Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Si è conclusa la campagna di selecontrollo dei cinghiali

Ascoli Piceno | In azione ben 330 operatori faunistici

Celani e Petrucci

All'importante attività formativa e didattica in aula di nuovi operatori faunistici, fa seguito sul campo l'azione della Provincia nella selezione e controllo della fauna selvatica (ungulati) che costituisce da tempo una seria minaccia a centri abitati, coltivazioni e allevamenti, in particolar modo dell'entroterra piceno.

Con l'abbattimento di oltre cento esemplari, si è conclusa infatti nei giorni scorsi la campagna di selecontrollo, (durata in tutto sei giornate) che ha visto all'opera 330 operatori faunistici, equamente divisi in 11 squadre per 4 macroaree (Rovetino, Montefiore, Montevarmine e Ripatransone) coordinati dagli agenti della Polizia Provinciale che hanno vigilato al pieno rispetto della legalità e delle norme di riferimento. Il tutto sotto la regia dei funzionari del Servizio "Caccia e Pesca" che, in collaborazione con la sezione locale dell'ATC (Ambito Territoriale di Caccia), hanno curato nei dettagli l'importante intervento a tutela dell'ambiente e della salvaguardia del territorio.

I capi abbattuti sono stati poi trasportati al mattatoio di Ascoli dove gli addetti, sotto la vigilanza del servizio veterinario dell'ASUR, hanno effettuato le varie operazioni previste dalla normativa (come l'analisi delle viscere, lo smaltimento degli scarti, il rilascio nulla-osta su carni commestibili, ecc.).

L'Assessore alla Caccia, Aleandro Petrucci, sottolineando le finalità e gli obiettivi generali del piano di abbattimento selettivo elaborato, nei mesi scorsi, dai tecnici della Provincia (documento che aveva ottenuto parere favorevole da parte dei funzionari dell'ISPRA), ha specificato "il buon lavoro effettuato dai selecontrollori, che, debitamente formati dalla Provincia e tutti iscritti in un pubblico registro, hanno contribuito con il loro operato ad una efficace azione per la salvaguardia dell'ecosistema".

"Si è trattato di un risultato molto positivo che conferma l'opportunità di un intervento resosi urgente in quanto la specie degli ungulati, particolarmente fertile e priva di predatori naturali, provoca ingenti enormi in particolar modo alle coltivazioni agricole di cui, poi, tutta la collettività è chiamata a farsi carico" ha commentato il Presidente della Provincia Piero Celani.

Gli interventi di controllo straordinario del cinghiale sono stati effettuati nel settore C, come prevede il Regolamento Provinciale, in cui la presenza della specie, ritenuta incompatibile, rappresenta una minaccia alla salvaguardia delle colture agricole e delle altre specie selvatiche. Di qui, si è reso necessario di procedere alla sua eradicazione.

Il cinghiale inoltre, nelle zone collinari e costiere, costituisce un pericolo alla circolazione stradale, alle coltivazioni agricole, ai vivai ornamentali, forestali e agli impianti sportivi, provocando danni di cui si devono fare carico sia la Provincia, sia l'Ambito Territoriale di Caccia. Senza dimenticare infine che, in diverse zone (non solo dell'entroterra piceno), la sua presenza nei pressi di aie, corti, abitazioni e centri abitati posa mettere a repentaglio la sicurezza e l'incolumità dei cittadini.

20/03/2012





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

24/02/2017
“Campioni in Tour” approda a San Benedetto (segue)
24/02/2017
Al “Primavera”, un grande lunedì di Carnevale (segue)
24/02/2017
Sostegno all’Inclusione Attiva, urge un “tagliando” all’intervento (segue)
24/02/2017
Polizia: intensificate le attività operative a San Benedetto (segue)
24/02/2017
Dare forma ad una Rete Ciclabile Regionale: la Giunta approva una delibera. (segue)
24/02/2017
PSR 2014/2020: nelle zone terremotate 11,7 milioni in pagamento, per 2500 aziende agricole (segue)
24/02/2017
Incidente con mezzo pesante, Polizia scopre cronotachigrafo digitale alterato. (segue)
24/02/2017
Parte il progetto “MiniGeographie” (segue)

Ascoli Piceno

23/02/2017
Ascoli Piceno: Ape contromano a luci spente sul Raccordo Autostradale (segue)
22/02/2017
Piceno: le Imprese assumono, ma il lavoro rimane precario. (segue)
22/02/2017
“Donne e Politica”, un incontro alla Cartiera Papale di Ascoli (segue)
20/02/2017
“Italia Nostra”: «Le Chiese del Piceno, salviamole prima che sia troppo tardi» (segue)
18/02/2017
Il Colli pareggia 0 a 0 con il Portorecanati (segue)
17/02/2017
Rocambolesco inseguimento nel Centro Storico di Ascoli: giovane in stato d’ebbrezza, denunciato (segue)
14/02/2017
Cambio della guardia alla direzione artistica di Cabaret AmoreMio (segue)
14/02/2017
Flavio Genovesi, nuovo Commissario Capo della Questura di Ascoli (segue)

Nella Chiesa privata di Sinéad O'Connor

Sinéad O' Connor "I'm not bossy, i'm the boss"

Paolo De Bernardin

Il bianco degli alberi di Guido Armeni

L'esposizione mette a fuoco un'attività sviluppata su direttrici nazionali e internazionali e frutto della presenza in gallerie e enti pubblici.

Andrea Carnevali


Io e Caino