Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Si è conclusa la campagna di selecontrollo dei cinghiali

Ascoli Piceno | In azione ben 330 operatori faunistici

Celani e Petrucci

All'importante attività formativa e didattica in aula di nuovi operatori faunistici, fa seguito sul campo l'azione della Provincia nella selezione e controllo della fauna selvatica (ungulati) che costituisce da tempo una seria minaccia a centri abitati, coltivazioni e allevamenti, in particolar modo dell'entroterra piceno.

Con l'abbattimento di oltre cento esemplari, si è conclusa infatti nei giorni scorsi la campagna di selecontrollo, (durata in tutto sei giornate) che ha visto all'opera 330 operatori faunistici, equamente divisi in 11 squadre per 4 macroaree (Rovetino, Montefiore, Montevarmine e Ripatransone) coordinati dagli agenti della Polizia Provinciale che hanno vigilato al pieno rispetto della legalità e delle norme di riferimento. Il tutto sotto la regia dei funzionari del Servizio "Caccia e Pesca" che, in collaborazione con la sezione locale dell'ATC (Ambito Territoriale di Caccia), hanno curato nei dettagli l'importante intervento a tutela dell'ambiente e della salvaguardia del territorio.

I capi abbattuti sono stati poi trasportati al mattatoio di Ascoli dove gli addetti, sotto la vigilanza del servizio veterinario dell'ASUR, hanno effettuato le varie operazioni previste dalla normativa (come l'analisi delle viscere, lo smaltimento degli scarti, il rilascio nulla-osta su carni commestibili, ecc.).

L'Assessore alla Caccia, Aleandro Petrucci, sottolineando le finalità e gli obiettivi generali del piano di abbattimento selettivo elaborato, nei mesi scorsi, dai tecnici della Provincia (documento che aveva ottenuto parere favorevole da parte dei funzionari dell'ISPRA), ha specificato "il buon lavoro effettuato dai selecontrollori, che, debitamente formati dalla Provincia e tutti iscritti in un pubblico registro, hanno contribuito con il loro operato ad una efficace azione per la salvaguardia dell'ecosistema".

"Si è trattato di un risultato molto positivo che conferma l'opportunità di un intervento resosi urgente in quanto la specie degli ungulati, particolarmente fertile e priva di predatori naturali, provoca ingenti enormi in particolar modo alle coltivazioni agricole di cui, poi, tutta la collettività è chiamata a farsi carico" ha commentato il Presidente della Provincia Piero Celani.

Gli interventi di controllo straordinario del cinghiale sono stati effettuati nel settore C, come prevede il Regolamento Provinciale, in cui la presenza della specie, ritenuta incompatibile, rappresenta una minaccia alla salvaguardia delle colture agricole e delle altre specie selvatiche. Di qui, si è reso necessario di procedere alla sua eradicazione.

Il cinghiale inoltre, nelle zone collinari e costiere, costituisce un pericolo alla circolazione stradale, alle coltivazioni agricole, ai vivai ornamentali, forestali e agli impianti sportivi, provocando danni di cui si devono fare carico sia la Provincia, sia l'Ambito Territoriale di Caccia. Senza dimenticare infine che, in diverse zone (non solo dell'entroterra piceno), la sua presenza nei pressi di aie, corti, abitazioni e centri abitati posa mettere a repentaglio la sicurezza e l'incolumità dei cittadini.

20/03/2012





        
  



5+3=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

27/06/2016
Marittimo si infortuna a bordo di un peschereccio, interviene la Guardia Costiera. (segue)
27/06/2016
Seconda edizione dell’English Summer Camp (segue)
27/06/2016
Ascoli Piceno: Incidente nei pressi del percorso della cronoscalata "Coppa Paolino Teodori" (segue)
26/06/2016
La Festa del Buon Vicinato in via del Correggio (segue)
25/06/2016
I Porti delle Marche, un'opportunità da valorizzare ... (segue)
25/06/2016
Porto S. Elpidio: Polizia arresta rumeno colpito da mandato di cattura europeo (segue)
25/06/2016
Grottammare: Sportello edilizio on line; un incontro per conoscerlo (segue)
25/06/2016
Si fa festa nella pineta di via San Carlo, nel quartiere Valtesino (segue)

Ascoli Piceno

27/06/2016
Ascoli Piceno: Incidente nei pressi del percorso della cronoscalata "Coppa Paolino Teodori" (segue)
25/06/2016
Le pajarole di Acquaviva Picena: prodotto artigianale e patrimonio culturale (segue)
23/06/2016
Francesco Carboni è il nuovo allenatore dell'Atletico Azz. Colli (segue)
22/06/2016
Concorso “B.E.St.”, 30 borse di studio per gli studenti universitari del Piceno (segue)
21/06/2016
Cena con prodotti a km zero al Ristorante Zenobi (segue)
21/06/2016
Dal 21 al 26 giugno 17ª Festa della Birra, Salsicce e Arrosticini (segue)
21/06/2016
Giorgio Merletti ad Ascoli Piceno: "Siamo Presidenti di categoria in un periodo molto difficile" (segue)
16/06/2016
Il Consorzio Vini Piceni protagonista alla presentazione della guida del Gambero Rosso “Roma ” 2017 (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus