Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

"Caso bomba": operazioni svolte con successo

San Benedetto del Tronto | Tutto andato a buon fine e la bomba è stata fatta brillare come da programmi. Grazie anche all'ottima organizzazione e collaborazione delle forze dell'ordine.

di Redazione

Il momento dell'esplosione

Rimozione in tempo record della spoletta dell'ordigno bellico ritrovato, all'inizio del mese, in un cantiere edile di via del Palladio e sulla quale hanno operato tre artificieri del Genio Ferrovieri di Castel Maggiore (Bo).

Solo un quarto d'ora per le operazioni in loco rispetto ai 30 minuti previsti; il maggiore Luigi Ferrieri, il maresciallo luogotenente Vincenzo Vergine, e il tenente Giovanni Gennaro hanno condotto un ottimo lavoro di squadra grazie anche al perfetto coordinamento delle operazioni da parte del Comune e della Prefettura, e dei più di duecento uomini tra Polizia municipale, Polizia di Stato, Polizia provinciale, Protezione civile, Guardia Costiera, Guardia di Finanza, Guardia Forestale, Vigili del Fuoco, 118, Croce Rossa, Croce Verde, Croce Azzurra.

Dopo la rimozione della spoletta, una gru ha sistemato la bomba in un apposito mezzo di trasporto e raggiunto la cava di ghiaia di Sant'Andrea a Cupra Marittima dove gli artificieri hanno provveduto a farla brillare verso le ore 11:52.

L'operazione si è conclusa con il rinvenimento delle schegge, come verifica della distruzione della bomba, e non soltanto dell'esplosivo utilizzato dagli artificieri stessi, che hanno ricevuto i complimenti del sindaco Gaspari, del prefetto Cifelli, e dei rappresentanti delle forze dell'ordine.

Tutte le operazioni, già dai giorni scorsi, sono state puntualmente riprese da due troupe della trasmissione Ulisse condotta da Alberto Angela il sabato in prima serata su Rai3: il servizio andrà in onda nel corso dell'edizione del programma che riprenderà dalla primavera 2009. La giornalista Corinna Stinchelli, affiancata da una collega e da operatori di ripresa, hanno raccolto immagini e testimonianze, compresa la quasi coincidenza con il 65° anniversario del più grave bombardamento subito da San Benedetto durante la seconda guerra mondiale, che cade giovedì 27 novembre, quando verrà apposta una targa commemorativa presso la scuola elementare di Acquaviva Picena, che ospitò ben 4 mila sfollati sambenedettesi, più o meno lo stesso numero degli evacuati odierni.

23/11/2008





        
  



2+5=
Il sindaco incontra le forze dell'ordine

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji