Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'attentato di Madrid- il terrorismo: "la peste del XXI secolo"

| Si indaga a tutto campo dopo il messaggio delle brigate Abu Hafs Al-Misri. Verifica delle misure antiterrorismo in Italia.

di Alberto Premici

Sul tremendo attentato terroristico di Madrid che ha provocato la morte di 198 persone ed il ferimento di 1.500, ampia solidarietà e sdegno nelle dichiarazione dei massimi esponenti politici italiani.

Il vice presidente del Consiglio Gianfranco Fini: "La tragedia di Madrid dimostra che il terrorismo rappresenta davvero lo spettro, la peste del XXI secolo. Non si possono fare paragioni o graduatorie.Chi ha detto che si tratta dell'11 settembre europeo, l'11 marzo ha detto una cosa che condidivo pienamente. La questione della lotta al terrorismo deve continuare ad essere centrale nell'azione di ogni governo e sempre piu' centrale nell'azione degli organismi internazionali al di là di chi materialmente ha collocato le bombe".

Nella tarda serata di ieri, le sedicenti brigate Abu Hafs Al-Misri hanno rivendicato la paternità dell' attentato in un comunicato recapitato alla redazione londinese del quotidiano arabo Al-Quds Al-Arab. In un passaggio si legge testualmente : "Si tratta solo di una parte del pagamento di vecchi conti con la Spagna crociata alleata dell'America nella sua guerra contro l'Islam. Dov'è l'America oh Aznar? Chi ti proteggerà da noi, chi proteggerà te la Gran Bretagna, il Giappone e l'Italia, e gli altri che operano con voi. Quando colpimmo le forze italiane a Nassiriya vi lanciammo un monito per voi e per gli agenti dell'America affinchè ritiraste la vostra alleanza contro l'Islam e non avete compreso il messaggio. Speriamo che lo comprendiate questa volta. Noi delle brigate Abu Hafs Al-Misri non ci rattristiamo per la morte di quelli che vengono definiti civili".

Il primo ministro spagnolo Aznar replica: "Non ci saranno riserve per combattere il fanatismo religioso o etnico, che risponde ad uno stesso impulso assassino". Tony Blair "il terribile attacco sottolinea la minaccia che il terrorismo rappresenta in tanti Paesi e le ragioni per le quali dobbiamo lavorare insieme per salvaguardare le nostre popolazioni". George W. Bush,  ha contattato telefonicamentel re Juan Carlos e Aznar. "Condividiamo il dolore delle famiglie - ha detto il presidente Usa - e siamo fermamente al fianco della Spagna. Apprezzo molto la risolutezza con cui il governo spagnolo affronta la lotta contro il terrorismo". Messaggi di solidarietà anche da Giovanni Paolo II, Vladimir Putin e Jaques Chirac.

Il premier Silvio Berlusconi e Romano Prodi saranno presenti a Madrid questa sera ove è prevista un'imponente manifestazione contro il terrorismo alle 19,00. Il ministro dell'Interno Pisanu intanto, dopo una riunione con il Capo della Polizia, con il prefetto Gianni de Gennaro, il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri ed il direttore del Sisde, prefetto Mario Mori, ha disposto una ulteriore verifica delle misure antiterrorismo gia' in atto.

12/03/2004





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji