Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'Asur ZT 12 regala un sorriso ai bambini

San Benedetto del Tronto | Per i piccoli degenti ci saranno tre appuntamenti settimanali per giocare, imparare e divertirsi superando meglio l'esperienza angusta di un ricovero in ospedale.

di Francesca Gironelli

L'affresco di Ugo Nespolo nella ludoteca della pediatria

Novità per la pediatria dell'ospedale Madonna del Soccorso a San Benedetto del Tronto. E a festeggiare, nel vero senso del termine, sono i bimbi che, costretti per motivi meno lieti a trascorrere un periodo in nosocomio, sperimenteranno "Regalami un sorriso". Il ricovero dei più piccoli sarà infatti animato dai volontari dell'Associazione Petali Azzurri, presieduta dal dott. Pincherle, neuropsichiatra infantile che ha lavorato a San Benedetto prima di trasferirsi a Macerata.

La proposta di attività di animazione nel reparto di pediatria ha entusiasmato sia il Direttore dell'Asur ZT 12 dott. Petrone che la Responsabile dell'Unità operativa di Pediatria, la dott. Guastaferro. La presentazione del progetto è avvenuta oggi in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

I bambini ricoverati avranno la possibilità di distrarsi e sentire meno il peso della degenza: tre appuntamenti settimanali di quasi due ore alla volta dedicati alla realizzazione di laboratori del sorriso, pet terapy, animazione alla lettura e laboratori manipolativo-creativi. Le attività di animazione ovviamente non interferiranno con le esigenze mediche.

La ludoteca inaugurata nel '92 e resa gioiosa e colorata da un affresco del grande artista Ugo Nespolo (2002, "Casa di bambole") sarà il fulcro del reparto e il 'campo base' degli animatori. I volontari dell'associazione Petali Azzurri, rappresentati in conferenza stampa dalla dott.ssa Marini, sono tutti impegnati e qualificati in campo socio-educativo e nel settore dell'infanzia.

E proprio la serietà e la concretezza del progetto ha convinto Giovanna Nobilioni della Nobilioni Costruzioni ad appoggiare finanziariamente il progetto, sostenuto anche dall'Amministrazione comunale da cui viene anche il plauso per questa iniziativa, come asserito dai due assessori presenti, la dott.ssa Sorge e la dott.ssa Emili. Sono infatti poche in Italia le realtà ospedaliere che permettono ai bambini ricoverati di non stravolgere il loro stile di vita, che nel gioco, nella relazione e nello studio si appoggia fortemente.

Anche se l'ospedale di San Benedetto è deputato ad avere brevi degenze si è voluto ugualmente porre attenzione all'aspetto psicologico del ricovero di un bambino. "I bambini hanno bisogno di collegare il ricovero ad un evento piacevole - afferma la dott.ssa Guastaferro - una giornata in ospedale è lunga per il bambino e avere un 'appuntamento' è utile".

Con questa iniziativa si pone un'attenzione sempre maggiore ai bisogni psicologici dei bambini ricoverati, al fine di rendere l'esperienza di ospedalizzazione il meno traumatica possibile.

"Quando più enti o soggetti, come scuola famiglia amministrazione comunale e medici, - dice soddisfatta l'assessore Sorge - si uniscono per creare un circolo virtuoso si migliora il benessere del bambino e questo diviene un valore aggiunto per la comunità".

L'assessore Emili ha fatto notare come dagli studi scientifici è emerso che la terapia, specie sui bambini, aumenta il suo effetto se unita al sorriso fino ad arrivare alla riduzione di assunzione o somministrazione di farmaci.

Alla conferenza stampa di stamattina per la presentazione del progetto, realizzato in collaborazione con l'Associazione Petali Azzurri, con gli assessorati alla sanità, servizi sociali e cultura del Comune di San Benedetto del Tronto e con l'Asur ZT 12, erano presenti anche il Direttore amministrativo del Presidio ospedaliero dott. Esposito e il Direttore sanitario dott. Pellegrini.

20/11/2008





        
  



3+3=
L'affresco di Ugo Nespolo nella ludoteca della pediatria
Il reparto pediatria, particolare
Un momento della conferenza stampa
Giovanna Nobilioni

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji