Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

In Via Pasubio 10. Eternit a cielo aperto e alla rinfusa.

San Benedetto del Tronto | Quattro pacchi del peso complessivo di circa 30 chili pieno di eternit degradato abbandonato nel bel mezzo dello spiazzale. A pochi metri da un supermercato.

di Carmine Rozzi

Eternit "degradato" ; il più pericoloso.

Se vi trovate a passare dalle parti di Porto d’Ascoli, precisamente in Via Pasubio, 10 nello stesso piazzale del nuovo supermercato 3°, ebbene vi consigliamo di girare alla larga. Difatti, in un angolo, è sta aperta una piccola discarica a cielo aperto fatta di cartoni di varia natura con provenienza da Barcellona. Oltre a residui cartacei di varia fattura. E fin qui tutto nella anormale “normalità” dei nostri tempi. Ma questa mini discarica ha in sé qualcosa di altamente pericoloso. Ovvero quattro cartoni pieni di materiale eternit buttato alla rinfusa con pezzi ben in vista.

Materiale proveniente probabilmente da qualche vecchia copertura vista la particolare ondulazione del materiale. Materiale che, ad occhio nudo, dà chiaramente i segni di essere degradato e perciò tra le specie di eternit a più alto rischio di inquinamento. La scoperta del Quotidiano.it risale a poche ore fa, ma non si può dire con certezza quanto tempo esso sia rimasto nel luogo. Posto frequentato, tra l’altro quotidianamente, da una moltitudine di gente, vista la presenza di un grosso supermercato oggi “3 A”  una volta meglio conosciuto come  centro “Rubino”.

Stupisce la criminale incoscienza di chi, incurante del pericolo che un tale deposito può arrecare, ha semplicemente scaricato il pericoloso materiale alla portata di tutti. Anche di qualche bambino che, ignaro del pericolo, ne possa far uso per qualche gioco od altro. I quattro cartoni, ad occhio e croce, sono del peso di circa  6/7 chili ciascuno portando il materiale ad una trentina di chili complessivi.

Le norme in materia di stoccaggio di tale materiale sono precise e severe. Innanzitutto se ne deve dare conoscenza all’autorità  competente. La quale, una volta effettuato il sopralluogo, prevede ad isolare la zona, sigillare il tutto e trasportarlo con mezzo adeguato. Forse l’esecutore di questo atto criminale, perché secondo la legge di questo si tratta, era ignaro delle conseguenze legali. Ma ciò non toglie che non fosse a conoscenza della pericolosità, anche propria, del materiale che si è trovato a maneggiare e a depositare. La cosa è stata comunque denunciata ai Vigili Urbani e alla Polizia Municipale che dovrebbero interessarsi del caso. Rimane la gravità del fatto e, a tutt’ora, rimangano i cartoni pieni di eternit alla vista ma soprattutto alla portata di tutti.  

17/06/2005





        
  



5+1=
eternit buttatto alla rinfusa.
tre cartoni pieni del materiale cancerogeno
Una piccola discarica a cielo aperto; con eternit di contorno !

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

San Benedetto

12/10/2022
Studenti omaggiano il Milite Ignoto (segue)
10/06/2020
Samb: Serafino è il nuovo presidente! (segue)
27/01/2020
Istituto Professionale di Cupra Marittima: innovazione a tutto campo. (segue)
25/01/2020
Open Day a Cupra Marittima, al via il nuovo corso Web Community – Web Marketing (segue)
19/01/2020
GROTTAMMARE - ANCONITANA 1 - 3 (segue)
13/01/2020
SAN MARCO LORESE - GROTTAMMARE 1 - 0 (segue)
10/01/2020
UGL Medici:"Riteniamo che gli infermieri e i medici debbano essere retribuiti dalla ASUR5" (segue)
10/01/2020
Premiato il cortometraggio intitolato "Sogni di Rinascita- Sibillini nel cuore" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji