Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Rifiuti ingombranti

Ascoli Piceno | Continua tra i cittadini, nonostante i servizi offerti, l’abitudine di abbandonare i rifiuti ingombranti lungo le strade.

 

Nel 2002 ne furono raccolti 690.210 kg e l’anno successivo 671.510. Quantitativi importanti, eppure i rifiuti ingombranti, nonostante una ordinanza sindacale vieti l’abbandono in modo indiscriminato di qualsiasi tipo di rifiuto sul suolo comunale, continuano ad essere lasciati in strada.

“Eppure – ricorda l’assessore all’Ambiente, Claudio Travanti – abbiamo un efficiente servizio di raccolta anche per questo genere di rifiuti. I cittadini possono scegliere se conferirli direttamente in discarica o farli ritirare, previa telefonata, in giorni concordati”

Per il ritiro gratuito degli ingombranti, i cittadini possono chiamare la ditta Formula Ambiente, tel. 0736/2255219, per prenotare il ritiro che, di solito, viene effettuato il mercoledì e giovedì.
In questo caso i rifiuti ingombranti (elettrodomestici, apparecchiature elettroniche, ecc.) vengono ritirati in prossimità del domicilio dell'utente, a bordo strada.

Oppure il cittadino può portarli direttamente all’isola ecologica presso la discarica di Relluce (tel. 0736/403427), uno spazio attrezzato per questo tipo di raccolta che è aperto tutti i giorni, dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle 12.30.

Ma nonostante queste possibilità, molto pratica quella del ritiro a domicilio, i rifiuti ingombranti continuano ad essere abbandonati lungo le strade cittadine.

“Non è un bel vedere – commenta l’assessore Travanti – specie in una città d’arte come la nostra. Frigoriferi, vecchi divani o vecchie cucine ogni tanto fanno capolino abbandonati lungo le strade cittadine.

La Polizia Municipale cui compete la vigilanza sul rispetto delle disposizioni dell’ordinanza sulla raccolta dei rifiuti e per l'applicazione delle sanzioni previste nel caso di accertamento della violazione di quanto in essa disposto interviene spesso, multando, con sanzioni amministrative che vanno da € 51,64 a € 154,93, chi usa luoghi pubblici come deposito di immondizie, ma credo che il momento sanzionatorio debba cedere il passo al senso civico.

L’ambiente è un bene comune. Tutti i cittadini devono concorrere a salvaguardarlo e proteggerlo. Per questo voglio rivolgere un invito a quanti devono disfarsi di rifiuti ingombranti: utilizzate i servizi messi a disposizione. Il ritiro a domicilio, ad esempio, è gratuito.

Perché allora rischiare una multa? Inoltre – conclude l’assessore Travanti – vorrei ricordare alle imprese edili che i calcinacci devono essere conferiti presso apposite strutture gestite da ditte private che riciclano, con una apposita lavorazione, questi materiali”.

Intanto, nei prossimi giorni saranno intensificati i controlli e la Polizia Municipale monitorerà con maggiore attenzione questo fenomeno.

22/05/2005





        
  



1+1=

Altri articoli di...

Cronaca e Attualità

17/06/2020
“Cin Cin”: a tavola con i vini naturali (segue)
10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
21/12/2019
Autostrada, la situazione continua a degenerare (segue)
21/12/2019
La camminata in Sentina ha un doppio significato quest'anno (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
19/11/2019
Controlli durante la "Movida"del sabato sera da parte della Guardia di Finanza (segue)
30/10/2019
Paese Alto, approvata la Ztl (segue)

Ascoli Piceno

10/01/2020
Sicurezza stradale il bilancio annuale della Polizia Stradale (segue)
17/12/2019
È stato inaugurato Sabato 14 dicembre il "Punto Bio Ama Terra" (segue)
17/12/2019
Prefettura:"Festività natalizie, Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica" (segue)
08/12/2019
LA GUARDIA DI FINANZA "SUI CAMPI" CONTRO IL "CAPORALATO" (segue)
25/11/2019
Carlo Crivelli e il suo polittico di Sant’Emidio (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji