Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Arriva il Latte Fresco Piceno “doc”

Ascoli Piceno | Visita alla centrale e lezione in classe per festeggiare con Coldiretti questo avvenimento.

Una visita con gli alunni della Scuola Elementare di Monticelli (Ascoli Piceno) all’interno della centrale del latte ascolana e una lezione per i piccoli studenti della Scuola Elementare “Cavour” di Fermo. E’ in questo modo che Coldiretti Ascoli celebrerà domani mattina l’entrata in vigore dell’etichettatura obbligatoria dell’origine del latte fresco, che dispone di indicare il luogo di mungitura, oltre a quello di confezionamento.

Ad Ascoli i 50 alunni effettueranno una visita agli stabilimenti della Agri Latte, gruppo Cooperlat Tre Valli, alla scoperta dei segreti di quello stesso latte che è l’alimento principale della loro colazione.

Gli esperti della Coldiretti saranno inoltre alla scuola Cavour di Fermo, dove terranno una lezione sul latte e spiegheranno gli effetti della nuova normativa.

“Abbiamo voluto ancora una volta puntare su un’iniziativa di educazione alimentare rivolta ai bambini, vista anche l’importanza che il consumo di latte riveste nella dieta delle giovani generazioni – spiega il presidente di Coldiretti Ascoli, Marco Maroni -.

Ma è chiaro che l’etichettatura dell’origine porta maggiore trasparenza nella spesa del consumatore, che oggi può finalmente sapere se il latte che acquista viene prodotto nel suo territorio o all’estero, e costituisce un’occasione per le imprese, che vedranno riconosciuto l’alto valore delle proprie produzioni”.

Tra l’altro nel nostro territorio si produce un latte particolarmente ricco a livello nutritivo, e il fatto che possa essere finalmente riconoscibile apre interessanti opportunità a livello economico.

“La speranza è che questa ulteriore vittoria ottenuta dalla Coldiretti faccia da preludio all’applicazione della legge n. 204 che prevede l'obbligo di indicare sulle etichette l'origine di tutti gli alimenti commercializzati – aggiunge il direttore di Coldiretti Ascoli, Alberto Bertinelli -, e per la quale abbiamo raccolto oltre un milione di firme, di cui circa diecimila nella nostra provincia, con il contributo delle associazioni dei consumatori e di quanti hanno a cuore che il Made in Piceno possa affermarsi come fattore di crescita economica di tutto il nostro territorio”.

06/06/2005





        
  



1+4=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Economia e Lavoro

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)
24/10/2022
Premi di studio della Banca del Piceno a 59 giovani (segue)
24/10/2022
Clinica Villa dei Pini: arriva l’innovativa Risonanza magnetica (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji