Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Si è conclusa la campagna di selecontrollo dei cinghiali

Ascoli Piceno | In azione ben 330 operatori faunistici

Celani e Petrucci

All'importante attività formativa e didattica in aula di nuovi operatori faunistici, fa seguito sul campo l'azione della Provincia nella selezione e controllo della fauna selvatica (ungulati) che costituisce da tempo una seria minaccia a centri abitati, coltivazioni e allevamenti, in particolar modo dell'entroterra piceno.

Con l'abbattimento di oltre cento esemplari, si è conclusa infatti nei giorni scorsi la campagna di selecontrollo, (durata in tutto sei giornate) che ha visto all'opera 330 operatori faunistici, equamente divisi in 11 squadre per 4 macroaree (Rovetino, Montefiore, Montevarmine e Ripatransone) coordinati dagli agenti della Polizia Provinciale che hanno vigilato al pieno rispetto della legalità e delle norme di riferimento. Il tutto sotto la regia dei funzionari del Servizio "Caccia e Pesca" che, in collaborazione con la sezione locale dell'ATC (Ambito Territoriale di Caccia), hanno curato nei dettagli l'importante intervento a tutela dell'ambiente e della salvaguardia del territorio.

I capi abbattuti sono stati poi trasportati al mattatoio di Ascoli dove gli addetti, sotto la vigilanza del servizio veterinario dell'ASUR, hanno effettuato le varie operazioni previste dalla normativa (come l'analisi delle viscere, lo smaltimento degli scarti, il rilascio nulla-osta su carni commestibili, ecc.).

L'Assessore alla Caccia, Aleandro Petrucci, sottolineando le finalità e gli obiettivi generali del piano di abbattimento selettivo elaborato, nei mesi scorsi, dai tecnici della Provincia (documento che aveva ottenuto parere favorevole da parte dei funzionari dell'ISPRA), ha specificato "il buon lavoro effettuato dai selecontrollori, che, debitamente formati dalla Provincia e tutti iscritti in un pubblico registro, hanno contribuito con il loro operato ad una efficace azione per la salvaguardia dell'ecosistema".

"Si è trattato di un risultato molto positivo che conferma l'opportunità di un intervento resosi urgente in quanto la specie degli ungulati, particolarmente fertile e priva di predatori naturali, provoca ingenti enormi in particolar modo alle coltivazioni agricole di cui, poi, tutta la collettività è chiamata a farsi carico" ha commentato il Presidente della Provincia Piero Celani.

Gli interventi di controllo straordinario del cinghiale sono stati effettuati nel settore C, come prevede il Regolamento Provinciale, in cui la presenza della specie, ritenuta incompatibile, rappresenta una minaccia alla salvaguardia delle colture agricole e delle altre specie selvatiche. Di qui, si è reso necessario di procedere alla sua eradicazione.

Il cinghiale inoltre, nelle zone collinari e costiere, costituisce un pericolo alla circolazione stradale, alle coltivazioni agricole, ai vivai ornamentali, forestali e agli impianti sportivi, provocando danni di cui si devono fare carico sia la Provincia, sia l'Ambito Territoriale di Caccia. Senza dimenticare infine che, in diverse zone (non solo dell'entroterra piceno), la sua presenza nei pressi di aie, corti, abitazioni e centri abitati posa mettere a repentaglio la sicurezza e l'incolumità dei cittadini.

20/03/2012





        
  



4+5=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

01/11/2014
Povera Costante Maria, s'inaugura la sede. (segue)
31/10/2014
Il 1° novembre il Comune commemorerà i defunti (segue)
31/10/2014
In via di ultimazione i lavori per i campi del rugby (segue)
30/10/2014
Proseguono i lavori per l'adeguamento dello stabilimento Ospedaliero del Madonna del Soccorso (segue)
30/10/2014
Cooking Show alla Fiera del Tartufo di Acqualagna. (segue)
29/10/2014
Buone pratiche all'Ospedale Madonna del soccorso (segue)
28/10/2014
Mercoledì 29 ottobre evento con il Pesce dell'Adriatico e le Bollicine con il cuoco Roger Di Pietro (segue)
28/10/2014
Martedì 4 novembre la giornata delle Forze Armate e dell'Unità Nazionale (segue)

Ascoli Piceno

28/10/2014
Martedì 4 novembre la giornata delle Forze Armate e dell'Unità Nazionale (segue)
27/10/2014
Ospedale unico di vallata: si puo' e si deve fare (segue)
26/10/2014
L'Ascoli fugge ma il Gubbio la riacciuffa. Ed è pari. (segue)
26/10/2014
C'è sempre il tutto esaurito, allo Stand delle Marche al Salone del Gusto di Torino (segue)
25/10/2014
Comunicato stampa M5S e Insieme per fare (segue)
25/10/2014
A Good Year: un’ottima annata per l'Azienda Velenosi (segue)
25/10/2014
"Location & Fashion - Contest Moda Italia" (segue)
24/10/2014
Appalti: documento unitario della Minoranza (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

Coco Chanel e Louise de Vilmorin

Coco Chanel
Come da titolo, il libro racconta la storia della vita di Coco, dalla sua prima infanzia fino al momento in cui CHANEL diventa il nome che tutti oggi conosciamo.

Antonella Baiocchi


Io e Caino