Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Proseguono le inchieste su l'Imam Abdellah Labdidi

Fermo | A chiedere l'acquisizione della registrazione è stato il procuratore Piero Banchieri.

La Digos ha acquisito la registrazione della predica dall'imam di Fermo Abdellah Labdidi fatta per la fine del Ramadan, l'uomo citato in un articolo del Corriere della Sera per dei «sermoni d'odio» che sarebbero stati tenuti in quell'occasione in diverse moschee. Labdidi, un marocchino di 35 anni, che vive da 12 in Italia e è sposato con due figli piccoli, aveva già mostrato il filmato della festa ai giornalisti invitandoli anche a vedere il luogo dove i musulmani della zona si riuniscono in preghiera e le aule della scuola domenicale di arabo per i bambini. A chiedere l'acquisizione della  registrazione è stato Piero Banchieri, il procuratore di Fermo, il quale, sembrerebbe fin d'ora propenso ad escludere che il tenore del discorso tenuto dall'imam sia tale da prefigurare possibili reati, come il terrorismo.

Se fosse successo, tra l'altro, la competenza sarebbe della Procura distrettuale. Baschieri, che forse già domani potrebbe avere un rapporto della Digos ha spiegato: «Volevo essere informato perché l'episodio non rimanesse un mero discorso giornalistico». L'imam aveva fin da subito categoricamente smentito di aver fatto una predica inneggiante all'odio, precisando di evitare in genere argomenti 'politici', in particolare per il Ramadan, che per i musulmani è un «periodo di purificazione».

Agli inquirenti risulta inoltre che Labdidi è un uomo molto conosciuto nella zona come «valida cerniera» tra le forze di polizia e le autorità e la comunità musulmana, tanto da aver invitato alla festa per la fine del Ramadan anche il dirigente del Commissariato di polizia, il quale, impossibilitato a presenziare, aveva mandato due agenti in sua vece. Restando comunque in attesa degli accertamenti, che hanno comportato l'apertura di un fascicolo Baschieri ha commentato: «Chi fa questo non dice poi cose che potrebbero costargli l'espulsione». Labdidi, informalmente sentito dagli investigatori sul suo coinvolgimento nella vicenda, avrebbe ipotizzato che tutto il polverone sia stato alzato perché si vuole rimuoverlo dall'incarico.

02/12/2003





        
  



4+4=

Altri articoli di...

Fermo

06/04/2007
An: "Vinceremo al primo turno" (segue)
06/04/2007
Fermana: festa insieme al Comune per la Promozione (segue)
06/04/2007
Concerto di Pasqua con il Trio Sabin (segue)
06/04/2007
Blitz del Corpo forestale: sequestrato anche il canile di Capodarco (segue)
06/04/2007
Parte il dizionario della cucina marchigiana (segue)
06/04/2007
Basket: l'Elsamec si rovina la festa (segue)
06/04/2007
Acquista la casa all'asta e la proprietaria si vendica avvelenandole le piante (segue)
05/04/2007
Due arresti per le rapine alle tabaccherie: ma i due sono già in carcere (segue)

Cronaca e Attualità

24/05/2011
Risparmi oltre il 40% per la pubblica illuminazione (segue)
21/05/2011
Conto alla rovescia per la “FESTA DEGLI INCONTRI” Si terrà il 28 maggio a Piane di Montegiorgio (segue)
11/05/2011
In marcia per la solidarità ’ SMERILLO – MONTEFALCONE 8° edizione (segue)
11/05/2011
Nuovo sportello di Equitalia Marche nella neonata provincia di Fermo (segue)
11/05/2011
Emergenza anziani e pensionati (segue)
01/05/2011
GMG 2011 A Madrid: a breve la scadenza delle iscrizioni (segue)
01/05/2011
“Le Province d’Europa si incontrano”: il 2 maggio un incontro sulla “Resistenza civile” (segue)
28/04/2011
25 APRILE in memoria di due giovani (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji