Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Gli appuntamenti di “Musei da Scoprire”

| SERRA DE'CONTI - Gli appuntamenti di “Musei da Scoprire”, tradizionale manifestazione di valorizzazione del patrimonio artistico-museale, promossi dall’Ass.ne Sistema Museale, continuano con nuovi percorsi di storia, arte e cultura.

In occasione della Mostra fotografica “L'ora della Luce” della fotografa e giornalista milanese Grazia Lissi, dedicata alla preghiera nei monasteri, l’Associazione Sistema Museale della Provincia di Ancona organizza un itinerario culturale ed enogastronomico a Serra de’ Conti.

L’appuntamento con Musei da Scoprire è fissato per sabato 17 e per sabato 24 Settembre alle ore 18.00 all’ingresso del Palazzo Comunale in Piazza Gramsci, per visitare la mostra fotografica e, di seguito, il Museo delle Arti Monastiche “Le Stanze del Tempo Sospeso”.

“Monache e monaci in preghiera. Perché solo loro? Anche altre persone pregano. Tuttavia ci sono scelte di vita nelle quali la preghiera svela più apertamente la sua radice e anche - perché no? - la sua paradossalità. La preghiera dei monaci potrebbe sembrare una preghiera fuori dal mondo, e invece è il contrario. Dai ritratti di Grazia Lissi si intuisce molto bene che la scelta del monaco non è una fuga né un abbandono. Il monaco conosce l'incompiutezza del mondo e non se ne pone al riparo. Piuttosto coglie in essa le tracce che rinviano alla promessa del compimento. Da qui la preghiera che diventa attesa e invocazione. E difatti i volti sono spesso in attesa, protesi e sereni, rappacificati, non perché chiudono gli occhi sui mali del mondo per guardare altrove, ma perché sono certi che la misericordia di Dio è più forte della cattiveria degli uomini.Uomini sereni, pensosi, non perché fuggono dal mondo, ma perché ne colgono la verità. La preghiera del monaco - come ogni vera preghiera - non è per invitare gli uomini a lasciare il mondo e guardare altrove, ma per aiutarli a guardare il mondo, questo mondo, con occhi diversi”.
(dall'introduzione al catalogo di BRUNO MAGGIONI)

“Credo che nella vita di ogni fotografo ci siano immagini che sembrano annullare le altre, in cui lo sguardo si fa così indifeso da farti dire: non fotograferò mai più come prima. Questa è un po' la storia di questa ricerca e di queste foto. Quando ho iniziato a fotografare nei monasteri, in clausura, volevo raccontare il mondo di chi ha scelto la via monastica, una scelta assoluta, in una società come la nostra dove sembra non esserci più nulla di così definitivo come la loro vita: la ricerca continua di Dio. Per me, che avevo ritratto centinaia di artisti famosi del cinema e della musica, riuscire a dare un volto a chi sembrava non averlo più era una sfida da osare. Vivendo con i monaci e le monache sono rimasta colpita dal ritmo della loro giornata, segnata  dalla preghiera, in coro o solitaria, ma costante, fino a fare apparire tutto il resto secondario. Ho scoperto una preghiera incarnata, fatta di gesti, di volti, di sguardi, di movimenti. La corporeità, quale simbolo essenziale nell'uomo del suo essere in relazione, mi è apparsa trasfigurata. Così la preghiera è diventata immagine ...”.

(dall'introduzione al catalogo di GRAZIA LISSI)

La mostra sarà aperta tutti i giorni (escl. il lunedì), sino al 25 settembre 2005, dalle ore 17.00 alle ore 20.00, la domenica anche dalle ore 10,30 alle ore 12.30 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00.
 La visita al Museo cumulativa con quella alla Mostra fotografica ha il seguente prezzo:
 Ingresso intero € 3,00; Ridotto Famiglia (due adulti + minorenni) € 7,00; Ridotto oltre 60 anni, gruppi e convenzionati € 2,50; Ridotto minori di 18 anni e scolaresche € 2,00; Gratuito minori di 6 anni.

Alle ore 18.45 verrà effettuata una visita al Museo della Arti Monastiche “Le Stanze del Tempo Sospeso”, l’unico in Italia dedicato alla vita ed al lavoro delle monache di clausura.
Il museo raccoglie ed espone gli oggetti della vita materiale e quotidiana delle suore del convento di clausura di Santa Maria Maddalena di Serra de’Conti; una vita contrassegnata dal silenzio, dal ricamo, dalla lettura, dal disegno, dalla preghiera, ma anche dalla confezione di dolci, di statuette del presepe, dalla tessitura di vesti rituali ecc., secondo la regola delle Clarisse. Dopo alcuni anni di studio e di indagini, condotte dalla storica dell’arte Amelia Mariotti, il percorso museale è stato progettato come una serie di audizioni di voci teatrali, alle quali è stato affidata la funzione di raccontare gli oggetti, il loro impiego e le diverse ore della giornata di una clarissa del XVI-XVIII secolo.

Tra le documentazioni esposte, la storia del monastero, la spezieria, il refettorio, la cucina e i suoi regolamenti, la tessitura, la tintura, il ricamo, il tombolo, la ceroplastica e le cartapeste, i fiori di seta.

La documentazione è  del tutto autentica e proviene dal Monastero delle Clarisse, tuttora operante nel vicino complesso monastico di Santa Maria Maddalena, edificato sui ruderi di un precedente monastero nel 1586, ampliato nel XVIII secolo con l’acquisizione dell’adiacente Palazzo Palazzi, e riattivato nel 1910 dopo la soppressione degli ordini in età postunitaria.
Per la particolarità dei documenti conservati e il carattere interattivo dell’esposizione è divenuto ben presto uno dei musei più visitati del Sistema museale provinciale di Ancona.
Il museo è aperto: da marzo a giugno e da ottobre a dicembre il sabato dalle ore 15.30 alle ore 18.30 e la domenica dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30.
 La visita al Museo cumulativa con quella alla Mostra fotografica ha il seguente prezzo:
Ingresso intero € 3,00; Ridotto Famiglia (due adulti + minorenni) € 7,00; Ridotto oltre 60 anni, gruppi e convenzionati € 2,50; Ridotto minori di 18 anni e scolaresche € 2,00; Gratuito minori di 6 anni. Per aperture straordinarie su prenotazione rivolgersi al Numero Verde 800.439.392.

Al termine della visita guidata al museo, alle ore 20.15 circa, sarà possibile degustare specialità enogastronomiche locali presso la Taverna del Corso.

Questo itinerario di "Musei da Scoprire" ha un costo complessivo di € 16,00 che comprende la visita guidata alla mostra fotografica, al Museo delle Arti Monastiche e la degustazione.

E' obbligatoria la prenotazione al Numero Verde 800.439.392 entro le ore 13.00, rispettivamente, di venerdì 16 e di venerdì 23 settembre 2005.

PROGRAMMA

Ore 18.00
Visita guidata alla mostra “L’ora della Luce” di Grazia Lissi
Palazzo Comunale di Serra de' Conti – ex convento di S. Francesco
Piazza Gramsci

Ore 18.45
Visita guidata al Museo delle Arti Monastiche “Le Stanze del Tempo Sospeso”
Palazzo Comunale di Serra de' Conti

Ore 20.15
Taverna del Corso
Corso Roma, 44
 Degustazione enogastronomica

Prezzo totale € 16,00
Prenotazione obbligatoria al Numero Verde 800.439392
entro le ore 13.00 rispettivamente, di venerdì 16 e di venerdì 23 settembre 2005

13/09/2005





        
  



5+3=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
15/01/2020
Le Marche terra di teatri (segue)
14/01/2020
L’opera di Enrico Maria Marcelli edita dall’Arsenio Edizioni ha vinto il Premio Quasimodo (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)
10/01/2020
Simone Incicco nuovo tesoriere nazionale della Federazione Italiana Settimanali Cattolici. (segue)
06/01/2020
Liceo Rosetti: lettura e apertura al mondo della cultura Un viaggio controcorrente (segue)
06/01/2020
ISTITUITO IL LICEO MUSICALE E TANTI INDIRIZZI STIMOLANO LA CRESCITA CULTURALE E UMANA DEI GIOVANI (segue)

Fuori provincia

15/01/2020
Le Marche terra di teatri (segue)
28/12/2019
Le Marche terra di presepi (segue)
08/12/2019
VIA LIBERA AL PIANO PER LA DIFESA DELLA COSTA (segue)
23/08/2019
La fine per gli Amici del Teatro Fermano (segue)
17/08/2019
Il 20 agosto a Roccaraso Valeria Di Felice presenta “Il battente della felicità” (segue)
14/07/2019
Cabaret amoremio! sta per entrare nel vivo (segue)
29/06/2019
OPERAZIONE "RAIL ACTION DAY-ACTIVE SHIELD" NELLE MARCHE, L'UMBRIA E L'ABRUZZO (segue)
13/06/2019
Indagine della Guardia di Finanza sulle macerie Post-Sisma 2016 (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji