Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Per non dimenticare: 60° anniversario della resistenza e della liberazione dal nazifascismo

Ascoli Piceno | Il consigli0 provinciale aperto e la cerimonia di commemorazione al Cimitero Monumentale di Pozza e Umito

Dal consiglio provinciale aperto di sabato “Antifascismo e Costituzione come valori essenziali della democrazia”, sono intervenuti qualificati professori, come Nicola Tranfaglia ordinario di Storia dell’Europa nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino e Gianni D’Elia libero docente e traduttore.
 
Dall’incontro è emerso come in Italia va compiutamente applicata la Costituzione, custode dei diritti umani universali, a va contrastata l’ondata revisionista che vuole cancellare quanto i padri fondatori della Repubblica hanno sottoscritto.
 
Interessante l’intervento del presidente dell’istituto di Storia Contemporanea delle Marche di Ascoli Piceno Antonio D’Isidoro e del presidente dell’Istituto di Storia Contemporanea della Marche di Fermo Bertino Banda.
 
Con interventi di largo respiro hanno fatto emergere l’attualità di questo tema e di come è necessario intervenire tra i giovani per ripristinare i qualificanti valori della Repubblica. Tra le assenze diffuse tra i banchi della minoranza consiliare, emerge l’intervento di Raffaele Tassotti.
 
Il presidente della Provincia Massimo Rossi contrariamente a quanto detto dal presidente del Senato Pera ricorda che la guerra di liberazione partigiana non va sintetizzata e sminuita, va invece trasmessa alle giovani generazioni e caricata dei significati più nobili del vivere civile e in pace con gli uomini.     
 
Per non dimenticare le atrocità commesse dal nazifascismo in Europa, in Italia e nella Provincia Picena nel pomeriggio di sabato c’è stata la cerimonia di commemorazione al Cimitero Monumentale ai Caduti di Pozza e Umito.
 
Con la presenza delle autorità civili e militari Piergiorgio Cinì ha letto alcuni testi tratti dalla costituzione, da libri di scrittori contemporanei, dai trattati dei filosofi greci ateniesi sulla democrazia, “A livella” di Totò, la “Novella di Piazza Diaz” e scritti liberi.
 
La lettura interpretata e sentita di Cinì è stata accompagnata dalle musiche di Argeo Polloni. Uno rappresentazione che ha intrattenuto i presenti all’interno del Cimitero Monumentale per poco più di 50 minuti.
 
I disarmati abitanti della frazione di Pozza e Umito (bambini, bambine, ragazze, donne, ragazzi e uomini) furono uccisi dai Nazisti, sotto lo sguardo dei fascisti che nulla fecero per evitare il massacro.
 
Fu una delle rappresaglia più atroci che i tedeschi perpetuarono alla popolazione italiana e picena. Cercavano le armi e gli uomini che difendevano il territorio e lottavano per la libertà ma trovarono solo quello che non trovarono.
 
La violenza alle popolazioni della montagna ascolana pagarono un prezzo salato la conquista della libertà mente gli italiani fascisti, autisti dei tedeschi e collaborazionisti, contribuirono al compimento dell’orrore.

24/04/2005





        
  



2+1=

Altri articoli di...

Politica

02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
22/10/2022
Via libera alla variante al Piano Particolareggiato di Recupero del Centro Storico (segue)
22/10/2022
Porto San Giorgio torna a gareggiare al Palio dei Comuni (segue)
21/10/2022
Grandi e medi investimenti, chiesto il triplo delle agevolazioni disponibili (segue)
19/10/2022
Al via il progetto sulla sicurezza urbana e sulla legalità (segue)
13/10/2022
Festival dello sviluppo sostenibile (segue)

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji