Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Spaventoso terremoto in Asia

| Colpite molte località turistiche. Forse qualche italiano tra le moltissime vittime. Salvi i nostri concittadini sambenedettesi.

di Alberto Premici

Un violentissimo terremoto dell' 8,5 grado della scala Richter ha colpito nella notte un'ampia zona del sud-est dell'Asia. L'area interessata comprende Sri Lanka, Thailandia, India, Indonesia, Maldive e Malaysia provocando migliaia di vittime.

E' il 4° terremoto più grave verificatosi al mondo negli ultimi 40 anni e la sua intensistà ha provocato una serie di meremoti devastanti per le zone costiere.

Testimoni raccontano che le scosse più violente hanno provocato maremoti con onde che hanno superato i dieci metri, distruggendo tutto ciò che hanno trovato lungo le spiagge e nei villaggi.

Le notizie sono ancora molte confuse ma si parla di qualche italiano tra le vittime, in vacanza nelle zone colpite dalla catastrofe. E proprio questo aspetto complica il lavoro delle nostre ambasciate che devono reperire i dati dei nostri connazionali direttamente dalle agenzie di viaggio. Secondo stime attendibili sarebbero 1500 gli italiani presenti solo alle Maldive.

Molte linee telefoniche sono interrotte ed è difficoltoso raggiungere le zone per i primi soccorsi. Gran lavoro di coordinamento da parte della Farnesina che sta attivando tutti i canali necessari per fornire notizie sugli italiani presenti in quell'area.

Questo il recapito:
Ministero degli Affari Esteri
Piazzale della Farnesina, 1 - 00194 Roma
Tel.06-36224 numero dedicato per terremoto Asia.

Tra i nostri connazionali in vacanza in un atollo nei pressi di Phuket, in Thailandia c’era il giornalista de "Il Messaggero" Patrizio Patrizi, suo figlio Leonardo e Adriano Cellini, fotografo. “Quando è accaduto il fatto – afferma Patrizi – ci trovavamo a pranzo e la distesa di sabbia ha attutito l’irruenza dell’onda, di conseguenza non ci siamo resi conto di ciò che stava succedendo”. Previsto il rientro come da calendario il 3 gennaio. Anche l’ex ass. alla cultura Renato Novelli si trovava in Thailandia, come Mario Zazzetta e Graziano Bruglia stabilizzatisi li da tempo, anche per loro fortunatamente nessun problema.

26/12/2004





        
  



4+4=

Altri articoli di...

Fuori provincia

14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)
27/10/2022
TEDxFermo sorprende a FermHamente (segue)
23/10/2022
A RisorgiMarche il Premio "Cultura in Verde" (segue)

Cronaca e Attualità

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Terremoto: subito prevenzione civile e transizione digitale (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
14/11/2022
Il presidente di Bros Manifatture riceve il premio alla carriera "Hall of Fame/Founders Award" (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
27/10/2022
Il Comune pulisce i fossi Rio Petronilla e via Galilei (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji