Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Gli auguri ai 9000 militari italiani in missione all'estero

| A loro il Presidente della Repubblica Ciampi invia i suoi auguri in videoconferenza.

di Alberto Premici

Il capo dello Stato si è rivolto oggi a tutti i militari impegnati nelle 20 missioni all'estero, appartenenti all'Esercito, alla Marina, dell'Aeronautica ed ai Carabinieri; sono oltre 9000 e distribuiti in ogni parte del mondo: AFGHANISTAN (515), IRAQ (2.600 ), MARE ARABICO (245), INDIA-PAKISTAN (7), CISGIORDANIA (15), EGITTO (80), ISRAELE (8), LIBANO (50), ERITREA (60), SAHARA OCCIDENTALE (4), KOSOVO (2.780), ALBANIA (790), MACEDONIA (70), BOSNIA-ERZEGOVINA (1.360), e altre missioni come l'EUPM, EUMM, Malta e ACTIVE ENDEAVOUR con altri 275 militari.

E' la prova che l'Italia ha sempre risposto fattivamente alle recenti richieste di contingenti militari formulate dall'ONU, per portare sicurezza laddove manca. A loro gli auguri del Presidente della Repubblica e di tutti gli italiani, rinnovando la stima e l'apprezzamento per il loro lavoro, senza dimenticare tutti quelli che hanno perso la vita nel compimento del proprio dovere, come il recente tributo di sangue dei Carabinieri nel vile attacco alla caserma di Nassirya. Grazie a loro la pace può diventare una realtà per molti popoli e non una idea astratta.

24/12/2003





        
  



5+5=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

17/06/2020
“Cin Cin”: a tavola con i vini naturali (segue)
10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
21/12/2019
Autostrada, la situazione continua a degenerare (segue)
21/12/2019
La camminata in Sentina ha un doppio significato quest'anno (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
30/10/2019
Paese Alto, approvata la Ztl (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji