientale ci si apre dinanzi un abitacolo spazio, arioso, luminoso. Ben costruito e con un ottima qualità dei materiali, è ben strutturato e ha numerosi portaoggetti dove poter alloggiare vari oggetti. Descrivendo più nel dettaglio la consolle centrale è in linea con i canoni stilistici di casa Hyundai: un bello scudo cromato contenente i comandi radio e clima (il navigatore è disponibile come optional), mentre elegantemente raffinato è il quadro strumenti retroilluminato nell'ormai consueto blu elettrico Hyundai. Ed ora il test drive: la I20 guidata è stata la 1200 5 Porte Sound Edition da 13804 €. La seconda generazione della I20, in arrivo in questo periodo sul mercato italiano, ammoderna forme e contenuti della vettura che è andata a sostituire la Getz. Su strada la compatta orientale è una vettura molto maneggevole, facilissima e intuitiva da guidare, ha un ottimo sterzo e un cambio molto morbido negli innesti. Inoltre è molto spaziosa internamente e ha un ottimo comfort e una buona insonorizzazione interna. Spazio, prima del listino prezzi, al motore montato sulla I20 guidata. Il propulsore che la equipaggia è il 1200 a benzina da 85 cv, l'entry level della gamma a benzina. Questo motore è molto elastico e brillante, parco nei consumi, garantendo alla I20 di poter affrontare in maniera disinvolta qualunque tipologia di strada (dalla città alle autostrade passando per le strade extraurbane). Infine il listino prezzi: si va da 11250 € della 1200 Classic per arrivare a 14400 € della 1400 Comfort (Benzina), si va da 12750 € della 1100 CRDI Classic per arrivare a 16050 € della 1400 CRDI Comfort (Diesel).



Bruno Allevi

05/12/2012





        
  



4+3=
HYUNDAI I20

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji