Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

'Tipicità' conclude la sua vetrina estiva

Fermo | 'Tartufi, visciole e...le prelibatezze del Monte Catria'

di Loretta Del Bianco

Si concludeva ieri, 3 settembre 2004, la serie di appuntamenti estivi della rassegna ‘Tipicità’, il festival dei prodotti tipici delle Marche.
 
Dopo lo Stoccafisso all’Anconitana, si celebravano i sapori di una particolare area della provincia di Pesaro-Urbino rinomata per la presenza di  numerose specialità. ‘Tartufi, visciole e tutte le prelibatezze del Catria’ è stato il tema della serata che ha avuto luogo presso l’Osteria ‘Il Frantoio’ di Fermo.
Cantato dal sommo Dante nella Divina Commedia, il Monte Catria si distingue nella dorsale appenninica grazie al suo inconfondibile profilo gibboso. Esso offre una mensa traboccante di gioielli di inestimabile valore: tartufi, visciole, farro, pere angeliche, sacconi, cresce,…
 
Erano presenti le rappresentanze dei comuni Serra Sant’Abbondio, Frontone e Pergola. ‘ Il nostro territorio ha bisogno di essere valorizzato poiché la sua economia si basa prevalentemente sulle specialità enogastonomiche. Oggi manca la peculiarità nel vino bianco, pouichè le moderne tecniche di produzione hanno portato i vini all’omologazione’- spiega l’enologo assessore Franco Tonelli, ammirevole per il suo recupero di vitigni autoctoni storici, come il Moscatello e la Vernaccia Rossa di Pergola,  prossimamente denominata ‘Pergola Rosso’.
L’assessore di Pergola Paolo Righi, in seguito, ricorda ai presenti i Bronzi di Cartoceto di Pergola, i vini locali e la fiera del tartufo in ottobre.
 
Gustando il Montepulciano Sangiovese, vino barriccato nato nel tardo ottocento, si assaggiavano i pecorini, le pere, la frittatina al tartufo e la coratella coi funghi dell’antipasto. Il ‘Vernaculum’, invece, bagnava il Polentone alla Carbonara, ricetta celebrativa di un’antica tradizione delle montagne pesaresi, ovvero quella dei carbonai. Dopo le tagliatelle ai funghi della montagna e il coniglio alle erbette strascinate, si potevano gustare alcuni dolci accompagnati dal famoso ‘Vi’ de Visciole’ o ‘Visneir’, come lo chiamano i locali.
 
Giampietro Volpi, sindaco e cuoco di Frontone, ripercorre la storia della città dai  DellaRovere ai Montefeltro, spiegando le differenze fra la piadina romagnola e la crescia di frontone, a sua volta differente dalle altre cresce italiane. Infine, la serata si concludeva con la lettura di alcune poesie e le onoranze ai rappresentanti dell pro-loco della città di serra Sant’Abbondio, famosa per la corsa delle oche durante il Palio della Rocca.

04/09/2004





        
  



3+1=

Altri articoli di...

Fermo

06/04/2007
An: "Vinceremo al primo turno" (segue)
06/04/2007
Fermana: festa insieme al Comune per la Promozione (segue)
06/04/2007
Concerto di Pasqua con il Trio Sabin (segue)
06/04/2007
Blitz del Corpo forestale: sequestrato anche il canile di Capodarco (segue)
06/04/2007
Parte il dizionario della cucina marchigiana (segue)
06/04/2007
Basket: l'Elsamec si rovina la festa (segue)
06/04/2007
Acquista la casa all'asta e la proprietaria si vendica avvelenandole le piante (segue)
05/04/2007
Due arresti per le rapine alle tabaccherie: ma i due sono già in carcere (segue)

Cronaca e Attualità

24/05/2011
Risparmi oltre il 40% per la pubblica illuminazione (segue)
21/05/2011
Conto alla rovescia per la “FESTA DEGLI INCONTRI” Si terrà il 28 maggio a Piane di Montegiorgio (segue)
11/05/2011
In marcia per la solidarità ’ SMERILLO – MONTEFALCONE 8° edizione (segue)
11/05/2011
Nuovo sportello di Equitalia Marche nella neonata provincia di Fermo (segue)
11/05/2011
Emergenza anziani e pensionati (segue)
01/05/2011
GMG 2011 A Madrid: a breve la scadenza delle iscrizioni (segue)
01/05/2011
“Le Province d’Europa si incontrano”: il 2 maggio un incontro sulla “Resistenza civile” (segue)
28/04/2011
25 APRILE in memoria di due giovani (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji